Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Corte Suprema ha dato il via libera all’estradizione in Italia di tre ex militari cileni

La Corte Suprema ha dato il via libera all’estradizione in Italia di tre ex militari cileni

La Seconda Camera Penale della Corte Suprema ha accolto la richiesta del sistema giudiziario italiano e ha consentito l’estradizione di tre ex soldati cileni condannati all’ergastolo in quel Paese per la tortura, la sparizione e l’esecuzione di cittadini italo-cileni. Nell’ambito del progetto Condor, negli anni ’70.

Nello specifico, la Corte Suprema ha condannato gli ex agenti Orlando Moreno Vázquez e Manuel Vázquez Chajuan all’ergastolo per l’omicidio del 25 settembre 1973 dell’ex sacerdote e militante del MIR Omar Roberto Venturelli Leonelli (31).

Nel caso Pedro Espinosa Bravo La sua estradizione fu approvata in relazione all’omicidio del 26 maggio 1976 dell’attivista e studente del MAPU Juan Bosco Maino Canales (27), che fu arrestato. E il procedimento è stato archiviato per dichiarazione di colpevolezza di Jaime Donato Avendano (41). Comitato Centrale del Partito Comunista, meccanico elettricista, fu arrestato il 5 maggio 1976. Perché era già stato condannato in Cile per gli stessi fatti.

Le persone ricercate devono registrare i processi pendenti nel nostro Paese, il che può portare a un’estradizione differita, il che significa che l’estradizione non li esenta dalla responsabilità penale in Cile. Inoltre, nei confronti dei criminali verranno mantenute le misure cautelari di origine nazionale e le misure cautelari individuali di Manuel Vásquez Chajuan, condannato in un altro caso lo scorso giugno, saranno posti agli arresti domiciliari totali. Nel frattempo, Moreno Vázquez e Espinosa Bravo stanno attualmente scontando condanne nel carcere di Punta Buego per diversi processi.

Per l’avvocato Francisco Bustos di Estudio Caucoto Abogados, che partecipa al processo di estradizione per conto della figlia di Juan José Montiglio Murua, “Si tratta di una decisione molto importante della Camera Penale della Corte Suprema perché riafferma l’universalità. diritti umani, essendo estradato per crimini contro l’umanità”.

READ  Corruzione in Italia: il video orribile di un adolescente che lancia un gatto da un ponte ha indignato la gente

“Nel XX secolo ci furono condanne che rifiutarono l’estradizione di criminali come Walter Rauf, che ancora oggi subiscono ritorsioni speciali per aver ignorato i mandati del diritto internazionale, consentendo una situazione di impunità. In questo caso, la Camera penale riconosce un compito storico che favorisce la cooperazione internazionale contro l’impunità, cosa che ha suscitato commenti in Cile e nel mondo”, ha affermato.

Dopo la richiesta di estradizione da parte dell’Italia, la Corte Suprema del Cile ha nominato sotto esame la ministra Angela Vivanco, che ha emesso una sentenza di primo grado nel dicembre 2023, approvando l’estradizione delle persone richieste dalla Seconda Camera Penale della Corte Suprema.