Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Spagna ha occupato il fondo dell’Europa piantando l’auto elettrica

La mancanza di punti di ricarica sulle nostre strade e città grava sul mercato spagnolo della mobilità elettrica nonostante abbia un sistema che premia la maggior parte dei tuoi acquisti.

La mancanza di infrastrutture di ricarica ostacola lo sviluppo della mobilità elettrica in Spagna al punto che il nostro mercato è tra i meno sviluppati in Europa. Questo è uno dei messaggi principali del rapporto Prontezza elettronica 2022redatto da Strategy &, la società di consulenza strategica PwC, che analizza il livello di sviluppo della mobilità elettrica in Germania, Spagna, Francia, Italia, Norvegia, Svizzera e Regno Unito.

Il documento concludeva che la Spagna, insieme all’Italia, è tra i mercati meno sviluppati per la mobilità elettrica, molto dietro a Norvegia e Svizzera, e dietro a Regno Unito, Germania e Francia.

Rete debole e impotente

Così, il board preparato dalla società di servizi professionali rivela che il tallone d’Achille dello sviluppo del mercato della mobilità elettrica nel nostro Paese è l’infrastruttura di ricarica.

Il risultato arriva dopo aver analizzato fattori come il numero di punti di ricarica pubblici ogni mille veicoli, i punti di ricarica rapida – sopra i 150 kilowatt – per chilometro di autostrada, la percentuale di energia rinnovabile prodotta da ciascun Paese o il rapporto tra il costo della benzina e dell’elettricità.

La prova della scarsità di infrastrutture di rete per collegare questi veicoli sulle strade spagnole si riflette nei dati dell’ultimo barometro della mobilità elettrica in Spagna preparato da Anfac. Il rapporto mette a disposizione in Spagna 14.244 punti di ricarica elettrica generale, pari a oltre il 75% di essi, con una capacità inferiore a 22 kW.

READ  L'interesse è sceso dal cielo: quali paesi tassano una ricchezza inaspettata

losanghe

La rete di rare infrastrutture creata affinché l’auto elettrica si muova con garanzie nel nostro Paese contraddice la volontà istituzionale di incentivare l’acquisto di questa tipologia di veicoli. Pertanto, il rapporto rivela che solo nel caso dell’assistenza diretta, in Spagna, puoi ottenere fino a 7.000 euro per l’acquisto di uno di questi veicoli. Inoltre sono escluse le tasse di immatricolazione e le tasse di circolazione ridotte fino al 75% rispetto a quelle assunte dal proprietario dell’auto a combustione.

Questo dato colloca il nostro Paese al secondo posto dei sette confrontati dallo studio PwC, con 3,8 punti. Ma gli esperti sottolineano che il sistema per la concessione di tale assistenza nel nostro Paese è inefficace e l’erogazione del sostegno potrebbe subire ritardi di oltre un anno.

Quando si tratta di misurare l’offerta di corrente nei sette mercati analizzati, gli esperti dettagliano questioni come la penetrazione dei veicoli elettrici rispetto a quelli alimentati da derivati ​​del petrolio. Pertanto, lo scorso anno, solo il 9,3% dei veicoli elettrici è stato immatricolato in Spagna, una cifra simile a quella italiana (8,9%) e inferiore di oltre dieci punti rispetto alle tariffe di immatricolazione per questo tipo di veicoli. Svizzera e Germania.

Il rapporto svela anche un grosso problema che la mobilità elettrica non finisce nel nostro Paese. La società di servizi professionali ha condotto un’indagine su 4.600 consumatori dei sette paesi, un’analisi che ha rivelato che lo stipendio medio annuo dei proprietari di auto elettriche è di 74.000 euro. Nel frattempo, in Spagna, il reddito medio annuo di coloro che hanno risposto al sondaggio, che avessero o meno questo tipo di veicolo, era di 37.000 euro all’anno.

READ  Inflazione: un elenco degli alimenti più costosi per la colazione - settori - economia

accedere

Il rapporto riflette che i consumatori spagnoli che desiderano accedere alla mobilità elettrica hanno meno potere d’acquisto. Questo crea un divario per i proprietari europei di questo tipo di veicolo con un reddito di 37.000 euro all’anno. In questa linea, la realtà economica rallenta la volontà degli utenti del nostro Paese di raggiungere una mobilità sostenibile. Il fatto è che solo il 28% degli spagnoli intervistati prevede di investire in un’auto elettrica nei prossimi due anni.

Manuel Daz (PwC Automotive Partner): “Dobbiamo democratizzare l’accesso agli acquisti di auto elettriche”

Manuel Diaz, Partner responsabile dei veicoli, PricewaterhouseCoopers

“Dobbiamo accelerare la costruzione e l’accesso alle infrastrutture a carico di investimenti pubblici e privati”. Questa la ricetta proposta per rilanciare la mobilità elettrica in Spagna da Manuel Diaz, partner responsabile delle auto di PricewaterhouseCoopers.

Questo esperto sottolinea che la transizione del settore automobilistico verso soluzioni elettriche è una realtà che le autorità di regolamentazione europee stanno promuovendo. “Il Parlamento europeo ha approvato una proposta per vietare la vendita di auto a combustione nel 2035. Non è lontano. È una transizione inevitabile”.

DAZ riflette anche il problema che ciò pone già a molti cittadini. “Se stai adottando misure come limitare l’accesso ai grandi centri urbani per le auto inquinanti, devono essere più flessibili per facilitare la mobilità elettrica per l’utente”.

L’esperto afferma, in tal senso, che la prima cosa è “democratizzare l’accesso all’acquisto di veicoli elettrici”.

Il partner di PwC fa riferimento al consumatore medio, che attualmente può acquistare un’auto a combustione per circa 22.000 euro, cifra ben lontana dal costo di un’auto elettrica. “E’ vero che gli enti sovvenzionano una parte significativa del costo dell’auto elettrica. Il problema è che l’importo dello sconto arriva all’acquirente con un ritardo di almeno un anno dal momento dell’erogazione dell’importo”.

Tuttavia, a giudizio del partner, ci sono ancora delle misure da adottare, come, ad esempio, la riduzione dell’imposta sul valore aggiunto su questa tipologia di veicoli. In relazione a ciò, Diaz mette in evidenza le infrastrutture legate al veicolo elettrico. “Per avere una rete simile a quella delle stazioni di servizio, in Spagna devono essere installati 300.000 punti di ricarica”.

Tuttavia, guarda con ottimismo al mercato. “C’è già abbastanza offerta. I soliti produttori stanno aumentando il loro portafoglio di auto elettriche”.