Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Italia: le donne, i giovani e gli immigrati sono i più colpiti …

Da Roma

Quando il Primo Maggio è stato ricordato come Festa del Lavoro o Festa del Lavoro, i sindacati italiani lo hanno ribattezzato “Non-Festa del Lavoro”, una chiara indicazione della disoccupazione che è stata dilagante nell’ultimo anno a causa dell’epidemia. La disoccupazione ha causato più di 900.000 perdite di posti di lavoro in Italia, colpendo donne, giovani e immigrati. Più degli uomini, anche loro hanno indubbiamente pagato un prezzo considerevole.

Dal marzo dello scorso anno, il governo ha approvato una serie di misure per aiutare i dipendenti e le aziende, ovvero il pagamento di salari ridotti da parte dello Stato per alcuni mesi (modifica dello stipendio dell’azienda), il “consolidamento di Gaza” italiano e il divieto di licenziamenti per un tempo limitato. Queste misure hanno cambiato alcune cose nel corso dei mesi, ma sono ancora in vigore. I datori di lavoro privati ​​che sospendono o riducono la loro attività a causa di eventi epidemici possono ora richiedere l’uso di “Gaza Integration” per un massimo di 13 settimane dal 1 aprile al 30 giugno 2021. Il cosiddetto piano di ripresa degli aiuti per altre attività e organizzazioni simili verrà alla ribalta dei lavoratori una volta che l’UE (UE) lo approverà, ovvero come il governo italiano utilizzerà i soldi che dà all’UE per aiutare un paese in crisi a causa di l’epidemia.

Ma per avere un quadro più preciso di come l’epidemia abbia colpito uomini e donne, è necessario analizzare alcune statistiche, la maggior parte delle quali sono state fornite dalla società di statistica italiana Estad.

A dicembre 2020 il tasso di occupazione femminile è sceso al 48,6%, perdendo 1,4 punti percentuali al mese, rispetto all’occupazione maschile, che ha perso solo lo 0,4% al 67,5%. Quel mese sono stati persi 101.000 posti di lavoro, ma più di 90.000 di questi erano di proprietà di donne di età inferiore ai 50 anni. A marzo 2021 l’occupazione è aumentata dello 0,2%, recuperando circa 34.000 posti di lavoro rispetto al mese precedente. Ma le posizioni sono principalmente per gli uomini.

READ  L'Italia introduce il primo treno passeggeri "non ambito"

Il tasso di disoccupazione in Italia è ora al 10,1% (i giovani raggiungono il 33%)Secondo Eurostat, era dell’8,1% a marzo 2021, del 6% a febbraio 2021 sulla Germania e dell’8% alla fine del 2020 in Francia. Questo è meglio della Spagna, dove la disoccupazione si aggirava intorno al 15,3% nel marzo 2021. Se parliamo di disoccupazione femminile a febbraio era dell’11,4% in Italia

Il tasso di occupazione in Italia è del 56,5%, il che significa che è probabile che lo faccia più della metà della popolazione attiva.

Il presidente repubblicano Sergio Matterella e il presidente del Senato Elisabetta Casellotti hanno entrambi sottolineato nella loro notizia del Primo Maggio che le donne hanno pagato un alto prezzo per le infezioni.

Far crescere l’aggressività femminile, “ancora oggi molto debole”, è “una condizione essenziale perché l’Italia la distribuisca”, ha detto il presidente Mattarella. Riferendosi ai migranti – alcuni esperti assicurano che molti sono stati sfruttati e semi ridotti in schiavitù durante un’epidemia – il Presidente ha aggiunto: “Lo sfruttamento e la violenza contro i lavoratori migranti è” intollerabile “perché questi lavoratori” contribuiscono al bene “della nostra comunità” e noi garantire l’accesso al lavoro per tutti. Dovrebbe “, ha sottolineato.

Il presidente del Senato, da parte sua, ha delineato il prezzo pagato dalle donne. “Sono le donne che portano sulle spalle il fardello maggiore delle epidemie e si dividono tra lavoro, figli, famiglia, scuole chiuse e assistenza domiciliare. Le donne che lavorano in aree essenziali della nostra economia, come il turismo, la gastronomia e i servizi per la famiglia, pagano di più per il costo della crisi. Ma non si sono dichiarati sconfitti, hanno mostrato grande capacità di rinnovarsi ”, ha sottolineato Castellotti.

READ  Spia: la Russia espelle un ambasciatore dall'ambasciata italiana

Linda Laura Sabadini, Direttore Federale dell’Estate, ha fatto un’interessante analisi sociologica del perché le donne sono più vulnerabili alla crisi scatenata dall’epidemia. “Le donne in Italia sono definite per definizione come quelle che hanno più lavori temporanei e salari inferiori rispetto ai loro colleghi maschi. Il divario retributivo è di circa il 20%. Kovit è scoppiato in un problema esistente “, ha detto Chapadini al sito italiano” Loose “. Le donne hanno affrontato una situazione più complessa. Non solo dovevano lavorare a distanza, ma si prendevano cura dei bambini che erano stabilmente a casa da quando le scuole erano chiuse, assistendoli nelle materie scolastiche e curando tutte le faccende domestiche perché in Italia gli uomini collaborano poco in quella materia. Secondo Chapadini, Ad esempio, il governo dovrebbe “fare di più per aiutare le donne che lavorano” migliorando i servizi per la prima infanzia come l’assistenza quotidiana. Oppure allungare l’orario delle scuole, dove i ragazzi possono fare i compiti ogni giorno prima di tornare a casa, già in altri paesi europei.