Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Eurogruppo sta cercando di avvicinare le sue posizioni sulle regole fiscali, ma è ancora lontano dall’accordo  Economia nazionale ed internazionale

L’Eurogruppo sta cercando di avvicinare le sue posizioni sulle regole fiscali, ma è ancora lontano dall’accordo Economia nazionale ed internazionale

La prima vicepresidente e ministro ad interim degli Affari economici, Nadia Calviño, accompagnata dal presidente dell’Autorità bancaria europea, José Manuel Campa, ministri e rappresentanti, si presenta alla precedente riunione dell’Eurogruppo e dell’Ecofin.Lavandera Junior (EFE)

I ministri dell’Economia e delle Finanze dell’Unione Europea si incontreranno lunedì e martedì a Lussemburgo, durante il quale cercheranno di avvicinare le posizioni sulla riforma delle regole sul deficit e sul controllo del debito, anche se l’incontro non dovrebbe consentire ciò. Raggiungere un accordo come previsto dalla presidenza spagnola del Consiglio.

L’incontro inizierà lunedì con un incontro tra i ministri dell’Eurozona (Eurogruppo), il cui punto più importante sarà il dialogo con il ministro del Tesoro americano, Janet Yellen, su questioni di interesse transatlantico, al termine del quale i partner del gruppo si incontreranno . Il lavoro su un euro digitale e l’attuazione di piani di ripresa post-pandemia e di iniziative per rafforzare l’unione dei mercati dei capitali sono argomenti ricorrenti in questo forum.

L’incontro di martedì continuerà a discutere le regole fiscali come punto principale all’ordine del giorno, dopo che la presidenza spagnola dell’UE ha confermato a settembre che la maggior parte delle questioni tecniche erano state risolte e che i negoziati potevano entrare nella fase politica per raggiungere un accordo. Conclusione di un accordo tra i due paesi entro la fine dell’anno.

Un alto funzionario europeo ha affermato, prima di aspettarsi “colloqui intensi” in Lussemburgo, che “le discussioni sono progredite in uno spirito molto positivo e la presidenza spagnola sta facendo enormi sforzi per riunire tutti”.

I contatti che sono proseguiti a tutti i livelli dopo l’incontro di Santiago de Compostela non hanno permesso di colmare il divario che separa coloro che vogliono maggiori garanzie per ridurre effettivamente i livelli di debito e deficit – decine di paesi, Germania in testa – e coloro che vogliono più garanzie per ridurre effettivamente i livelli di debito e deficit – circa una dozzina di paesi, guidati dalla Germania – e coloro che vogliono maggiori garanzie per ridurre effettivamente i livelli di debito e deficit – circa una dozzina di paesi, guidati dalla Germania – e coloro che vogliono più garanzie per ridurre i livelli di debito e deficit. ridurre efficacemente i livelli di debito e deficit – circa una dozzina di paesi, guidati dalla Germania – e coloro che vogliono maggiori garanzie per ridurre effettivamente i livelli di debito e deficit – circa una dozzina di paesi, guidati dalla Germania – e coloro che vogliono maggiori garanzie per ridurre effettivamente i livelli di debito e deficit – circa una dozzina di paesi, guidati dalla Germania – e coloro che vogliono maggiori garanzie per ridurre effettivamente i livelli di debito e deficit livelli di deficit – circa una dozzina di paesi, guidati dalla Germania – e coloro che vogliono più garanzie per ridurre efficacemente i livelli di debito e deficit – circa una dozzina di paesi, guidati dalla Germania, richiedono un margine maggiore per alcuni investimenti, con Francia e Italia che sono i principali esponenti .

READ  Il Fondo Monetario Internazionale ammette che c'è un "glitch" ma esclude una "spirale inflazionistica"

Molte fonti europee ritengono quindi che martedì non sarà possibile raggiungere un accordo, come voleva la Spagna, e indicano l’incontro previsto a novembre o addirittura dicembre come date più fattibili per raggiungere un accordo che sarà poi negoziato con l’Unione Europea. Parlamento.

Ha aggiunto: “Crediamo che ci sia una via da seguire, e dovrebbe esserci perché è positivo raggiungere un accordo, ma ci rendiamo conto che, poiché è la prima volta che i ministri discutono insieme tutte queste questioni, sarà una compito enorme da intraprendere.” “Martedì”, dice qualcuno.

L’incontro di Lussemburgo dovrebbe portare alla discussione dei punti più controversi della riforma, sulla base di un documento preparato dalla presidenza spagnola, in particolare le garanzie comuni per garantire che i paesi più indebitati riducano in modo inequivocabile il loro rapporto debito/PIL.

Un’altra questione chiave che rimane aperta è quale insieme di riforme e investimenti consentirà ai paesi di estendere il periodo di aggiustamento fiscale da quattro a sette anni, e in particolare quale tipo di spesa dovrebbe essere presa in considerazione a questo riguardo.

La proposta originale prevede che queste riforme e investimenti mirino a sostenere la crescita, affrontare gli squilibri in ciascuna economia o promuovere transizioni verdi o digitali, ma alcune capitali vogliono includere altre priorità, come gli investimenti nella difesa e nella sicurezza.

Sì, c’è già consenso sull’idea che l’indicatore principale per misurare lo sforzo fiscale sia la spesa primaria netta, ma i partner della comunità stanno ancora discutendo su quali voci possano essere escluse da essa oltre alla spesa per interessi sul debito e ai sussidi di disoccupazione periodici.

Oltre alle nuove regole fiscali, i ministri prevedono di approvare un piano di ripresa spagnolo rivisto dopo l’approvazione di Bruxelles, discutere l’impatto economico della guerra in Ucraina, compreso il lavoro dell’UE per cercare di far sì che i proventi dei beni russi congelati possano essere utilizzati per la ricostruzione, e aggiornare la lista nera. Dai paradisi fiscali.

READ  Danimarca e Italia sono gli ultimi ostacoli che Calviño deve affrontare nella sua candidatura a membro della Banca Europea per gli Investimenti

D’altro canto, l’incontro di Lussemburgo non risolverà lo stallo nei negoziati sulla futura presidenza della Banca europea per gli investimenti, posizione alla quale aspirano la vicepresidente spagnola Nadia Calviño e altri quattro candidati, tra cui la danese Margrethe Vestager. .

Né la Francia né la Germania hanno deciso ufficialmente chi sosterranno, e il governo belga, che guida la carica, continua a cercare chi di loro possa ottenere l’approvazione della maggioranza del capitale tenendo conto del mandato dell’attuale presidente, Werner Hoyer. , non scade fino al 31 dicembre.

Segui tutte le informazioni Cinque giorni In Facebook, S E LinkedIno dentro La nostra newsletter Programma dei cinque giorni