Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La saga nel quartiere di Ballyheu: cosa vuol dire vivere 25 giorni senza elettricità

La saga nel quartiere di Ballyheu: cosa vuol dire vivere 25 giorni senza elettricità

Uno dei quartieri che non è ancora riuscito a ripristinare il 100% delle linee elettriche dopo la tempesta del 16 dicembre è il quartiere di Balihu. Il gran numero di pali e pali caduti durante l'uragano ha causato anche interruzioni dei cavi, lasciando da allora il settore senza elettricità.

Nonostante alcune zone abbiano già iniziato a ricevere l’energia elettrica negli ultimi giorni, molti edifici sono ancora senza elettricità.

ha affermato Gabriella Laurent, presidente della Neighbourhood Development Association il nuovo. “Per le persone che sono rimaste senza elettricità per 25 giorni e sono anziani che hanno bisogno di aiuto, la situazione è davvero disperata. Tutti desideriamo che ritorni, ma soprattutto coloro che hanno bisogno di cure speciali”.

Ha aggiunto: “Dall’Associazione per lo Sviluppo, aiutiamo sempre queste persone e cerchiamo di assicurarci che non manchi loro nulla affinché possano affrontare questa situazione nel miglior modo possibile”.

A sua volta, Laurent ha sottolineato che “abbiamo dovuto affrontare le complicazioni legate all'aumento delle temperature per ottenere qualcosa di meraviglioso, così come caricare i telefoni cellulari o i computer, un servizio che oggi è diventato vitale per il nostro lavoro”.

Nel frattempo, ha detto, “EDES ci ha informato in una riunione che entro lunedì prossimo l’intero quartiere dovrebbe avere l’elettricità”.

“EDES ha sempre due o tre squadre nel quartiere, quello che succede è che il lavoro è molto perché sono caduti un gran numero di alberi e tronchi. Le strade hanno effettuato 2.100 viaggi dal quartiere di Palihue al Parco Campaña del Desierto, con camion permanenti e andava e veniva”, ha aggiunto. È stato un lavoro molto duro. EDES sta ricostruendo i pali e posando nuovi cavi. Ringraziamo anche il Comune e i vigili del fuoco che sono venuti anche da altre parti per collaborare con noi”.

READ  Il Papa ha emesso una nuova legge anticorruzione ai funzionari vaticani

Infine, Laurent ha detto: “È triste vedere il quartiere così, perché è una zona boscosa che è stata costruita negli anni '40 ed è un vero peccato perché nulla può ripristinare il tempo. Sembra che sia esplosa una bomba”. .” “L’idea è quella di ripristinare gli alberi urbani con specie autoctone adattate a questo clima tempestoso”.

In prima persona

Beatrice, abitante del quartiere, racconta di essere senza elettricità da 25 giorni e di avere acqua da una settimana, “ma c'è gente che ancora non ce l'ha. Abbiamo due cisterne, quindi la prima cosa che ho fatto” quando è venuta a mancare la corrente elettrica, sono stati portati via secchi d'acqua: “Abbiamo dovuto versarla. “L'acqua era nei bagni perché non sapevamo quanto sarebbe durata. Senza elettricità non si può fare niente”.

E aggiunge: “Mio marito aveva la luce elettrica al lavoro, ma qui a casa ci divertivamo perché entrambi gestivamo bene le cose. Penso che nei posti dove ci sono bambini o famiglie numerose la situazione deve essere stata molto complicata”.

La donna ha detto: “Con il cibo, quando ho visto che non tornavo perché questo era il Kosovo, ho cucinato, ho buttato via una parte e ho dato via l'altra. Da casa mia sono volate solo cinque piastrelle. Oggi cammino ancora per il quartiere”. e non riesco a credere come sia diventato tutto, soprattutto quando hanno iniziato a tagliare gli alberi, la devastazione è diventata più visibile. Ho avuto la fortuna di poter trascorrere le vacanze a Monte Hermoso. “Andiamo e veniamo, quindi siamo stati in grado di affrontare meglio.”

Beatrice non nascondeva la sua tristezza per quello che era successo al quartiere.

READ  Il ricongiungimento emotivo degli ostaggi israeliani con le loro famiglie

“Per molti giorni il quartiere è stato una tana di lupi, tutto era nero. Uno di loro è venuto dal centro ed è arrivato all'ingresso del quartiere, tra i cavi e cercando dove andare. Il giorno dopo sono uscito a passeggiare io e il cane non potevamo credere a quello che vedevo. Vidi. Non voglio immaginare le persone che hanno perso tutto e le vite perse. Qui sono caduti pini di quasi 30 anni ed è stato impressionante come gli alberi coprissero alcune case”, ha detto.

Ha concluso dicendo: “Nella mia zona sono circondato dall'elettricità, ma a casa mia non ce n'è. Alcune famiglie hanno i propri generatori e altre sono state installate da EDES. Fortunatamente oggigiorno ci sono più case dotate di elettricità. Allo stesso modo, Penso che ci vorrà qualche giorno.” Un altro per tornare.”