Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Terra conterrà i resti della collisione planetaria che ha formato la Luna

La Terra conterrà i resti della collisione planetaria che ha formato la Luna

Le immagini spiegano come due strutture giganti nel mantello terrestre rilevate sismicamente possano rappresentare i resti del pianeta Theia, che potrebbe essersi scontrato con la Terra più di 4,5 miliardi di anni fa, creando la Luna. Autore: Hernan Canelas

Scopri un team interdisciplinare di scienziati Due zone “anomale” all’interno della Terra Che attribuiscono ai resti La collisione è avvenuta circa 4,5 miliardi di anni fa Si formò la luna.

La scoperta è stata pubblicata mercoledì dalla rivista naturaSi basa su simulazioni al computer condotte da un team interdisciplinare di scienziati provenienti da centri di ricerca negli Stati Uniti, Cina e Regno Unito.

La sua ipotesi indica che A Protopianeta -una sorta di “embrione” planetario – noto come… Thea ha colliso conTerra Primordiale(Gaia) circa 4,5 miliardi di anni fa, che portò alla formazione di diverse regioni nel mantello terrestre.

La Luna potrebbe essersi formata dai resti di questa gigantesca collisione, mentre i resti di Theia furono sepolti in profondità nel mantello terrestre; Anche se i ricercatori avvertono che non esiste ancora alcuna prova diretta dell’esistenza di Theia.

Gli scienziati sono giunti a questa conclusione mentre cercavano una spiegazione al fatto che due grandi regioni del mantello terrestre hanno una velocità sismica insolitamente lenta ad una profondità di circa 2.900 chilometri e che il loro materiale si trova tra… Densità 2 e 3,5%. Dal mantello terrestre circostante.

Queste due regioni anomale rispetto all’eterogeneità del resto del mantello terrestre si estendono per migliaia di chilometri alla sua base, una sotto la placca tettonica africana e l’altra sotto quella pacifica.

Un team interdisciplinare di scienziati ha scoperto due regioni “anomale” all’interno della Terra che attribuiscono ai resti della collisione che formò la Luna circa 4,5 miliardi di anni fa.

Gli autori suggeriscono che i materiali densi possono rappresentare… Reliquie sepolte Materiale proveniente dal mantello di Theia preservato nelle profondità della proto-Terra dopo la gigantesca collisione che portò alla formazione della Luna.

READ  Hogwarts Legacy: 10 fatti sul prossimo gioco del franchise di Harry Potter

Qian Yuanha affermato un ricercatore di geodinamica del Caltech e autore principale del lavoro Agenzia di stampa francese È “molto strano” che non sia stata trovata alcuna prova dell’influenza di Theia.

Durante una lezione tenuta da uno scienziato planetario su questo mistero, Yuan ha intravisto per la prima volta la risposta: “Dov’è il dispositivo di simulazione? La mia risposta è: è sulla Terra”.

La formazione della Luna è rimasta un mistero per diverse generazioni di scienziati.

attualmente, teoria dominante Ciò indica che durante le ultime fasi della crescita della Terra, circa 4,5 miliardi di anni fa, c’erano Gigantesca collisione tra la Terra primordiale (Gaia) e un protopianeta La dimensione di Marte conosciuta come Theia.

Le simulazioni numeriche lo hanno indicato Si suppone che la Luna si sia formata dai detriti risultanti dalla collisione Probabilmente ha ereditato materiale principalmente da Theia, mentre Gaia, a causa della sua massa molto maggiore, è stata solo “leggermente contaminata” con materiale da Theia.

Poiché Gaia e Theia erano due formazioni relativamente indipendenti composte da materiali diversi, i ricercatori hanno pensato che la Luna – che è dominata dalla materia Tian – e la Terra – che è dominata dalla materia Gaian – dovessero avere composizioni diverse.

Tuttavia, le misurazioni degli isotopi ad alta risoluzione lo hanno rivelato Le composizioni della Terra e della Luna sono notevolmente similiIl che mette in discussione la teoria tradizionale della formazione della Luna.

I ricercatori hanno concluso che questa scoperta sarà fondamentale per comprendere lo stato iniziale della Terra e persino la formazione dei pianeti vicini.

(Con informazioni da EFE e AFP)

READ  Rivelano che l'"antico" Marte potrebbe essere stato brulicante di microbi sotterranei