Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L'Italia approva un pacchetto anticrisi da 40 miliardi |  Economia

L'Italia approva un pacchetto anticrisi da 40 miliardi | Economia

La realtà sarà peggiore di quanto immaginasse l’ex dirigente italiano negli ultimi mesi del suo mandato lo scorso anno. Il Consiglio dei ministri italiano, presieduto da Mario Draghi, ha approvato ieri nuove misure di stimolo per le imprese e ha colto l'occasione per aggiornare il quadro macroeconomico per il 2021. La crescita è ora al 4,5% e il deficit crescerà all'11%, 8%. Inoltre, il debito accumulato del Paese raggiungerà ora il 159,8%. L'ex dirigente…

Registrati gratuitamente per continuare a leggere

Se hai un account EL PAÍS, puoi usarlo per identificarti

La realtà sarà peggiore di quanto immaginasse l’ex dirigente italiano negli ultimi mesi del suo mandato lo scorso anno. Il Consiglio dei ministri italiano, presieduto da Mario Draghi, ha approvato ieri nuove misure di stimolo per le imprese e ha colto l'occasione per aggiornare il quadro macroeconomico per il 2021. La crescita è ora al 4,5% e il deficit crescerà all'11%, 8%. Inoltre, il debito accumulato del Paese raggiungerà ora il 159,8%. Il precedente esecutivo, guidato da Giuseppe Conte, aveva stimato a ottobre una crescita al 6%, un deficit attorno al 7% e un debito al 155,6%.

maggiori informazioni

L'aumento del deficit è dovuto, tra l'altro, al pacchetto di aiuti approvato finora dal governo quest'anno e al calo del PIL. Giovedì il Consiglio dei ministri ha dato il via libera a un nuovo scostamento di bilancio da 40 miliardi di euro, che assumerà la forma di aiuti diretti alle imprese e ai settori dell’economia colpiti dall’epidemia, ma si concretizzerà soprattutto delle esenzioni fiscali. . Si tratta di un'iniziativa che si aggiunge ai 32.000 milioni di dollari approvati appena un mese fa e che, nelle parole di Draghi, è stata “una risposta forte contro la povertà”. “So che è una risposta parziale, ma è il massimo che possiamo fare; arriveranno nuove misure”, si è quasi scusato il primo ministro annunciando l'arrivo di più soldi.

READ  La siccità in Europa influisce sulla produzione globale di olio d'oliva e ne fa aumentare il prezzo

In attesa dei soldi europei

I dati di crescita italiana sono ancora superiori alla media degli ultimi anni. Ma è molto meno. Nel 2022, l'esecutivo prevede ora che l'economia italiana cresca del 4,8% e che cresca meno nettamente nei due anni successivi: 2,6% nel 2023 e 1,8% nel 2024. La previsione è che il deficit scenda al 5,9% del Pil. nel 2022, al 4,3% nel 2023 e al 3,4% nel 2024, così che nel 2025 riacquisterà valori inferiori al 3%. Per tutto questo contiamo sull’arrivo dei fondi europei. L’Italia riceverà 209 miliardi di euro da investire nel piano di ripresa, che sarà presentato la prossima settimana al Parlamento.

Il documento approvato dal Consiglio dei ministri conferma anche che ci sarà una riforma fiscale nella seconda metà del 2021. Non è ancora chiaro quali punti affronterà, ma Draghi ha già dato come esempio il processo di ristrutturazione portato avanti dalla Danimarca , dove sono stati ridotti tre punti di pressione fiscale. “Tutte le complessità della valutazione saranno affrontate”, afferma il documento. L'idea coincide con quella già espressa dal Primo Ministro riguardo alla riforma globale. Il nuovo quadro macroeconomico ha rivisto anche il dato del debito, che inizierà a diminuire dopo essere aumentato significativamente quest'anno. La cifra raggiungerà il 156,3% del Pil nel 2022, il 155% nel 2023 e il 152,7% nel 2024.

Programma dei cinque giorni

Le quotazioni economiche più importanti del giorno, con chiavi e contesto per comprenderne la portata.

Ricevilo nella tua email