Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’ex esercito colombiano ad Haiti calunnia il primo ministro Claude Joseph per il crimine del presidente Moise: svelati nuovi dettagli

Il primo ministro ad interim Claude Joseph tiene una conferenza stampa quasi una settimana dopo l’assassinio del presidente Jovenel Moise, a Port-au-Prince, Haiti, il 13 luglio 2021. REUTERS/Ricardo Arduingo

Questo mercoledì arrivano nuove informazioni da Haiti sul caso Assassinio del presidente Jovenel Moses che comprende molti ex militari colombiani. Secondo un’indagine di Noticias Caracol, nell’efferato delitto sarebbe implicato il premier Claude Joseph, che prenderà il potere sull’isola dopo la morte del capo dello Stato.

L’agenzia di stampa colombiana ha rivelato che l’assassinio ha iniziato a essere pianificato nel novembre 2020 Presso il quartier generale della CTU Security a Miami. Dicono che il venezuelano Antonio Intriago, proprietario dell’azienda, il regista colombiano Archangel Brittle, l’americano haitiano James Soulages, il diplomatico haitiano di cognome Asgard, il medico haitiano già arrestato Christian Sanon e il colombiano Jonathan Rivera abbiano incontrato Garcia.

Il piano era principalmente quello di rapire il presidente Moise per prendere il potere e lasciare Claude Joseph, l’attuale primo ministro di Haiti, come presidente. Si tratta di un’ipotesi rafforzata dalle indagini delle autorità haitiane e degli investigatori dell’FBI.

Il primo ministro ad interim di Haiti, Claude Joseph (al centro), parla oggi durante la presentazione della commissione incaricata di organizzare i funerali del presidente assassinato Jovenel Moise, a Port-au-Prince (Haiti).  EFE / Jean-Marc Hervé Abelard
Il primo ministro ad interim di Haiti, Claude Joseph (al centro), parla oggi durante la presentazione della commissione incaricata di organizzare i funerali del presidente assassinato Jovenel Moise, a Port-au-Prince (Haiti). EFE / Jean-Marc Hervé Abelard

E i media, che hanno rivelato in esclusiva questi dettagli, hanno confermato che il colombiano Brittel e l’haitiano James Soulages, dopo il loro incontro a Miami, sono tornati a cercare Jonathan Rivera, che era presente all’incontro, e li hanno portati dal fratello Capitano dell’esercito in pensione Germain Rivera, verso il sergente in pensione Duverne Cappador.

READ  Cile: il Congresso rifiuta di ritirare i fondi pensione in un'inflazione senza precedenti | Il governo di Borek cerca di rivitalizzare l'economia e contenere socialmente i cileni

Per quanto riguarda il reclutamento di mercenari colombiani, il capitano Rivera e il sergente Cappador erano responsabili del loro reclutamento attraverso tre società colombiane riconosciute per inviare personale militare in pensione per fornire servizi di sicurezza in Medio Oriente.

Secondo quanto riferito, sette colombiani hanno assassinato il presidente

D’altra parte, la giornalista Semana Salud Hernandez-Moura situata a Port-au-Prince, Ha confermato che uno dei detenuti colombiani è scoppiato in lacrime quando ha visto le prove Le autorità possedevano la loro autorità e lui non aveva altra scelta che ammettere che sette mercenari colombiani avevano assassinato il presidente Moyes.

Noticias Caracol ha anche la stessa copia ei nomi di quei sette colombiani che sono entrati e hanno assassinato il presidente, accompagnati da tre poliziotti haitiani. Avrebbero potuto essere Carlos Guerrero, Mauricio Romero, Duverne Cappador, Juan Carlos Yepes, Manuel Grosso, Neil Duran, Naiser Franco.

Mercenari colombiani ad Haiti.  Foto: (Colprensa Externos)
Mercenari colombiani ad Haiti. Foto: (Colprensa Externos)

“In un batter d’occhio, dei mercenari hanno fatto irruzione in casa mia e hanno ucciso mio marito”.Lo ha detto la first lady di Haiti in una registrazione audio diffusa nel fine settimana.

Ecco come nascono le famiglie

Dopo aver commesso il crimine, i mercenari erano usciti di scena e, secondo la CNN, sarebbero rimasti intrappolati in una barriera attivata dall’Unità di Pubblica Sicurezza al Palazzo Nazionale. “Potevamo sentirli parlare e urlare in spagnolo.”La fonte ha detto ai media americani. Stavano parlando e sapevano esattamente cosa stavano affrontando..

Le forze di sicurezza haitiane hanno preferito attendere la comparsa dei fuggitivi. Alla fine, alle 15, secondo la CNN, le forze haitiane hanno lanciato tre lacrimogeni in strada davanti al negozio dove si erano rifugiati i mercenari, permettendo alle colonne di gas di diffondersi all’interno. Iniziarono le trattative.

READ  Le ombre fastidiose che possono soffocare Volodymyr Zelensky | Cosa riserva il futuro al presidente dell'Ucraina

All’inizio non sapevamo quante persone ci fossero fino al rilascio degli ostaggi. Poi gli ostaggi dissero che avevano circa 25 anni e io dissi: “Oh, beh, abbiamo a che fare con un plotone”., ha detto la fonte di quella newsletter.

Foto d'archivio di giornalisti vicino alla residenza del presidente haitiano dopo l'assassinio di Jovenel Moise da parte di uomini armati non identificati a Port-au-Prince.  7 luglio 2021. Proibirne la rivendita o utilizzarlo come file.
Foto d’archivio di giornalisti vicino alla residenza del presidente haitiano dopo l’assassinio di Jovenel Moise da parte di uomini armati non identificati a Port-au-Prince. 7 luglio 2021. Proibirne la rivendita o utilizzarlo come file.

I colombiani Mauricio Javier Romero, Doberni Cappador e Miguel Guillermo Garzon sono morti nei combattimenti. Altri sono stati arrestati e stanno ancora rivelando informazioni su questo crimine che ha terrorizzato l’isola.

Continuare a leggere: