Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Direzione nazionale per la protezione dei dati personali sta indagando sulla nuova politica sulla privacy di WhatsApp

WhatsApp è il servizio di messaggistica istantanea più utilizzato in Argentina EFE / EPA / IAN LANGSDON / Archivo

Oggi, una nuova politica sulla privacy di WhatsApp sta iniziando a governare. Chi non accetterà potrà continuare a utilizzare l’app di messaggistica (il servizio più utilizzato in Argentina) anche se non è ancora chiaro se sarà con limitazioni. In tale contesto , Direzione nazionale per la protezione dei dati personali a partire dal Contatta l’Agenzia di informazione pubblica A partire dal governo nazionale L’esecuzione dell’indagine ha avviato la richiesta.

Lo scopo è vedere se le politiche sulla privacy dell’azienda si adatteranno alla legislazione argentina, cioè con Legge sulla protezione dei dati personali. L’agenzia ha richiesto informazioni nel marzo di quest’anno e WhatsApp ha risposto a tempo indeterminato o ha lasciato alcuni aspetti della richiesta senza risposta, come ha spiegato l’agenzia a Infobae.

Successivamente è stata effettuata una seconda richiesta di informazioni e fino al servizio con oltre due milioni di utenti è stato il momento di rispondere. In un comunicato, l’amministrazione ha indicato di voler verificare se i termini di aggiornamento e la privacy policy del servizio fossero conformi ad esso Legge 25326 sulla protezione dei dati personali, decreto legislativo 1558/01 e legge 27483 che approva la Convenzione sulla protezione delle persone rispetto al trattamento automatizzato dei dati personali del Consiglio d’Europa

La legge 25326 in materia di protezione dei dati personali riconosce e garantisce i diritti dei titolari dei dati personali. In caso di inadempienza è possibile sporgere reclamo Direzione nazionale per la protezione dei dati personali. In questo senso, i cittadini hanno il diritto di accedere, correggere, aggiornare o cancellare i propri dati da banche dati pubbliche e private.

READ  Le esclusive PlayStation possono giocare su Xbox? spiega come

L’indagine è svolta dal legale rappresentante della società in Argentina, che è l’avvocato Pablo Palazzi. L’app di messaggistica istantanea aveva intenzione di implementare le sue nuove politiche sulla privacy l’8 febbraio, ma poi, con i reclami dei suoi utenti, ha annunciato la nuova entrata in vigore di 15 maggio 2021.

Cosa cambierà?

Il 15 maggio entrerà in vigore una nuova Informativa sulla privacy di WhatsApp.  POLITICA UFFICIALE DI WHATSAPP
Il 15 maggio entrerà in vigore una nuova Informativa sulla privacy di WhatsApp. POLITICA UFFICIALE DI WHATSAPP

Forse quello che sono nato Polemica e “campagna pubblicitaria” Negli ultimi mesi milioni di utenti hanno ignorato soprattutto la situazione. La richiesta di accettare la nuova policy si basa su un aggiornamento per le persone che condividono messaggi con le aziende su WhatsApp, Al fine di fornire una maggiore trasparenza, l’azienda prende atto del modo in cui i dati vengono raccolti e utilizzati.

“Dopo aver concesso a tutti più tempo per esaminare queste informazioni, continuiamo a ricordare a coloro che non hanno ancora avuto l’opportunità di farlo di esaminarle e accettare le modifiche. Dopo diverse settimane, il promemoria sarà continuo”, Sono stato informato dell’azienda.

La nuova privacy policy consentirà lo scambio dei dati degli utenti tra Facebook e WhatsApp. Quindi le aziende che utilizzano la versione aziendale del servizio di messaggistica (WhatsApp per affariCome canale di comunicazione con i propri clienti, potranno utilizzare i servizi di hosting di Facebook, utilizzando le conversazioni che ricevono per i propri interessi di marketing.

Con l’obiettivo di interagire con i circa 175 milioni di persone che ogni giorno inviano messaggi ai diversi account commerciali del servizio, Facebook ha realizzato degli aggiornamenti relativi alle funzionalità opzionali delle aziende.

READ  Google unirà Meet e Duo in un'unica app per effettuare chiamate vocali e video

Per quanto riguarda la privacy e la sicurezza dei tuoi messaggi e chiamate, nulla cambierà, poiché continueranno a essere protetti dalla crittografia end-to-end. In teoria, né WhatsApp né Facebook possono vedere questi messaggi privati.

Con oltre 2 milioni di utenti in rete, WhatsApp continua a destare preoccupazione per questi nuovi cambiamenti, in un contesto in cui i suoi principali concorrenti, come ad esempio Telegram, stanno iniziando a crescere fortemente.

Continuare a leggere: