Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’inflazione dell’Eurozona reagisce alla BCE e si modera per il terzo mese all’8,6%

L’inflazione dell’Eurozona reagisce alla BCE e si modera per il terzo mese all’8,6%

Il rialzo dei tassi più veloce dalla creazione dell’euro, con cui la Banca Centrale Europea (BCE) ha fissato il tasso monetario al 3% a febbraio, L’inflazione è autorizzata a moderarsi per il terzo mese consecutivo all’8,6%, il livello più basso dal giugno dello scorso anno, prima che inizi il cambiamento di politica monetaria. Il rialzo dei prezzi è stato contenuto dal 9,2% raggiunto in media a dicembre tra i Paesi che condividono la moneta, anche se l’inflazione core (che esclude dai suoi calcoli le componenti più volatili come energia o alimentari freschi) segna un nuovo limite storico. al 5,3%, dando più argomenti all’entità guidata da Christine Lagarde per continuare ad aumentare i tassi di interesse.

I dati confermati da Eurostat questo giovedì significano una revisione al rialzo della stima pubblicata poche settimane fa. Questa revisione risponde al fatto che nel calcolo iniziale non poteva fare affidamento sui dati di inflazione per la Germania a causa di problemi tecnici. Nell’insieme dei paesi dell’Unione Europea, il tasso annuo dell’indice dei prezzi al consumo ha raggiunto il 10% il mese scorso, quattro decimi in meno rispetto a dicembre, accumulando anche tre mesi consecutivi di moderazione.

Ancora una volta, la Spagna si classifica come una delle economie in cui l’aumento dei prezzi è diminuito del 5,9%., con solo il Lussemburgo che offre una percentuale inferiore (5,8%). Questo fatto consente all’economia nazionale di continuare a guadagnare competitività rispetto ai suoi principali partner commerciali. Ovviamente lo spread è diminuito di un punto rispetto al mese precedente a 2,7. La media spagnola è molto indietro rispetto all’Italia (10,7%), alla Germania (9,2%) e alla Francia (7%), le tre maggiori economie della regione.

READ  Dall'Italia negano che la cittadinanza italiana, "Eos Sanguines", sia in pericolo

Il cibo continua a salire

L’aumento dei prezzi dell’energia è sceso al 18,9% a gennaio dal 25,5% di dicembre 2022, Mentre il prezzo dei generi alimentari freschi ha raggiunto l’11,3%.Rispetto al 12% del mese scorso, una leggera moderazione che difficilmente i consumatori noteranno nelle loro tasche (il cibo nel suo complesso è diventato più caro del 14,1%, quasi tre punti in più rispetto al mese precedente). Allo stesso tempo, i servizi sono aumentati del 4,4% su base annua, un dato molto simile a dicembre, mentre i beni industriali non energetici sono aumentati del 6,7%, tre decimi in più rispetto al mese precedente.

Alla luce di questi dati e a un anno dall’inizio della guerra in Ucraina, che è stata la spinta che ha accelerato l’aumento dei prezzi, Pedro del Pozo, direttore degli investimenti finanziari di Mutualidad de la Abogacía, non esclude il verificarsi di un’inflazione nel mondo. Il livello è ancora superiore ai livelli a cui siamo stati abituati ultimamente, oltre a mantenere più alti i tassi di interesse. L’esperto vede ancora “molta tensione”, in particolare, nel settore delle materie prime per alimenti non trasformati.