Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La stagione delle piogge tiene l’Italia in allerta

La stagione delle piogge tiene l’Italia in allerta

Gruppo Internazionale Educatori (EFE).- Mentre il Nord Europa continua a fronteggiare il Polo, almeno quattordici regioni italiane sono in allerta per l'arrivo di temporali con forti piogge, freddo intenso e venti fino a 100 chilometri orari. ondata di freddo

Un’ondata di basse temperature si sta abbattendo sul nord Europa, causando già gravi problemi al traffico in alcune parti della Svezia e della Danimarca, e colpendo anche città come Mosca, che oggi celebra il Natale ortodosso a meno 24 gradi, e Oslo, dove il tempo si trova la stazione. Nei pressi della capitale è stata registrata per la prima volta una temperatura di 30 gradi sotto zero.

Quattordici regioni italiane sono in allerta

In Italia, il Dipartimento della Protezione Civile ha diramato allerta arancione per piogge per la Toscana (Centro-nord) e allerta gialla per Basilicata, Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia e Puglia. . Sardegna, Sicilia e Veneto, domani, domenica, non è escluso che i problemi si estendano ad altre zone.

Le piogge si stanno già estendendo alle regioni nord-orientali e centrali come Lazio, Sardegna e Sicilia, ad altre zone del sud, soprattutto nelle regioni del basso Tirreno come la Campania. Sulle Alpi è prevista molta neve, ma la neve è possibile anche sulle cime dell'Appen.

I residenti di Venezia si sono svegliati questa mattina con l'”Aqua Alta”, che a volte si forma nella laguna e ha allagato la città, con 97 cm d'acqua alle 6:00 ora locale (5:00 GMT). In questo caso non è necessario realizzare un sistema di dighe protettive denominato Moss.

L’Inghilterra è cauta

Riprese effettuate da un drone del fiume Roding che sovrasta Chigwell nell'Essex, in Gran Bretagna. EFE/EPA/TOLGA AKMEN

Sabato l'Agenzia per l'ambiente del governo britannico ha avvertito le persone di prestare attenzione poiché la tempesta Hank continua a minacciare di inondazioni in molte parti del Regno Unito.

READ  Il Direttore del Centro Studi sulle Attività Postbelliche della Repubblica Italiana ha visitato l'area navale fluviale.

Mentre circa 45.000 proprietà sono riuscite a proteggersi dalle inondazioni causate dalle piogge degli ultimi giorni, circa 1.800 case sono state inondate, ha affermato l'agenzia in una nota.

Si prevede che gli effetti dell'ondata del fiume si faranno sentire più o meno nelle contee inglesi centrali delle Midlands e del Lincolnshire e lungo le rive del Tamigi fino a lunedì, ha detto l'agenzia.

Nelle ultime 24 ore il letto dei fiumi si è alzato anche nel Gloucestershire e nell’Oxfordshire, mentre sono state colpite anche parti del Nottinghamshire, nell’Inghilterra centrale.

A partire da questo pomeriggio, rimangono in vigore 207 avvisi di inondazione confermati e 222 avvisi, quindi diverse squadre dell'Agenzia per l'ambiente stanno azionando pompe dell'acqua, barriere e difese insieme ad altri servizi di emergenza.

La capitale norvegese registra la temperatura più bassa di sempre

La stazione meteorologica ufficiale di Oslo ha registrato per la prima volta una temperatura di 30 gradi sotto zero in un comune vicino alla capitale, un nuovo record di freddo nella provincia.

Il nuovo record è di 31,1 gradi sotto zero, secondo l'agenzia norvegese NTB, la quale insiste che il freddo estremo non è stato registrato nella capitale stessa, ma a Bjørnholt, 19 chilometri a nord di Oslo.

Si tratta di un nuovo record per il comune di Oslo. Prima di questo freddo estremo, nel 2011 la temperatura era di 28,8 gradi sotto zero.

Il record cittadino di Oslo fu di 26 gradi sotto zero nel gennaio 1942.

La notte più fredda di tutta la Norvegia è stata registrata con 35,6 gradi sotto zero presso la stazione di misurazione dell'aeroporto di Tagali, situato tra Oslo e Bergen.

READ  Covit-19 in Italia: Corona virus e vaccinati dal 12 aprile

Anche se al sud faceva molto freddo, al nord le temperature peggiori sono scomparse.

Natale ortodosso congelato a Mosca

La gente cammina per strada in mezzo alla neve quando fa freddo a Mosca, in Russia. EFE/EPA/YURI KOCHETKOV

I moscoviti celebreranno oggi la vigilia di Natale ortodossa e accoglieranno il Natale con temperature fino a 24 gradi sotto zero, il risultato di un'insolita ondata di freddo che ha attanagliato la Russia centrale per quasi una settimana, secondo Yevgeny Tishkovets. Stazione meteorologica Phobos..

“La temperatura dell'aria a Mosca scenderà da 21 a 24 gradi sotto zero, da meno 19 a meno 24 nella regione di Mosca e da meno 27 nella zona settentrionale. In alcune zone sono possibili leggere nevicate”, ha detto il meteorologo russo. il suo canale Telegram.

Le temperature nella capitale russa durante il Natale ortodosso varieranno dai 17 ai 20 gradi sotto zero, nella regione di Mosca dai 16 ai 21 gradi sotto zero, ha riferito Tishkovets.

Il freddo siberiano nella prima settimana del nuovo anno è stato di 25 gradi sotto zero a Mosca, “qualcosa che non si vedeva nella capitale russa da 74 anni”, dice Mihail Lius, meteorologo del Phobos Center.