Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia blocca temporaneamente ChatGPT per problemi di privacy

L’Italia blocca temporaneamente ChatGPT per problemi di privacy

ROMA (AP) – L’Italia bloccherà temporaneamente il software di intelligenza artificiale ChatGPT a seguito di una violazione dei dati mentre indaga sulle violazioni delle norme sulla protezione dei dati dell’UE, ha detto venerdì il garante della privacy.

L’autorità italiana per la protezione dei dati adotterà misure provvisorie “fino a quando ChatGPT non rispetterà la privacy”, inclusa la limitazione temporanea del trattamento da parte della società dei dati degli utenti italiani.

OpenAI, la società americana che ha creato il chatbot, ha dichiarato venerdì pomeriggio di aver “disabilitato ChatGPT per gli utenti in Italia su richiesta dell’organizzazione italiana”. La società ritiene che le sue pratiche siano conformi alla legge europea sulla privacy e si aspetta che ChatGPT sia presto disponibile.

È “il primo controllo a livello nazionale della più grande piattaforma di intelligenza artificiale di una democrazia”, ​​ha affermato Alb Toker, direttore di NetBlocks, un gruppo che monitora l’accesso globale a Internet.

Sebbene alcune scuole pubbliche e università in varie parti del mondo abbiano bloccato ChatGPT dalle loro reti locali a causa di problemi di plagio, ora non è chiaro come l’Italia lo bloccherà a livello nazionale. Sembra che lo abbia fatto chiedendo a OpenAI di rimuovere le restrizioni tecniche che limitano l’accesso al sito Web di OpenAI all’interno dei confini nazionali.

È improbabile che la mossa influisca anche sulle applicazioni di aziende che dispongono già di licenze OpenAI per utilizzare la stessa tecnologia del suo chatbot, come il motore di ricerca Bing di Microsoft.

I sistemi di intelligenza artificiale costruiti da questi chatbot sono chiamati modelli linguistici completi e sono in grado di imitare gli stili di scrittura umani basati sui libri digitali e sulla scrittura online che consumano.

READ  L'Italia vieta la vendita dei biglietti per il Feyenoord e chiude le tribune degli spettatori delle Olimpiadi

L’autorità per la protezione dei dati ha affermato che OpenAI deve riferire entro 20 giorni quali misure ha adottato per garantire la privacy dei dati degli utenti o affrontare una multa fino a 20 milioni di euro (quasi 22 milioni di dollari) o il 4% delle loro entrate annuali complessive.

La dichiarazione dell’agenzia citava il regolamento generale sulla protezione dei dati e osservava che il 20 marzo ChatGPT ha subito una violazione dei dati che coinvolgeva informazioni sulle “conversazioni degli utenti” e sui pagamenti degli abbonati.

OpenAI aveva precedentemente annunciato che doveva portare ChatGPT offline il 20 marzo per correggere un bug che consentiva ad alcune persone di vedere gli argomenti o le righe dell’oggetto della cronologia chat di altri utenti.

“La nostra indagine ha rivelato che l’1,2% dei dati personali degli utenti di ChatGPT Plus potrebbe essere stato divulgato a un altro utente”, ha affermato la società. “Riteniamo che il numero di utenti i cui dati sono stati rilasciati a un’altra persona sia estremamente basso e abbiamo contattato le persone interessate”. ___ O’Brien ha riferito da Providence, Rhode Island. Lo scrittore dell’Associated Press Kelvin Chan ha contribuito da Londra.

PAPÀ

Conoscere il regime di fiducia