Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’immigrazione divide l’UE e indebolisce la Dichiarazione di Grenada

L’immigrazione divide l’UE e indebolisce la Dichiarazione di Grenada

La minaccia di un blocco da parte di Ungheria e Polonia sul testo finale del Consiglio europeo spinge i partner a eliminare ogni riferimento alla migrazione dalla dichiarazione del vertice.

L’accordo di maggioranza raggiunto mercoledì per riformare la politica migratoria comune dei 27 partner comunitari non è bastato a porre fine all’annacquamento dei punti più controversi del Consiglio europeo informale di venerdì, istituito su richiesta dell’Italia. La divisione risultante dalle nuove norme sull’immigrazione e sull’asilo è stata così grave da distruggere l’ambizione dell’organizzazione, responsabile della presidenza di turno del Consiglio dell’Unione Europea, e che la Spagna detiene questo semestre, di pubblicare la “Dichiarazione di Granada .” Condiviso e integrato, che finì per essere decaffeinato ignorando completamente il tema del disaccordo. Un silenzio scomodo e significativo che il presidente del Consiglio europeo Charles Michel è stato costretto a riempire con una dichiarazione solitaria sulla migrazione.

La giornata era già iniziata con un violento incidente ferroviario che preannunciava il deragliamento verso cui si stava dirigendo il Consiglio europeo informale. Mentre i presidenti del Consiglio europeo e del Consiglio europeo hanno celebrato le virtù dell’ultimo accordo, Ungheria e Polonia lo hanno criticato al punto da paragonarlo ad una violazione.

È la Carta dei disaccordi che riguarda la regolamentazione della crisi, l’ultimo elemento in attesa di progettazione del Patto europeo su migrazione e asilo, e che è stato oggetto di un’aspra lotta tra Germania e Italia. Tuttavia, l’incontro degli ambasciatori tenutosi mercoledì a Bruxelles ha permesso di sbloccare i negoziati e di sostenere il regime di emergenza che costringe i partner ad aiutare un Paese che vede i suoi confini sopraffatti dall’aumento della pressione migratoria. Parallelamente, il piano mira a rafforzare i controlli alle frontiere e ad aumentare la cooperazione con i paesi di origine e di transito per ridurre i movimenti irregolari.

READ  L'Unione Europea cambierà la fissazione dei prezzi dell'energia per combattere la corsa inflazionistica

“Se ti violentano, legalmente, e ti costringono ad accettare qualcosa che non vuoi, come può esserci un accordo? È impossibile”, ha gridato il primo ministro ungherese Viktor Orban al suo arrivo al consiglio, riferendosi all’immigrazione. Imprecare.

“La Polonia esercita con forza il suo veto su una simile posizione. L’ho detto ieri a molti primi ministri, ed è strano che molti siano d’accordo con me ma abbiano paura di questi diktat che vengono da Bruxelles e Berlino. Noi non abbiamo paura di questi diktat, lo abbiamo già dimostrato. A loro si è unito il primo ministro polacco Mateusz Moravec. A parte l’opposizione diretta di Ungheria e Polonia, l’accordo ha portato all’astensione dal voto di Austria, Repubblica Ceca e Slovacchia.

Da parte loro, il primo ministro italiano, Giorgia Meloni, e il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, hanno sottolineato durante il vertice l’importanza dell’accordo.

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha elogiato l’accordo: “Una cosa deve essere molto chiara: abbiamo obblighi internazionali che adempiremo, li abbiamo adempiuti in passato e lo stiamo facendo ora”. “Noi europei decideremo chi verrà in Europa e in quali circostanze, non la mafia o i trafficanti”, ha sottolineato.

Per finire di aggiungere tensione al vertice, la sfida migratoria era già stata un argomento controverso il giorno prima, quando il primo ministro britannico Rishi Sunak e il suo omologo italiano avevano organizzato un incontro segreto a margine della riunione della Comunità politica europea. Con un piccolo numero di partecipanti, i leader francesi, Emmanuel Macron; L’Olanda Mark Rutte e l’Albania Edi Rama alla presenza di von der Leyen.

Il forum alternativo si è concluso con la diffusione di una lettera congiunta di Sunak e Meloni pubblicata ieri sul Corriere della Sera. “Ogni settimana, migliaia di migranti attraversano il Mediterraneo per raggiungere l’Italia, entrando illegalmente in Europa. Molti si dirigono verso nord per raggiungere il Regno Unito. Per questo stiamo lavorando insieme per fermare le barche e chiediamo a tutti di agire con lo stesso senso di urgenza. ” Lui dice.

READ  Lola Casademunt arriva a Lisbona con la sua prima boutique firmata El Corte Inglés

Infine, il vertice culmina con la pubblicazione della Dichiarazione di Granada decaffeinata, dalla quale viene omesso ogni riferimento all’immigrazione, data la minaccia immediata di bloccare il testo da parte di Ungheria e Polonia.