Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La straordinaria scoperta del James Webb Space Telescope

La straordinaria scoperta del James Webb Space Telescope

Con osservazioni inedite del James Webb Space Telescope, un team internazionale guidato dall’Università del Minnesota (USA) Ha trovato la più piccola galassia mai scoperta a questa distanzaCirca 500 milioni di anni dopo il Big Bangcome pubblicato in un articolo sulla rivista Scienze.

Lo studio è andato oltre 13 miliardi di anni nel passato Scopri una galassia piccola e unica che sta generando nuove stelle a un ritmo estremamente elevato per le sue dimensioni. Questa galassia potrebbe aiutare gli astronomi a saperne di più sulle galassie che esistevano poco dopo la nascita dell’universo.

I ricercatori dell’Università del Minnesota sono stati tra i primi team a studiare una galassia lontana e quindi hanno utilizzato il James Webb Space Telescope. I loro risultati saranno tra i primi ad essere pubblicati.

Questa galassia è fuori dalla portata di tutti i telescopi tranne James Webb.Queste prime osservazioni di una galassia lontana sono sorprendenti”. Patrick Kellyautore principale dell’articolo e assistente professore presso il College of Physics and Astronomy dell’Università del Minnesota.

Telescopio James Webb inviato dalla NASA

“Qui possiamo vedere quasi tutto il percorso fino al Big Bang, e non abbiamo mai visto galassie quando l’universo era così giovane con questo livello di dettaglio. La galassia è circa un milionesimo delle dimensioni della Via Lattea.Ma possiamo vedere che continua a produrre lo stesso numero di stelle ogni anno”.

Un telescopio può vedere un campo abbastanza ampio Visualizza un intero ammasso di galassie contemporaneamente.

I ricercatori sono stati in grado di trovare e studiare questa nuova piccola galassia grazie a un fenomeno chiamato Lente gravitazionale, dove la massa, come la massa di una galassia o di un ammasso di galassie, piega e ingrandisce la luce.

READ  Salt and Sacrifice, analisi e recensioni di giochi per PC, PS4 e PS5

La lente da un ammasso di galassie ha fatto apparire questa piccola galassia sullo sfondo 20 volte più luminosa che se l’ammasso non stesse ingrandendo la sua luce.

Il James Webb Space Telescope ha scoperto una galassia

I ricercatori hanno anche utilizzato la spettroscopia per misurare la distanza della galassia, nonché alcune delle sue proprietà fisiche e chimiche. Studiare le galassie che esistevano quando l’universo era più giovane può aiutare gli scienziati ad avvicinarsi alla risposta a una grande domanda astronomica. Come ha avuto inizio l’universo

“Le galassie che esistevano quando l’universo era nella sua infanzia sono molto diverse da quelle che vediamo ora nell’universo vicino”.mostrato Hayley Williams, primo autore dell’articolo e studente di dottorato presso il Minnesota Institute of Astrophysics. “Questa scoperta può aiutarci a saperne di più sulle caratteristiche di quelle prime galassie, su come differivano dalle galassie più vicine e su come si sono formate le prime galassie”, ha detto.

James Webb può raccogliere dieci volte più luce del telescopio spaziale Hubble È più sensibile nelle lunghezze d’onda rosse più lunghe dello spettro infrarosso. Secondo i ricercatori, ciò consente agli scienziati di accedere a una finestra di dati completamente nuova.

In questa immagine rilasciata dalla NASA, la stella Wolf-Rayet 124 è visibile al centro in un’immagine ripresa nel giugno 2022 dal James Webb Space Telescope. (NASA, ESA, CSA, STScI, Webb ERO Production Team tramite AP)

“Il James Webb Space Telescope ha una straordinaria capacità di vedere molto lontano nell’universo”, ha osservato Williams, osservando che: “Questo è uno degli aspetti più entusiasmanti di questo lavoro.. Stiamo vedendo cose che i telescopi precedenti non sono stati in grado di catturare. Fondamentalmente sta ottenendo un’istantanea del nostro universo nei suoi primi 500 milioni di anni di vita”.

READ  Hanno scoperto grandi oceani nascosti sulle lune di Urano

Alla ricerca hanno collaborato esperti dell’Università della Cantabria, dell’Università dei Paesi Baschi e dell’Università della Laguna, oltre a centri in Danimarca, Italia, Israele, Giappone e Cina.

In cambio, hanno ricevuto il sostegno della National Science Foundation e della NASA attraverso lo Space Telescope Science Institute, e hanno ricevuto ulteriori finanziamenti dalla US-Israel Bilateral Science Foundation e dall’agenzia di ricerca del governo spagnolo.

Nazione