Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La fusione di buchi neri più distante mai rilevata, quando l’universo aveva solo 740 milioni di anni

La fusione di buchi neri più distante mai rilevata, quando l’universo aveva solo 740 milioni di anni

Un team internazionale di astronomi ha utilizzato il telescopio spaziale James Webb della NASA, dell’Agenzia spaziale europea (ESA) e dell’Agenzia spaziale canadese (CSA) per trovare prove dell’esistenza di… Una fusione in corso tra due galassie e i loro buchi neri supermassicci quando l’universo aveva solo 740 milioni di anni.

Ciò rappresenta la rilevazione più lontana di una fusione di buchi neri mai vista, e la prima volta che questo fenomeno è stato rilevato così presto nell’universo. Gli astronomi hanno scoperto buchi neri supermassicci, milioni o miliardi di volte la massa del Sole, nelle galassie più massicce dell’universo locale, inclusa la nostra Via Lattea. È probabile che questi buchi neri abbiano un impatto significativo sull’evoluzione delle galassie in cui risiedono. Ma, Gli scienziati ancora non comprendono appieno come questi oggetti siano diventati così massicci.

ragnatela

Lo indica la scoperta di buchi neri giganti che esistevano già nel primo miliardo di anni dopo il Big Bang Tale crescita deve essere avvenuta molto rapidamente e molto presto. Ora, il telescopio spaziale James Webb sta gettando nuova luce sulla crescita dei buchi neri nell’universo primordiale. Le nuove osservazioni di Webb hanno fornito prove della fusione in corso di due galassie e dei loro enormi buchi neri quando l’universo aveva solo 740 milioni di anni.

Il sistema è noto come ZS7. I buchi neri massicci che accumulano materia hanno proprietà spettrali distinte che consentono agli astronomi di identificarli. Per le galassie molto distanti, come quelle di questo studio, È inaccessibile dalla Terra e può essere visualizzato solo utilizzando Webb.

L’equipe ha scoperto che la massa di uno dei due buchi neri è 50 milioni di volte la massa del Sole, ed è probabile che la massa dell’altro buco nero sia simile, anche se è difficile da misurare perché questo secondo buco nero è sepolto nel gas denso”, ha spiegato il ricercatore Roberto Maiolino dell’Università di Cambridge e dell’University College di Londra nel Regno Unito.

READ  Un miliardario dice che andrà nello spazio più di qualsiasi altro essere umano negli ultimi 50 anni

I risultati suggeriscono che la fusione è un percorso importante attraverso il quale i buchi neri possono crescere rapidamente, anche all’alba cosmica.