Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le morti a Gaza, la risposta israeliana e altro ancora

Le morti a Gaza, la risposta israeliana e altro ancora

Scoppiano proteste in Medio Oriente mentre gli alleati arabi degli Stati Uniti mettono in guardia dall’espellere i palestinesi

I manifestanti marciano venerdì a Sanaa, nello Yemen, per denunciare l’attacco israeliano a Gaza. (Khaled Abdullah/Reuters)

Venerdì sono scoppiate proteste in tutto il mondo arabo a causa della guerra a Gaza e della minaccia di un’operazione di terra israeliana che potrebbe sfollare milioni di palestinesi.

Dopo la preghiera del venerdì, migliaia di manifestanti sono scesi in piazza in Egitto, Giordania, Libano, Iraq, Yemen e Cisgiordania per protestare contro le azioni di Israele nella guerra contro Hamas.

Secondo i dati del Ministero della Sanità palestinese, la guerra finora ha provocato la morte di 4.127 persone a Gaza. Israele ha lanciato i suoi attacchi in risposta all’attacco mortale effettuato da Hamas contro il Paese il 7 ottobre. Secondo le autorità israeliane, nell’attacco sono state uccise 1.400 persone e circa 200 sono state prese in ostaggio.

In segno di crescente rabbia per l’operazione israeliana a Gaza, l’Egitto ha organizzato la sua prima grande protesta nazionale in un decennio. Centinaia di manifestanti si sono radunati venerdì vicino a piazza Tahrir, nel centro del Cairo, a sostegno dei palestinesi. Manifestazioni sono state organizzate anche in altre città del Paese.

Alcuni partecipanti alle proteste del Cairo hanno cantato: “Dov’è l’esercito arabo?” “Ecco i sionisti”, riferendosi alla polizia egiziana antisommossa, che ha spinto i manifestanti nella vicina piazza Bab El Louk e ha chiuso la strada per Tahrir.

Nella capitale libanese, Beirut, diverse centinaia di persone sono scese in piazza per denunciare l’attacco israeliano. Molti sventolavano bandiere palestinesi e libanesi, insieme alle bandiere del gruppo Hezbollah sostenuto dall’Iran e del suo alleato politico in Libano, il Movimento Amal. I giovani manifestanti hanno bruciato la bandiera americana in segno di rifiuto del sostegno di Washington a Israele.

READ  Omaggio alla Regina Elisabetta II in tutto il mondo

In Iraq, centinaia di persone, la maggior parte delle quali sostenitori delle milizie appoggiate dall’Iran, hanno organizzato venerdì un sit-in di protesta al principale valico di frontiera dell’Iraq con la Giordania. Altri hanno protestato a Baghdad, non lontano dalla Zona Verde fortificata, che ospita l’ambasciata americana.

Nella capitale giordana, Amman, circa 6.000 manifestanti hanno manifestato a sostegno degli abitanti di Gaza. Alcuni hanno scandito slogan che invitavano Hamas a intensificare i suoi attacchi contro Israele, secondo quanto riportato da Reuters.

Le proteste evidenziano la crescente rabbia nelle strade arabe e la frustrazione dei leader della regione nei confronti della guerra, con l’aumento del numero delle vittime palestinesi e con l’apparente riluttanza degli Stati Uniti a porre limiti alle azioni di Israele.

La retorica contro Israele si è intensificata soprattutto da parte dei governi di Giordania ed Egitto, due paesi alleati degli Stati Uniti che confinano con Israele e che sono stati i primi paesi arabi a firmare trattati di pace con quel paese. Amman e Il Cairo hanno lanciato l’allarme su quello che considerano un piano per trasferire i palestinesi da Gaza e dalla Cisgiordania all’Egitto e alla Giordania. Sebbene Israele non abbia annunciato alcun piano del genere, i due paesi hanno avvertito che tale azione potrebbe portare alla guerra.