Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Jornada – Cinque paesi rappresentano il 93% degli investimenti diretti esteri in elettricità

Spagna, Italia, Stati Uniti, Canada e Giappone rappresentano il 93% degli investimenti diretti esteri in elettricità in Messico, secondo i dati del Ministero dell’Economia (SE). Il che significa che su ogni 10 dollari che entrano nel paese per sviluppare progetti di generazione di elettricità, più di nove provengono dai paesi citati, alcuni dei quali hanno minacciato di ritirare gli investimenti se le riforme del settore saranno approvate.

I dati di SE mostrano che dal 1999 ad oggi, gli investimenti diretti esteri nella generazione, trasmissione e distribuzione di elettricità hanno raggiunto i 20 miliardi di dollari, di cui circa 17,5 miliardi di dollari per le aziende di quei paesi, con Spagna e Italia considerate le più pesanti con aziende come Iberdrola ed Enel , che il governo messicano ha accusato di ottenere appalti utili nelle precedenti amministrazioni.

Altre società estere che hanno investimenti in Messico nel settore elettrico sono: Acciona, Cox Energy, Siemens-Gamesa, Transalta, Mitsui, InterGen, AES Corporation, ecc., che hanno sviluppato molti progetti legati alla generazione di energia elettrica attraverso l’energia idroelettrica. Oppure eolico, solare o gas.

Ad esempio: le società spagnole Acciona e Siemens-Gamesa hanno investimenti in parchi eolici, principalmente nel sud-est del Paese; Cox Energy, anche lei spagnola, ha progetti solari fotovoltaici; La canadese Transalta gestisce progetti idroelettrici; Mentre la giapponese Mitsui Corporation e l’americana AES Corporation hanno sviluppato centrali elettriche e gas naturale.

Alla fine del 2021, gli investimenti diretti esteri delle società spagnole nel campo della generazione di elettricità ammontavano a 8.355 milioni di dollari, ovvero il 41% dei circa 20 miliardi di dollari investiti in questo settore. Poi arriva l’Italia con 4.336 milioni di dollari, seguita dagli Stati Uniti con 2.440 milioni, dal Canada con 2.352 milioni e dal Giappone con 1.184 milioni.

READ  Relazioni ispano-tedesche, Editoriale

Sebbene i dati sugli investimenti esteri della SE siano iniziati nel 1999, il settore è stato aperto all’industria privata nel 2013 dopo l’entrata in vigore della riforma elettrica del governo Enrique Peña Nieto, che ha consentito alle aziende di investire in petrolio ed elettricità. Pacchetti che in precedenza erano riservati solo allo stato.

Da quando è salito al potere, il presidente Andres Manuel Lopez Obrador ha indicato in numerose occasioni che la riforma energetica di Peña Nieto è stata approvata con tangenti ai legislatori e l’assegnazione di contratti vantaggiosi, sussidi e agevolazioni fiscali ad alcune società straniere, che sono state le più avvantaggiate .

In considerazione di ciò, sono state adottate misure per abrogarla, ad esempio la scorsa settimana la Corte Suprema del Paese ha votato a favore della costituzionalità di alcune modifiche alla Legge sull’industria elettrica, approvata all’inizio dello scorso anno, ma obiettato. Inoltre, questa settimana i legislatori discuteranno della riforma elettrica. Entrambe le iniziative mirano a rafforzare l’Autorità federale per l’energia elettrica a spese delle società private.

I cambiamenti hanno suscitato disagio nelle aziende e nei governi dei paesi coinvolti nell’industria energetica messicana, in particolare Spagna e Stati Uniti.

Ad esempio, Catherine Tay, rappresentante commerciale degli Stati Uniti, ha inviato una lettera a Tatiana Clouther, ministro dell’economia del Messico, avvertendo che la riforma dell’elettricità mette a rischio 10 miliardi di dollari dagli investitori statunitensi.

Detto questo, mercoledì scorso il presidente Lopez Obrador ha accusato il governo degli Stati Uniti di esercitare pressioni sia alla Camera dei rappresentanti che al Consiglio nazionale dei giornalisti contro la riforma dell’elettricità.