Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Italia bandisce il numero 88 per combattere l’antisemitismo – DW – 28/06/2023

L’Italia bandisce il numero 88 per combattere l’antisemitismo – DW – 28/06/2023

Italia Ha annunciato che vieterà la cessione della maglia portante il numero 88 ai calciatori, si legge in un documento emesso martedì (27/06/2023) e firmato dal ministro dell’Interno Matteo Piantidosi e da altre autorità, con l’intenzione di adottare misure contro l’antisemitismo negli stadi.

Il documento porta anche le firme del ministro dello Sport e della Gioventù, Andrea Abudi, del Coordinatore nazionale per la lotta all’antisemitismo, Giuseppe Pecoraro, e del presidente della Federcalcio italiana, Gabriele Gravina.

“88” è il numero che… I Walidiani Lo usano come slogan perché equivale al grido “Heil, Hitler”, perché la “H” è l’ottava lettera dell’alfabeto.

Lotta alla discriminazione nello sport

Si tratta, nel documento, di un testo di “grande valore simbolico” che comprende anche misure concrete “per iniziare un buon cammino contro la discriminazione nello sport, sulla base dell’antisemitismo”.

“C’è molto da fare nel mondo dello sport”, ha detto il ministro Piantidosi.

Allo stesso tempo, Aboudi ha sottolineato che “i contenuti contenuti in questa dichiarazione di intenti ci obbligano non solo moralmente, ma anche al salto di qualità culturale che vogliamo realizzare”.

Nel comunicato il mondo politico e sportivo si impegna a “non assegnare ai giocatori la maglia dell’88”. Allo stesso modo, ai fan è “vietato usare qualsiasi simbolo che possa evocare… Nazismo e antisemitismo“, “ritenere i membri del club responsabili del linguaggio discriminatorio” e “decidere come boicottare le partite” in caso di cori discriminatori.

Problemi con gli ultras della Lazio

Il punto è Stop ai cori razzisti e antisemiti Che di solito si sente in alcune partite calciocome quei cori lanciati dagli ultras della Lazio lo scorso marzo allo Stadio Olimpico di Roma, violazione che portò allo stop della partita.

READ  Un incrocio approssimativo tra Kitty Romero e Woot Wighurst nel pareggio di Premier League tra Tottenham Hotspur e Manchester United.

Quindici giorni fa un gruppo di un centinaio di tifosi della Lazio sono stati ripresi mentre si dichiaravano orgogliosamente razzisti in un coro in cui insultavano i tifosi della Roma dicendo che i loro genitori erano stati deportati nei campi di concentramento nazisti.

L’incidente è stato uno di una serie di incidenti che hanno coinvolto i tifosi più intransigenti della Lazio, alcuni dei quali sono più di destra in un paese dove i gruppi di tifosi fascisti sono comuni. La scorsa stagione, ad esempio, l’allenatore mascotte dell’aquila della Lazio ha elogiato i dittatori Benito Mussolini e Francisco Franco dopo essere stati sospesi dal club per aver fatto il saluto fascista alla fine di una partita.

Esempio internazionale

La responsabile delle comunità ebraiche italiane, Noemi De Segni, ha elogiato l’iniziativa per “velocità e concretezza”, considerandola un “colpo in contro” RazzismoSecondo lui, ciò renderà l’Italia “un esempio a livello internazionale”.

Nella scorsa stagione solo due giocatori del campionato italiano, il croato Mario Pasalic, centrocampista dell’Atalanta, e Toma Pesek, giocatore della Lazio, hanno indossato il numero 88 sulle loro maglie. In Bundesliga per oltre dieci anni sono ammessi solo i numeri di maglia fino al 40.

Joe (Effie, AFP)