Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Slovenia mantiene il trono del mondo del ciclismo nel “deja vu”

Tadej Poujacar ha festeggiato la sua vittoria al Tour de France 2021. / Benoit Tessier/Reuters

Panoramica 2021

Per il secondo anno consecutivo, Pogacar e Roglic hanno condiviso un tour e hanno preso le maglie arcobaleno della Vuelta, Alaphilippe e Ganna.

Jose Manuel Andrés

Il 2021 è tornato a una certa normalità nel calendario ciclistico mondiale dopo un 2020 caotico. La stragrande maggioranza dei test è tornata al consueto programma prima che l’epidemia di Covid-19 capovolgesse tutto, ma questo non significa un cambiamento significativo nella gerarchia stabilita negli ultimi anni nello sport delle due ruote. In effetti, questo identico record non viene ricordato tra le maggiori competizioni in due anni consecutivi.

La Slovenia, piccolo paese con poche tradizioni fino a pochi anni fa, è oggi la forza dominante del ciclismo, insieme ai due uomini che dominano con il pugno di ferro sulle grandi pedalate. Tadej Pogacar minaccia di inaugurare un’era in vero stile Eddy Merckx. A 23 anni, una tenera età in cui molte leggende del ciclismo non avevano esordito tra i professionisti, ha già collezionato due vittorie al Tour de France e si sente quasi un alieno chiamato a stabilire un vero dominio nel prossimo futuro.

Intramontabile e capace di resistere alle salite più impegnative senza perdere la capacità di colpire al culmine dell’agonia, il nuovo genio del ciclismo ha riconfermato con autorità la sua corona a Parigi, vestendo con gioia la maglia gialla dall’ottava tappa e mentre travagliava su tre vittorie parziali, la maglia da montagna a pois La gioventù bianca. A tale bottino nel tour, ha aggiunto anche due monumenti alle classiche, Liegi-Bastogne-Liegi e il Giro de Lombardia.

READ  Buffon difende Donnarumma, da molti considerata la sua erede

Questa volta un altro sloveno, Primoz Roglic, che ha perso il Tour 2020 all’ultimo tentativo, non ha avuto scelta nel modo più doloroso quando era a portata di mano, e nel 2021 è stato costretto a partire presto per la cerimonia. un giro. Otto tappe più tardi, quando il suo connazionale era vestito di giallo, Roglic stava facendo le valigie da più di mezz’ora nella classifica generale e zoppicava dalla sua splendida collisione nella terza tappa.

Ce l’ha fatta di nuovo al Giro di Spagna, un test che gli ha dato tutto quello che il Tour insiste nel negare all’ex saltatore con gli sci. Le strade spagnole sembrano averle fatte dopo tre vittorie consecutive, un traguardo disponibile solo per Tommy Rominger (1992-1994) e Roberto Heras (2003-05). Ha anche portato a casa l’oro olimpico nella cronometro per le Olimpiadi di Tokyo, un evento che è stato rinviato di un anno mentre l’ecuadoriano Richard Carapaz è stato incoronato pochi giorni prima sulla strada.

La nuova generazione

Hanno anche duplicato la corona, aggiungendo alla sensazione di “déjà vu” rispetto al 2020, Julian Alaphilippe e Filippo Ganna. I francesi e gli italiani hanno detenuto la maglia iridata e hanno conquistato i due volte campioni del mondo su strada e nel tempo, rispettivamente, dopo una versione disputata nelle Fiandre, terra del ciclismo per eccellenza.

La Slovenia domina ma il ciclismo sudamericano è ancora fortunato, unendosi alla medaglia d’oro di Carapaz a Tokyo nel 2021 con la vittoria di Egan Bernal al Giro d’Italia. Secondo grande giro del 24enne colombiano dopo la vittoria al Tour 2019, un successo che sottolinea come uno dei campioni illustri della nuova generazione di ciclisti chiamati a celebrare una tappa d’oro di questo sport, tra cui anche il versatile Wout van Aert o Mathieu van der Poel, uomini che sanno brillare in montagna, in senso antiorario e anche facendo jogging.

Questo club selezionato è affiancato nel round 2021 dal danese Jonas Weinggaard, che ha sbalordito il suo secondo posto nell’ultimo cassetto in un tour che ha lasciato la buona notizia del ritorno di Mark Cavendish. Il leggendario velocista britannico ha eguagliato le vittorie parziali di 34 “Cannibals” Merckx con quattro vittorie che hanno confermato la sua resurrezione come una fenice, cinque anni dopo aver raggiunto il primo livello.

Spagna, per la prima volta senza una vittoria di scena nel Grand Tour

Il 2021 passerà alla storia del ciclismo spagnolo a causa degli aspetti negativi. Per la prima volta, non c’è stata alcuna vittoria di tappa nei tre round principali. Né al Giro, né al Tour de France. Nemmeno al Giro di Spagna. Nessun pilota nazionale è stato in grado di alzare le braccia al cielo a testimonianza di una vittoria parziale, un record nero che illustra chiaramente l’attuale complesso stato dello sport a due ruote in Spagna. La realtà al momento è una scarsità di progetti di prim’ordine, con Movistar che è l’unica squadra UCI WorldTour, top class, sostenuta solo da pochi buoni corridori e il buon lavoro svolto da Enric Mas sui grandi generali aziendali. Di cui.

Il maiorchino ha firmato il più grande successo spagnolo dell’anno con il secondo gradino del podio alla Vuelta, dove non ha potuto discutere della vittoria finale a Santiago de Compostela a Primoz Roglic, ma almeno è emerso come l’alternativa più solida dello sloveno . . Al Tour, il leader della Movistar è stato anche il miglior spagnolo della classifica generale, piazzandosi sesto a Parigi, con il pilota del Bahrain Belo Bilbao nono. Biscayan è stato il miglior giocatore spagnolo del Giro, arrivando al tredicesimo posto.

Oltre alle grandi tournée teatrali, il veterano Alejandro Valverde è stato ancora una volta il più memorabile dei migliori classici. Morcian, che ha compiuto 41 anni ad aprile, è arrivato terzo nella Freccia vallone, quarto alla Liegi-Bastoña-Liegi e quinto al Giro de Lombardia e all’Amstel Gold Race. Potrebbe non mostrare più quell’ultimo punto di ritmo per vincere, ma ha molti vantaggi per rimanere competitivo una volta che ha superato la soglia dei quaranta.

Uno di Caravaca è stato il capitano della squadra spagnola nella prova su strada dei Giochi di Tokyo 2020. Niente è andato come previsto, con i positivi dell’assistente e allenatore, Pasquale Mombarler, che hanno cambiato radicalmente la partecipazione spagnola e l’hanno persino messa a repentaglio nel ore che precedono la gara.