Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L'ex vicepresidente dell'Ecuador ha raccontato in un video clip come è stato arrestato all'interno dell'ambasciata messicana e ha annunciato uno sciopero della fame.

L'ex vicepresidente dell'Ecuador ha raccontato in un video clip come è stato arrestato all'interno dell'ambasciata messicana e ha annunciato uno sciopero della fame.

In un video, l'ex vicepresidente incarcerato ha raccontato come è avvenuto il raid all'ambasciata messicana a Quito

Mentre i governi messicano ed ecuadoriano si mobilitano davanti ai forum internazionali per chiarire cosa è successo il 5 aprile, nel carcere di massima sicurezza di La Roca, Giorgio Vetro, L'ex vicepresidente dell'Ecuador, condannato e indagato per corruzione, ha annunciato uno sciopero della fame. L'avvocato di Glass, Sonia Vera, ha condiviso su X un breve video in cui il politico raccontava il suo arresto presso la sede diplomatica messicana.

Nel pomeriggio del 5 aprile, il Messico ha concesso asilo politico a Jorge Glass, che è entrato nell'ambasciata messicana a Quito nel dicembre 2023. Questo ingresso ha permesso a Glass di eludere un mandato di arresto relativo al caso di ricostruzione di Manabi, in cui è stato collegato a corruzione . . L'ex vicepresidente Rafael Correa ha già due sentenze definitive relative al caso Odebrecht e al caso di corruzione. accanto a, Il suo assistente lo ha denunciato per intimidazione. Quella notte, in un'incursione condannata da paesi di tutto il mondo, la polizia ecuadoriana ha fatto irruzione nella sede diplomatica messicana e ha arrestato Jorge Glass.

Dopo aver trascorso la mattina presto del 6 aprile nell'unità di segnalazione di Quito, Glass è stato trasferito a Guayaquil, per essere detenuto a La Roca, un carcere di massima sicurezza dove sono detenuti leader criminali e altri prigionieri come il figlio del vicepresidente, Veronica. È stato indagato per traffico di influenza; L'ex capo della magistratura Wilman Teran e l'ex deputato Pablo Montes; Quest'ultimo è associato rispettivamente a casi di metastasi e metastasi.

In mattinata sono state pubblicate le foto di come le forze ecuadoriane hanno fatto breccia nella sede diplomatica e hanno puntato armi da fuoco contro l'ambasciatore Roberto Senseco. Credito: governo del Messico

Glass ha confermato che un agente di polizia gli ha letto i suoi diritti al momento del suo arresto. Ha anche raccontato di essere stato picchiato e di essere svenuto a causa delle “percosse” subite. Ha anche detto che il governo di Andrés Manuel López Obrador gli ha restituito la dignità: “L'asilo non mi ha dato la libertà, ma mi ha dato la dignità di essere una persona politicamente perseguitata”.

READ  Dopo settimane di negoziati, Haiti ha istituito un consiglio presidenziale transitorio per eleggere un nuovo primo ministro

Secondo il servizio carcerario, l'8 aprile Glass è stato trasferito in ospedale dopo essere stato risarcito perché si rifiutava di mangiare. Il 9 aprile, dopo che le sue condizioni si sono stabilizzate, è tornato in prigione. L'ex presidente Rafael Correa, su richiesta delle autorità ecuadoriane, ha confermato in X che non esisteva tale risarcimento ma che si trattava di un tentativo di suicidio.

L'ex controllore ecuadoriano, Carlos Bullet, è sotto processo nel sistema giudiziario statunitense. Mentre la Corte nazionale di giustizia persegue il caso di ostruzione alla giustizia, che riguarda ex membri del Consiglio giudiziario. In entrambi i casi, i testimoni hanno denunciato la corruzione e la manipolazione dei politici ecuadoriani.

Immagine dell'archivio. Il presidente ecuadoriano Rafael Correa (D) alza il pugno con il suo compagno di corsa Jorge Glas poco dopo aver annunciato la sua candidatura a presidente e vicepresidente nel febbraio 2013, a Quito. 10 novembre 2012. (Reuters/Guillermo Granja)

Negli Stati Uniti, José Conceicao SantosEx dirigente di Odebrecht in Ecuador, ha affermato di aver fornito tangenti per almeno 55 milioni di dollari a funzionari ecuadoriani tra il 2010 e il 2016. Di questi, da 17 a 18 milioni di dollari sono stati dati a Glas in contanti e trasferimenti, e 12 milioni di dollari sono stati concessi a Glas. Paulette in contanti, come riportato primi frutti.

Nel frattempo, in Ecuador, Alex Palacios, ex consigliere dell'ex capo della magistratura Wilman Teran, ha testimoniato come testimone protetto. Il 26 novembre 2022, Wilman Teran avrebbe consegnato il documento di misura cautelare per consentire il rilascio temporaneo di Jorge Glass. Il 28 novembre 2022 il giudice Emerson Koripalu ha accettato questa misura cautelare a favore di Glass. Koripalu, Teran e Palacios sono sotto processo per un tumore maligno. Palacios è entrato nel sistema dei testimoni protetti e ha ritenuto Wolman Teran responsabile della sua vita e di quella della sua famiglia.

READ  La fine dell'azione affermativa sulle università americane - DW - 29/06/2023

Sempre nella sua testimonianza di mercoledì, Javier Muñoz, ex magistrato, ha rivelato di aver avuto un incontro con l'ex presidente Rafael Correa, che lo ha informato, in cambio dell'appoggio del blocco Corista nell'Assemblea affinché potesse potrebbe farlo. Non è stato rimosso e ha dovuto sostenere Wellman Tiran. Muñoz ha detto che Ferdinand Alvarez, ex deputato di Corresta e socio dell'ex consigliere di Glass che lo ha denunciato, e Alimbert Vera, ex membro del Consiglio di Partecipazione, gli hanno raccomandato Correa. Muñoz ha detto che Bibian Hernandez, che Correa avrebbe detto essere il suo avvocato e che è sotto processo nel caso Amistad per riciclaggio di denaro, è riuscito nel Consiglio di Partecipazione a nominare Teran capo della magistratura. Muñoz ha precisato che all'ordine del giorno c'è il licenziamento del procuratore generale Diana Salazar e del viceprocuratore generale. Ha anche parlato del piano per permettere a Rafael Correa di ritornare in Ecuador, rivedendo la sentenza sul caso di corruzione. Di questo ha parlato anche Palacios, sottolineando che spetta a lui ottenere voti per estendere la posizione dei giudici che esamineranno la sentenza, due dei quali sono già stati scelti per pronunciarsi a favore di Correa, secondo le testimonianze. .