Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Italia 1990 e Brasile 2014, una squadra, due realtà

Italia 1990 e Brasile 2014, una squadra, due realtà

L'internauta di nacion.com, Gustavo Alberto Mamani, lo ha detto molto chiaramente durante la recensione Italia 90: Il film Il film è stato proiettato ieri in 15 cinema del Paese.

“Io personalmente ho chiamato la Nazionale italiana, con grande affetto, squadra del 'riso e fagioli', perché mancava di molte risorse finanziarie e tecniche. Ma ci ha dimostrato che nonostante questo, la cosa più importante nella vita è la forza di volontà, la disciplina e la dedizione” che… fai le cose che fai e l'amore che ci metti.”Ingredienti sufficienti per il successo”, ha scritto Gustavo.

Questa era la squadra guidata dal serbo Velibor Bora Milutinovic. Una squadra di 22 giocatori, modesta, affetta da carenze e capitali limitati, ma matura dopo aver fallito in altre operazioni, che cambiarono la storia del calcio Tico 24 anni fa.

«Sono pionieri», ha sintetizzato Miguel Gomez, regista del film che rende omaggio all'estate italiana Tricolore Si sono qualificati per il secondo turno del torneo, dopo aver sconfitto Scozia (1-0) e Svezia (2-1), classificandosi infine 13° su 24 partecipanti.

“Bora ha aperto le loro menti, li ha fatti sognare e ha dato loro una visione di ciò che avrebbero potuto diventare. Hanno cambiato il calcio e definito molte cose di ciò che è la nazionale oggi. Questo è il grande valore del nostro film”, ha detto con orgoglio.

Molto diverso da Seely Che giocherà in Brasile 2014, la sua quarta finale di Coppa del Mondo, che ha più strutture, per affrontare la sfida del Gruppo D contro tre ex campioni, Uruguay, Italia e Inghilterra.

READ  Wifi Sub 19 inizia in Spagna la vittoria europea (3-1)

“Mi piacerebbe vivere questo momento grazie alle cifre che i giocatori guadagnano dalla pubblicità e dai diritti d'immagine”, ha detto il rappresentante della FIFA Roger Flores. Capitano della squadra Da quell'avventura.

“Abbiamo sfatato un mito Pantaloni dorati , che si è piazzato terzo all'All-America. Abbiamo lavorato con passione per realizzare il sogno, con una leadership inesperta quanto noi. “Con l'omaggio a questo film, sentiamo nostalgia e ora ci rendiamo conto di aver fatto la storia”, ha sottolineato Flores.

Contraddizioni. Il viaggio verso l'Italia nel 1990 durò 80 giorni. Tutto è iniziato concentrandosi sugli hotel e tennis club Cyprisal e Tyrol.

“A fronte di così tanti limiti, il successo è stata l'unità del gruppo che avevamo, che esiste ancora dopo 24 anni”, ha detto German Chavarria, terzino destro negli anni '90.

“Allenarsi tre volte al giorno, alle 5, alle 11 e alle 15, e poi guardare un film alle 19 per un mese, è stato molto stressante”, ha detto Chava.

Questa impresa è stata successivamente raggiunta in coppa e i giocatori sono tornati nel paese come campioni nazionali.

“L'importante è la parte mentale. Il Bora ci ha fatto capire che abbiamo le condizioni e che dobbiamo sfruttarle. Nel gol di Caiasso contro la Scozia sono stati coinvolti cinque giocatori. “Ci ha dato molta fiducia per vincere la prima partita , che è stato un fattore chiave per convincerci che avremmo potuto realizzare Grandi cose, se vuoi”, ricorda Claudio Jara, l'unico attaccante della squadra strategica europea.

Prima della Coppa del Mondo, la Costa Rica non aveva giocatori ingaggiati all'estero, a differenza del Brasile del 2014, dove 14 dei 23 membri (61%) giocavano per club all'estero.

READ  Egan Bernal è il 3° miglior ciclista dell'anno - ciclismo - sport

La squadra di Bora ha aperto il confine. Hernan Medford e Ronald Gonzalez furono collocati in Jugoslavia, Luis Gabelo Conejo in Spagna, Juan Caiaso in Germania, José Carlos Chavez in Cecoslovacchia e Roy Myers in Uruguay.

“Non esistono buoni sequel. Tutto cambia. Fa parte dell'evoluzione della vita, ma c'è sempre qualcuno che porta il testimone e, fortunatamente, quello eravamo noi.” DNA Myers, uno dei giocatori più giovani di Italia 90.