Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La sua nuova vita in Italia

La sua nuova vita in Italia

Ex dipendente amministrativo Di IprossTra gli altri lavori, sentiva di aver raggiunto il culmine nella nostra città e poi, con la sua innegabile voglia di viaggiare, ha preso la decisione fondamentale di avventurarsi in nuove frontiere per crescere in tutti i modi.

immagine.png

Dogana dell'Argentina. Anita accompagna ovunque in Italia.

Nonostante si sia formato e abbia “studiato 3 mestieri”, le occasioni di sviluppo non erano molte e, in quella situazione, ha scelto di tentare la fortuna nel vecchio continente, più precisamente in Italia.

“Sono cresciuto nel quartiere Filippozi a due passi dalla scuola dove sono nato. L'inizio del discorso. Belle persone, Camilla, 25 anni, e Aylan, 24, anche loro cresciuti a Chippo.

“Dopo aver studiato tanto, insegnando inglese in diverse scuole della zona per diversi anni, e collaborando anche nella pubblica amministrazione dello stato del Rio Negro, c'è stato un momento di pausa. Con organizzazioni per la prevenzione del suicidio, cure palliative e cucine comunitarie Sentivo che era giunto il momento per me di fare qualcosa di nuovo. Sì, potrebbe esserci stato o meno, perché il tempo vola e il treno – o l'aereo – passa solo una volta.

Fratello

Il sostegno della famiglia è sempre necessario in questo tipo di sfide e Ana è stata una collaboratrice indispensabile per suo fratello.

“Con il vostro aiuto ho messo insieme la cartella con i miei documenti per attivare la cittadinanza italiana, nel frattempo ho salutato i miei cari, i miei genitori (“ho sempre pensato che fossi pazzo, avevano ragione”), le mie figlie che mi aspettavano da queste parti, e i miei amici che conoscono bene la mia anima viaggiatrice”, racconta un addio difficile dall’altra parte del pianeta.

READ  L'Italia chiede maggiori responsabilità all'Ue in mezzo alla crisi internazionale

L'esperienza di Thana è iniziata alla grande. Per questo afferma: «I primi due mesi in Italia sono stati meravigliosi. «Sono arrivato da 100mila chilometri orari, facendo mille cose per andare a vivere senza pensieri accanto al Mar Tirreno, all'acqua limpida, in spiaggia da condividere con tanti argentini e nuove conoscenze italiane.”

Un paesaggio interessante, qualcosa di nuovo che sembra sempre migliore e più bello… Certo, niente è più piacevole quando si cammina da soli lontano da casa.

immagine.png

Aspetta l'estate e, già che ci sei, fatti una passeggiata.

“Dopo aver ottenuto la cittadinanza, sono andata a lavorare in un albergo turistico del nord Italia, dove ho incontrato forti differenze culturali e sono arrivata a riconsiderare l’idea di tornare in Argentina”, ammette Anita, che ha lasciato molti dei nostri amici. Famiglia, città, mentre ripercorre il momento più delicato del suo percorso.

Ma lo era già. Pensò allo sforzo che aveva fatto per realizzare il suo sogno. E non si arrenderà.

“Leale al mio guerriero e con atteggiamento perseverante, sono andato a Roma per camminare, chiarirmi le idee e decidere dove andare. Oggi sono nella mia città di partenza, godendomi la brezza marina e aspettando che inizi l'estate, per la quale ho ho già ricevuto diverse offerte di lavoro,” ha detto Cielo. Cibolena festeggia non smettendo di andare in posti. Ecco la dolce attesa…

Propria imprenditorialità in Europa

Cosa stai facendo nel frattempo? “Sto utilizzando il tempo per cercare di far crescere il mio spazio di assistenza online (dove accompagno le persone attraverso i loro processi personali attraverso consulenza psicologica e biocodificazione)”, commenta.

Subito, sulle opportunità lavorative che gli vengono offerte, riflette: “Questa è la realtà di gran parte dell'Europa oggi, a prescindere dall'età, ma dall'esperienza e soprattutto dalla voglia. Questo è ciò che mi motiva a restare, questa possibilità di lavorare, di poter 'lavorare' e di viaggiare di più”, traccia un parallelo con la pericolosa crisi che soffre la beata Argentina.

READ  L'Italia ha fallito negli ultimi anni

Non è ancora chiaro se questo status europeo sia sempre presente o definitivo, e lui riconosce che Cippoletti gli manca ancora.

“Resterò qui per sempre? non lo so Oggi lo scelgo. Ovviamente la mia città ha fallito. I pomeriggi da coniuge nel giardino dei miei genitori, le gite estemporanee con gli amici, la spontaneità del venerdì, la condivisione di attività con le mie figlie: ci manca tanto! “, dice con evidente nostalgia.

“Da qui in rete si vede solo la parte bella, quindi nessuno si preoccupa, perché tutto si può superare… si vive un giorno alla volta”, spiega, a proposito degli alti e bassi normali di qualunque persona. All'esterno rappresenta il suo modo sensato di trasmetterlo e la sua particolare filosofia di vita.

Una coincidenza incredibile

Ci sono cipollino ovunque. Lo può testimoniare Anita, che sorride e svela un'incredibile coincidenza: “Qualche giorno fa ero in fila per entrare al Colosseo, e dietro di me c'era una coppia di Cippoletti. Eravamo molto contenti e chiudevamo il discorso con questa frase: che ragazzo al mondo…”.

immagine.png

Alla porta del Colosseo trovò una coppia di piccoli Cipollino.

Questa coincidenza rende il suo messaggio finale un'arringa per meditatori e scettici che, come è successo a lei, confezionano le loro borse attorno all'idea di volare…

“Sì, oggi il mondo è di tutti ed è a nostra completa disposizione, è una cosa da incoraggiare… Dico sempre alle mie figlie e a tutti coloro che vogliono viaggiare che è la cosa migliore che possano fare nella vita. . Apertura te stesso al mondo apre la testa e il cuore, allarga i tuoi orizzonti e ti riempie l’anima di esperienze”, riassume con assoluta convinzione.

READ  Filippo Canna torna al Giro d'Italia nel 2023

Ana, annoiata dalla mancanza di opportunità in quella vita monotona, oggi è la felice avventuriera Cipollina dall'Italia. Sì, è un'altra cosa, Giacosa!