Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La vera tragedia dietro il film spagnolo più costoso della storia, in corsa per gli Oscar

La vera tragedia dietro il film spagnolo più costoso della storia, in corsa per gli Oscar

Il film del regista J. A. Bayona su una delle storie più ammirate del 20° secolo, scelto per rappresentare la Spagna agli Academy Awards 2024, arriverà in sale selezionate a dicembre e sarà trasmesso in streaming il 4 gennaio. (Netflix)

I sopravvissuti raccontano queste tragedie e le narrazioni sono spesso addolcite da un pizzico di speranza e resilienza. Logicamente parlando, non possiamo chiedere ai morti la loro versione, ma è possibile ricostruire la loro lotta, e renderla visibile. Questo era l'asse centrale di J. Bayona Quando diretto Associazione Nevel'ultimo film che ricrea la tragica storia di Volo 571 Seguace Aeronautica Militare dell'Uruguay Precipitato sulle Ande nell'ottobre del 1972.

Con un budget di 66 milioni di dollari, la produzione è diventata il lungometraggio spagnolo più costoso fino ad oggi, superando… Agorà Per l'anno 2009, i suoi investimenti ammontavano a circa 55 milioni di dollari. L'ultimo titolo ad arrivare in catalogo Netflix Il 4 gennaio è già stato selezionato per quattro categorie di premi Oscar 2024Nello specifico, nelle sezioni Miglior Film Internazionale, Miglior Trucco e Acconciatura, Miglior Colonna Sonora e Migliori Effetti Speciali.

“Snow Society” di J. A. Bayona è basato sul libro omonimo di Pablo Versi. (Crediti: Netflix)

L'intensa trama fa rivivere quel volo fatale da Montevideo, diretto in Cile, con a bordo 45 passeggeri, tra cui la squadra di rugby dell'Old Christian Club. La tragedia è avvenuta quando l'aereo si è schiantato nel cuore della catena montuosa delle Ande a causa di un errore di calcolo durante la navigazione. La collisione lasciò i 33 sopravvissuti bloccati in condizioni inadatte tra i nevai ad un'altitudine di oltre tremila metri sul livello del mare.

Le missioni di ricerca durarono solo 11 giorni e si conclusero senza successo, lasciando i giovani isolati e senza possibilità di soccorso. Il gruppo ha dovuto affrontare condizioni difficili, sopportando un inverno rigido senza un riparo adeguato o rifornimenti adeguati. La situazione fu aggravata da una valanga che avrebbe causato la morte di altre otto persone, così, di fronte alla disperazione e alla fame, si ricorse a una decisione di grande peso morale ed etico: il cannibalismo di resti umani.

“The Snow Society” rivive il tragico incidente aereo del 1972 sulle Ande dell'Uruguay.

Con le scorte ancora una volta in pericolo, Nando Parrado e Roberto Canessa hanno intrapreso una pericolosa spedizione attraverso le Ande in cerca di aiuto, lasciando Daniel Fernandez a capo del gruppo sull'orlo del disastro. Il loro faticoso viaggio durato dieci giorni alla fine ha portato al salvataggio di 16 uomini che sono riusciti a rimanere al sicuro dopo 72 giorni di isolamento.

READ  Filtra l'elenco dei requisiti esotici per essere in campo

Bayona, noto per la sua capacità di ritrarre intensi drammi umani in film come Impossibile Oppure il documentario 9 giorni ad HaitiHa incontrato i sopravvissuti di Incidente sulle Ande nel 2018 per raccogliere testimonianze che hanno plasmato lo scenario e l'approccio visivo al progetto. “È stato disegnato dall'artista Nacho Gutierrez Arte concettuale Filmare ascoltando le loro storie”, ha detto il regista su Twitter.

“Pianificare la sequenza dell'incidente aereo è stata una delle questioni più complesse che le squadre degli effetti speciali hanno dovuto affrontare. L'obiettivo non era solo visualizzare un evento così estremo, ma anche immergere lo spettatore in un'esperienza così traumatica senza sacrificare il realismo”, ha aggiunto. sul social network.Le riprese si sono svolte in alta montagna, dove attori e operai hanno dovuto affrontare neve, vento e freddo.

La produzione di “The Snow Society” ha scelto di utilizzare neve vera, integrata con neve artificiale, non plastica, per aggiungere autenticità alle scene. (Fonte immagine: Twitter/@FilmBayona)

La colonna sonora che accompagna il film teso ed emozionante è stata fornita da Michele Gioacchino. “Ero esausto alla fine di ogni giornata [de composición]”Ho approfondito filosoficamente per trovare un modo per raggiungere la verità, sapendo che non avrei potuto raggiungerla completamente, ma sperando di aver fatto il miglior tentativo di esprimerla a loro, ai sopravvissuti e ai morti.” Intervista con IndieWire.

Oltre alle complicazioni fisiche, la narrativa tenta di descrivere il dramma psicologico che si presenta in circostanze estreme. Resta quindi un ritratto toccante e dettagliato di uno degli eventi più scioccanti della storia dell’aviazione.

Il concept art di “Snow Society” è stato illustrato da Nacho Gutierrez. (Fonte immagine: Twitter/@FilmBayona)

Secondo il resoconto ufficiale: “Nel 1972, il volo 571 dell'aeronautica uruguaiana, che trasportava una squadra di rugby su un volo charter per il Cile, si schiantò contro un ghiacciaio nel cuore delle Ande. Solo 29 dei 45 passeggeri sopravvissero alla collisione e, in uno degli ambienti più ostili al mondo, dovettero ricorrere a misure estreme per sopravvivere.

READ  Dalla costa italiana, Maria Chacon fa tendenza con costumi da bagno che tutti si girano per vedere

Associazione Neve Sarà disponibile nel catalogo Netflix Dal 4 gennaio.

Girato sulle piste della stazione sciistica della Sierra Nevada a Granada, in Spagna, a 2.000 metri sul livello del mare. (Fonte immagine: Twitter/@FilmBayona)