Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La NASA sta cercando sali organici su Marte come prova della vita passata

05/05/2021 Panoramica del cratere Gale su Marte ripresa dal rover Curiosity da Mount Sharp Research and Policy NASA JPL

Se determiniamo che ci sono sali organici concentrati ovunque su Marte, vorremo indagare ulteriormente su queste aree. “È meglio scavare più in profondità sotto la superficie dove la materia organica può essere meglio preservata”, ha detto in una nota James M.T. Lewis, il geochimico organico che ha guidato la ricerca. Il Journal of Geophysical Research: The Planets. Lewis lavora al Goddard Space Flight Center della NASA.

Lewis Laboratory Experiments e analisi dei dati da Mars Sample Analysis (SAM), A. Un laboratorio di chimica, trasportato all’interno dell’utero di Curiosity, indica indirettamente la presenza di sali organici. Ma è difficile identificarli direttamente sulla superficie di Marte usando strumenti come il SAM, che riscaldano il suolo e le rocce marziane per rilasciare gas che rivelano la composizione di questi campioni. La sfida è che il riscaldamento dei sali organici risulta Solo gas semplici che altri componenti potrebbero rilasciare nel suolo marziano.

Tuttavia, Lewis e il suo team hanno suggerito che un altro strumento Curiosity che utilizza una tecnologia diversa per monitorare il suolo di Marte, lo strumento Chimica e Mineralogia, o CheMin in breve, potrebbe rilevare alcuni sali organici se fossero presenti in quantità sufficienti. Finora CheMin non ha rilevato i sali organici.

31/03/2021 appare di fronte a una roccia lunga sei metri chiamata Mont Mercou POLICY RESEARCH AND TECHNOLOGY NASA / JPL-CALTECH / MSSS
31/03/2021 appare di fronte a una roccia lunga sei metri chiamata Mont Mercou POLICY RESEARCH AND TECHNOLOGY NASA / JPL-CALTECH / MSSS

Trovare molecole organiche, o i loro resti organici di sale, è essenziale nella ricerca della NASA per la vita in altri mondi. Ma questo è un compito difficile sulla superficie di Marte, dove le radiazioni hanno spazzato via miliardi di anni o distrutto la materia organica. Come un archeologo che scava ceramiche, La curiosità raccoglie il suolo e le rocce di Marte, Che può contenere piccoli pezzi di composti organici, quindi SAM e altri strumenti determinano la sua composizione chimica.

READ  14 Guardiani della Galassia fanno riferimento ai fumetti e ai film Marvel nel loro primo trailer دع

Utilizzando i dati che Curiosity trasmette alla Terra, Scienziati come Lewis e il suo team stanno cercando di ricostruire questi pezzi organici rotti. Il loro obiettivo è inferire a quali tipi di particelle più grandi potrebbero appartenere un giorno e cosa potrebbero rivelare queste molecole sull’ambiente antico e sulla potenziale biologia su Marte. Lewis ha detto: “Stiamo cercando di scoprire miliardi di anni di chimica organica, e in questo record organico potrebbe esserci il premio finale: La prova che la vita esisteva sul Pianeta Rosso “.

Lewis ha analizzato una varietà di sali organici mescolati con polvere di silice inerte per riprodurre la roccia di Marte. Ha anche studiato l’effetto dell’aggiunta di perclorato alle miscele di silice. Il perclorato sono sali che contengono cloro e ossigeno e sono comuni su Marte. Gli scienziati temono da tempo di poter interferire con gli esperimenti alla ricerca di marker di materia organica.

Immagine fornita da CAB e ottenuta dal veicolo Curiosity per sequenze sedimentarie nel cratere Gale.  NASA / EFE
Immagine fornita da CAB e ottenuta dal veicolo Curiosity per sequenze sedimentarie nel cratere Gale. NASA / EFE

In effetti, i ricercatori hanno scoperto che il perclorato ha interferito con i loro esperimenti e hanno spiegato come. Ma hanno anche scoperto che i risultati raccolti da campioni contenenti perclorato corrispondevano ai dati SAM meglio di quanto non avessero fatto in assenza di perclorato, aumentando la possibilità di sali organici presenti su Marte.

Inoltre, Lewis e il suo team riferiscono che il CheMin di Curiosity può rilevare i sali organici. Per determinare la composizione del campione, CheMin scatta una radiografia su di essa e misura l’angolo con cui i raggi X vengono deviati verso il rilevatore.

Continuare a leggere: