Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’economia sommersa sale al 24% del Pil, il terzo tasso più alto in Europa

L’economia sommersa sale al 24% del Pil, il terzo tasso più alto in Europa

IL L'economia sommersa è più elevata in Spagna Di quanto si pensasse inizialmente. Almeno, questa è la conclusione di una nuova ricerca sul peso reale dell’economia informale nei paesi dell’Unione europea, pubblicata lo scorso dicembre dalla Fondazione Studi Europei. Ufficio nazionale di ricerca economica.

La Commissione Europea stima che il mercato nero in Spagna si avvicinerà al 17% del Pil nel 2021, poco al di sotto della media comunitaria (17,4%), dopo la progressiva integrazione dei Paesi dell’Est, dove l’economia informale è, in media, qualcosa di superiore. . Ma le stime della Banca Mondiale hanno portato la cifra a circa il 20%.

Tuttavia, il nuovo indicatore sviluppato da Francesco Papada e Kenneth S. Rogoff (sotto il nome abbreviato EVADE), sulla base dell’analisi dell’evasione fiscale sull’IVA, aumenta il peso dell’economia sommersa in Spagna a Il 24% del PIL, la terza percentuale più alta nell’Unione EuropeaÈ solo dietro alla Grecia, al 36%, e all’Italia, a poco più del 30%.

In ogni caso è A Si tratta di una cifra molto più alta della media ufficiale dell’Unione Europea e delle economie ricche nel loro insieme, e vicina al 17%.E avvicinandosi agli standard dei paesi in via di sviluppo e dei mercati emergenti, che in media rappresentano circa il 32% del PIL.

ecsum1.png

Inoltre, nel caso della Spagna, la cifra rappresenta il 24% Fino a 7 punti percentuali in più rispetto alle stime alternative. Infatti, è l’economia nazionale che registra la maggiore deviazione dagli indicatori di misurazione utilizzati dalla Banca Mondiale e dalle autorità sociali.

ecsum2.png

D'altra parte, secondo questo studio. Una crescita dell’1% del PIL porta ad una diminuzione di 0,6 punti nelle dimensioni dell’economia sommersa. Il mercato nero cresce notevolmente nei periodi di recessione e si riduce nei periodi di prosperità economica. Anche la disoccupazione è una variabile da tenere in considerazione e, a questo proposito, vale la pena notare che la Spagna ha il tasso di disoccupazione più alto nell’OCSE, vicino al 12%.

READ  Il Portogallo spera di ripristinare i numeri del 2019 entro due anni