Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’altro boss: Chi considera completo il ciclo di Alberto Fernandez e perché Massa guadagna un metro quadrato di forza?

Santiago Soldati ne uscì raggiante, tenendo in mano il cellulare. “Ho capito, ho la foto”, ha detto, sorridendo. La scalinata dell’ambasciata uruguaiana a Buenos Aires era completamente gremita e la linea stava affrontando aspre lotte da parte di leader politici e uomini d’affari per l’accesso al bacio presidenziale. Non si trattava di Alberto Fernandez, si trattava di Louis Lacalle Bo Il presidente uruguaiano che non è riuscito a sottrarsi al suo stupore. Tutti coloro che lo hanno salutato giovedì sera nel 197° anniversario della dichiarazione di indipendenza dell’Uruguay hanno ripetuto: “Vorrei che avessimo un presidente come te”, “Abbiamo bisogno di qualcuno che unisca e non divida”. , “Grazie”. Per dimostrare che puoi cambiare dicendo la verità”, erano solo alcune delle frasi usate.

Un altro uomo d’affari ha fatto una standing ovation durante le pubblicità Serge Massa Alla guida del ministero dell’Economia è andato oltre con un discorso adattato al contesto: “Spero che sia Lacalle a passare lo stagno e non i miei coetanei, che Stanno investendo sempre di più in Uruguay e meno in Argentina. disse sarcasticamente fuori servizio Che fino a poco tempo fa sorride ad Alberto.

La fila dei partecipanti all’ambasciata uruguaiana ha girato su Figueroa Alcorta avenue e la maggior parte è rimasta sorpresa dal fatto che Lacalle Pou non sia stato annunciato all’incontro di giovedì sera.

Nei tuoi sensi, un importante uomo d’affari in Argentina è rimasto stupito da ciò che sta accadendo in questi giorni. “Dopo più che sfortunate parole presidenziali e la sua sottomissione da parte delle istituzioni, abbiamo lanciato un invito ufficiale, ma Spero che tu non venga per la nostra prossima uscita. Più ci sono, meglio è”, ha scritto. Ha aggiunto che non gli era mai successo durante i suoi dieci anni alla guida di una delle più grandi aziende del Paese: non gli importa se il presidente è nella foto o meno. Il discorso inaspettato di Alberto Fernandez è per gli affari di oggi un giro completo. Siamo già nel 2023 e non si gioca per il cerchio rosso.

Hanno riassunto in una dura dichiarazione della Christian Association of Corporate Leaders: “Il nostro Paese ha ancora bisogno di passare attraverso la separazione dei poteri e l’indipendenza per essere una vera repubblica, non solo formalmente, ma nella pratica quotidiana”. Più conciso il messaggio dell’Individuals with Disabilities Education Act (IDEA), che invita le persone ad assumersi responsabilità e generalizzare: “Chiediamo all’intero spettro politico di rispettare pienamente i valori repubblicani, che sono Evita il confronto e che si compiano progressi su un’agenda in linea con le priorità del cittadino medio”. Diego Luciani, Il futuro di Cristina Fernandez de Kirchner è nella prova su strada e nell’inflazione in aumento. In pubblico – per chi vive ancora sul suolo argentino – pesa di più il loro pragmatismo imprenditoriale e il 66% in più rispetto al 2022 è già passato. Colombe e falchi sono all’ordine del giorno. Alcuni affermano che il silenzio è sempre la strategia migliore e altri affermano che rimanere in silenzio mentre si gestisce k li trasforma in partner.

READ  La macchina utensile accelera il processo di ripristino e progredisce più velocemente del previsto

Un’eccezione sarà concessa il 2 settembre all’incontro tenuto sotto chiave che è la celebrazione della Giornata dell’Industria. Sarà a Neuquén e con Vaca Muerta come sfondo. Lì vedrai i volti pubblici Massa e Fernandez; S Daniel Funes della Rioja, Presidente della Federazione industriale argentina, come ospite. Quel giorno prenderanno il microfono dal governo per il varo ufficiale del gasdotto Néstor Kirchner – come si è detto spesso – e racconteranno l’indipendenza energetica che mirano a raggiungere in 12 mesi. Ci saranno spazi di iniziativa industriale, paralleli con l’arrivo delle ferrovie e un modello economico sulla falsariga del Frundisi. Queste due voci sono già presenti nel discorso preparato per uno dei quattro relatori.

In questi giorni l’agenda presidenziale prosegue con tempi morti (una o due attività ufficiali non correlate), mentre l’agenda del ministro dell’Economia spunta le scatole e acquisisce sempre più metri quadrati di potere. Ad esempio, Fernandez è stato solo giovedì a un evento a Escobar (con Alexis Guerrera) e ha incontrato il ministro degli esteri indiano, oltre alla sua sfortunata intervista televisiva. Venerdì non ha calpestato la Casa Rosada.

Massa ha invece concluso la settimana con un pasto del venerdì sera con gli ambasciatori accreditati in Argentina che compongono Gruppo di sette. C’erano rappresentanti della Germania, che ha servito come ospite come presidente del G7, Giappone, Stati Uniti, Francia, Canada, Italia e Regno Unito.

