Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le missioni su Marte non dovrebbero superare i 4 anni a causa delle radiazioni

Immagine concettuale che mostra una missione con equipaggio su Marte.

Immagine concettuale che mostra una missione con equipaggio su Marte.
foto: NASA.

La cooperazione internazionale di scienziati afferma che è sicuro per gli astronauti Vola su Marte E tornare, a condizione che la missione non superi i 4 anni e che i voli con equipaggio verso il Pianeta Rosso coincidano con un ciclo solare noto.

Lo spazio può ucciderti in molti modi diversi, con le radiazioni delle particelle che sono uno dei pericoli più gravi. Piccole dosi di radiazioni ionizzanti non sono il problema, invece, è l’esposizione a lungo termine che ti influenzerà. Gli effetti dannosi delle radiazioni delle particelle sono cumulativi, portando a Problemi di salute Come cancro, danni al sistema nervoso, cataratta, malattie da radiazioni e problemi riproduttivi che possono influire sulla salute della prole.

Questi rischi sono chiaramente rilevanti quando si tratta di pianificare un volo con equipaggio per Marte, come fa attualmente la NASA. Il Piano Invia astronauti americani sul Pianeta Rosso in soli 12 anni, quindi è importante che la NASA comprenda i modi in cui può proteggere il suo equipaggio.

Infatti, una volta nello spazio, gli astronauti non avranno più magnetiOhil mondo per proteggerli. Anche con gli scudi accesi, l’equipaggio sarebbe esposto a particelle solari e raggi cosmici galattici, questi ultimi particolarmente dannosi per la salute umana.

Rappresentazione artistica di una missione con equipaggio su Marte, compresi gli habitat sulla superficie.

Rappresentazione artistica di una missione con equipaggio su Marte, compresi gli habitat sulla superficie.
foto: NASA.

Un team internazionale di scienziati ha recentemente studiato l’argomento per vedere se una missione di andata e ritorno su Marte potrebbe essere troppo pericolosa per l’uomo e se la tempistica esatta di tali missioni potrebbe superare i potenziali rischi. Lo studio ha coinvolto ricercatori dell’Università di Los Angeles, California (UCLA), del Massachusetts Institute of Technology (MIT), del Centro di ricerca tedesco per le geoscienze (GFZ Potsdam) e dello Skolkovo Institute of Science and Technology di Mosca. È stato pubblicato sulla rivista scientifica clima spaziale.

Hanno fatto i loro calcoli facendo riferimento a modelli di radiazione particellare all’interno del nostro sistema solare e modelli di come questa radiazione influenza la salute umana e le condizioni dei veicoli spaziali. Nel loro studio, i ricercatori hanno scritto che i risultati hanno mostrato che una missione sul Pianeta Rosso non dovrebbe superare i 4 anni e che “sebbene le radiazioni spaziali impongano gravi limitazioni e pongano difficoltà tecnologiche per una missione umana su Marte, tale missione è ancora praticabile. ” .

Il risultato principale ha a che fare con la tempistica del compito. Gli scienziati raccomandano che i voli per Marte partano entro Solare Max Dal sole, quando l’attività solare è al suo apice (dicembre 2019 ha fissato il precedente minimo solare, ovvero l’inizio del ciclo solare in corso, con il prossimo massimo solare previsto nel luglio 2025). Il massimo solare può sembrare il peggior orario di partenza possibile, ma i raggi cosmici galattici, le particelle energetiche più pericolose, vengono deviati durante i periodi di massima attività solare. Infatti, i raggi cosmici galattici sono al loro minimo tra 6 e 12 mesi dopo la massima attività solare, secondo pubblicazione dall’Università della California.

Questa è una buona notizia, poiché il viaggio medio su Marte dura circa nove mesi. Un viaggio di ritorno dopo circa due anni su Marte sembra del tutto possibile. Questo include il tempo trascorso su Marte, che non protetto per magnetiOhsfera. Le missioni su Marte che durano più di 4 anni richiederanno misure preventive, come armature migliori, habitat sotterranei e forse anche interventi. biologico.

Le prossime migliori finestre per i viaggi più brevi su Marte appariranno nel 2030 e di nuovo nel 2050, dove le due date di partenza corrispondono ai periodi massimi solari, secondo la ricerca. È interessante notare che “per il precedente ciclo solare, la più piccola dose efficace per il volo che inizia nel 2000, potrebbe essersi accumulata durante il massimo solare”, hanno scritto gli scienziati.

Un altro risultato chiave dello studio riguarda lo spessore dello scudo protettivo del veicolo spaziale. I ricercatori hanno scoperto che un’armatura più spessa avrebbe protetto l’equipaggio, ma solo in una certa misura. Oltre una certa soglia di spessore, la schermatura amplificherà solo la radiazione in arrivo, cosa che farà rimbalzando la radiazione all’interno del veicolo spaziale. La schermatura in alluminio con lo spessore ottimale fornito esporrebbe gli astronauti a 0,5 sv durante missioni di 1,9 anni, mentre la dose massima consentita per un astronauta, 1 sv, si accumulerebbe dopo una missione di 3,8 anni, secondo lo studio, co-autore di Scritto dal geofisico dell’Università della California Yuri Shpritz.

Tuttavia, come ammettono i ricercatori, la loro analisi si è limitata alla protezione in alluminio. “Si stanno discutendo materiali combinati, compresi i composti ricchi di idrogeno, per l’uso negli habitat dello spazio profondo”, hanno scritto. “Materiali come un composito di carbonio con un alto contenuto di idrogeno possono migliorare la schermatura e consentire tempi di volo più lunghi, poiché i materiali con elementi fotonici portano a flussi di particelle secondarie inferiori. [es decir, que rebotan]”.

Questa è un’ottima notizia, ma mostra quanto lavoro rimane per proteggere gli astronauti durante le missioni di lunga durata. Il nuovo articolo non affronta nemmeno gli effetti dannosi della microgravità, che è anche molto dannosa per la salute umana. Siamo molto entusiasti quando si tratta di esplorare e vivere su Marte, ma renderlo sicuro sarà una sfida enorme.

READ  Giornata del giocatore | 4 consigli per scegliere il tuo primo laptop da gioco | trucchi | computer | Giocatori | Computer portatili | Applicazioni | Strumenti | Stati Uniti | Spagna | Messico | NNDA | NNNI | GIOCO SPORTIVO