Niente di casuale: I suoi paesi versano oltre il 40% dei contributi al Fondo monetario internazionale e alla Banca mondiale Rappresenta un terzo delle esportazioni e delle importazioni mondiali di beni e servizi. Il ministro dell’Economia era arrivato preparato, in quella che era la sua prima prova prima del suo viaggio negli Stati Uniti. A conclusione dell’incontro, uno degli ambasciatori presenti gli ha fatto notare che l’ideologia, a differenza del suo predecessore, non era il focus ma i numeri.

READ  Il miracolo economico italiano di Draghi

Questo stesso argomento prepara i suoi incontri con gli investitori, il Fondo Monetario Internazionale e il governo di Joe Biden, nel suo primo viaggio a Washington e Houston, in un tour dal duplice scopo: Dirigere la seconda revisione dell’accordo con il Fondo e l’espansione delle attività e l’offerta di dollari in Argentina. È stato programmato un incontro con l’amministratore delegato del fondo, Kristalina Georgieva, e con il principale consigliere latinoamericano di Joe Biden, Juan Gonzalez, con il quale mantengono uno stretto rapporto. “Non voglio che nessuno si accalchi lì. Quindi i nostri funzionari andranno per la giornata, o al massimo ciò che è giusto e necessario per le loro riunioni”, ha sentito qualche giorno fa, incontrando un tavolino del Gabinetto dell’Economia che avrebbe in alcuni casi rimanere negli Stati Uniti solo per un periodo di 24 ore. Raul Rigo (ministro delle finanze), Leonardo Madcor (consigliere capo) e Gabriel Rubinstein (viceministro) saranno i primi ad sbarcare e per più giorni, perché hanno un seguito più tecnico. Sylvina Patakis-ministro-ministro-con l’idea di nascondere la sua caotica uscita dal governo e mostrare coerenza teatrale e Flavia Royon, puntando a Houston e cercando dollari in pagamenti, ha anche un biglietto di partenza confermato – tra gli altri. Nelle conversazioni imminenti, inizia ad apparire una nuvola su quella che gli addetti ai lavori chiamano “eredità pesante”, ma non da Mauricio Macri ma da Martin Guzman. Mentre l’ex ministro avanza le linee guida per il suo nuovo think tank nazionale da cui spera di esportare servizi al tasso di cambio ufficiale, Massa e il suo team scoprono una presunta “truccatura dei conti del secondo trimestre”, che lascerà l’uomo del n. d’argento. “Ha riordinato i numeri in modo che lo abbiano chiuso e stiamo valutando se dirlo pubblicamente o meno”, ha detto a bassa voce il funzionario di Masista. Ha aggiunto che era “molto poco professionale, non solo nella forma, ma nella sostanza”. Dovremo vedere cosa succede in un caso del genere con una revisione del fondo.

READ  Luna di miele tra Parigi e Roma - Diario Digital Nuestro País

Nel frattempo, Massa sta cercando di tagliare la spesa di altri 130.000 milioni di dollari entro la fine dell’anno, ha rivelato Diego Cabot in Nazione. Le società pubbliche dovranno detrarre tra il 3% e il 7% delle spese in termini reali, quindi le trattative sono all’ordine del giorno. Ma questo non basta. Da qui il silenzio di province chiave come Buenos Aires, dove sanno che il ministro possiede la penna che può cambiare la mappa politica del governatore Axel Kiselov, di fronte alla ricerca della rielezione. Per ora, entrambi stanno guardando dall’altra parte, ma la scarsità macroeconomica li troverà sicuramente presto in situazioni ostili. Come la vera insonnia che potrebbe trasformare il sogno presidenziale di Massa in un incubo: la mancanza di dollari.

È qui che le parole falliscono. Un ex ministro del governo Macri ha messo i numeri per terra. Serge lo è Esperto nel guadagnare tempo. La vera urgenza nel mercato dei cambi. Venerdì la banca centrale ha acquistato un milione di dollari e nelle prossime otto settimane ne comprerà almeno 100 milioni al giorno, ma non trova un modo per aggirarlo”. Ha chiesto qual è l’urgenza? Nazione.

“Perché c’è Zero riserve nette. I liquidi liquidi sono passivi e questo non è sostenibile. Devi prepararti perché i nuovi debiti scompariranno definitivamente nella storia. Ha concluso il suo discorso dicendo: “Non c’è niente di sorprendente in un governo caratterizzato dalla procrastinazione”. Questa diagnosi coincide con una frase che ho sentito al quinto piano del ministero dell’Economia. Se riusciamo a gonfiare le riserve e gestire il dollaro, vinceremo la prima battaglia. Poi devi passare al piano israeliano, energia, imprenditorialità, litio, bassa inflazione”, hanno riassunto. Ironia della sorte, lo stesso argomento della campagna che ha usato Horacio Rodriguez Laretta, Chi potrebbe essere il tuo avversario alle prossime elezioni?