Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Israele sarà il primo Paese al mondo a vietare la vendita di pellicce all’industria della moda

La pelliccia animale è stata storicamente utilizzata in abbigliamento come cappotti, scarpe, borse e tutti i tipi di accessori dall’industria della moda, qualcosa di tabù come Israele può cambiare una volta per tutte.

Israele è diventato il primo paese al mondo a vietare la vendita di pellicce all’industria della moda, Un evento storico che è giunto al termine di un lungo iter giudiziario culminato con la firma dell’Emendamento al Regolamento per la protezione della fauna selvatica del 1976 da parte del ministro dell’Ambiente, Gila Gamlil.

L’industria delle pellicce uccide centinaia di milioni di animali in tutto il mondo e provoca indicibili crudeltà e sofferenze. Lo ha detto il ministro della Protezione ambientale Gila Gamliel in una nota dopo aver firmato l’emendamento mercoledì scorso, che entrerà in vigore entro sei mesi.

Gamliel ha anche scritto su Twitter di essere orgogliosa del fatto che Israele sia stato il primo paese a vietare la vendita di pellicce.

L’emendamento è ufficialmente inteso a vietare la concessione di permessi per il commercio di pelli di animali selvatici, quindi il suo campo di applicazione si estende oltre anche l’industria della moda stessa.

“L’uso di pelli e pellicce di animali selvatici nell’industria della moda è decisamente immorale e inutile. Le pellicce di animali non possono coprire la brutale industria di uccisione che le produce. La firma di queste normative renderà il mercato della moda israeliano più rispettoso dell’ambiente e gentile con gli animali”, Ha aggiunto il ministro Gamliel.

La decisione di Israele è stata molto applaudita dalle organizzazioni nazionali e internazionali che si battono per la difesa e la protezione degli animali, salutando la decisione come un “colpo storico”cosa o cosa ا “Salverà innumerevoli animali dall’inferno dell’industria delle pellicce”.

READ  La Cina ha autorizzato il vaccino Sinovac contro il virus Corona per i bambini dai 3 anni

In questi termini si è ora manifestata la Ong degli animali, che in un comunicato ha aggiunto quanto segue: “Abbiamo combattuto per anni per vietare la vendita di pellicce all’industria della moda e, dall’inizio, l’86% del pubblico israeliano lo ha sostenuto”.

L'uso della pelliccia sintetica sta guadagnando terreno nel settore della moda poiché cerca di allontanarsi sempre più dagli abusi sugli animali.
L’uso della pelliccia sintetica sta guadagnando terreno nel settore della moda poiché cerca di allontanarsi sempre più dagli abusi sugli animali.

L’ONG ha evidenziato il lavoro del ministro Gamliel e di Tal Gilboa, consigliere del primo ministro per i diritti degli animali, nonché di altre ONG, come Let The Animals Live e l’International Anti-Furrency Coalition (IAFC) per essere alleate in questa direzione.

“L’IAFC ha promosso un disegno di legge per vietare la vendita di pellicce in Israele dal 2009, e ci complimentiamo con il governo israeliano per aver finalmente compiuto il salto storico nella produzione di pellicce per la storia della moda”. Lo ha detto in una nota la Fondazione IAFC Jane Halevi.

“Tutti gli animali stanno soffrendo terribilmente per mano di questa industria crudele e arretrata”, ha aggiunto Halevi, la cui organizzazione sta facendo accadere questo da più di un decennio.

Niente è più potente di un’idea il cui tempo è giunto. Uccidere animali per la pelliccia dovrebbe essere illegale ovunque; È tempo che i governi di tutto il mondo vietino la vendita di pellicce”, è finita.

Anche l’organizzazione per i diritti degli animali PETA ha elogiato la mossa come… “Vittoria storica”, Ha scritto su Twitter che “Proteggerà innumerevoli volpi, visoni, conigli e altri animali da uccisioni violente per la loro pelliccia”.

Cappotto in finta pelliccia.
Cappotto in finta pelliccia.

Sebbene Israele sia il primo paese al mondo a vietare la commercializzazione di pellicce all’industria della moda, esiste un precedente per la California negli Stati Uniti che ha fatto lo stesso nel 2019.

READ  Idriss Déby, il dittatore africano che ha appena vinto il suo sesto mandato in Ciad, muore nei combattimenti

Nell’ottobre dello scorso anno, quando Gamliel annunciò per la prima volta i piani, divenne chiaro che i futuri permessi per il commercio di pellicce sarebbero stati ancora rilasciati, ma solo in alcuni casi. Questi permessi sono rilasciati dall’Ente Parchi e Natura, ma questi nuovi standard si limiteranno a concederli solo nei casi Ricerca scientifica, didattica, didattica, finalità e tradizioni religiose.

È probabile che quest’ultima categoria sia particolarmente controversa a causa del ruolo che la pelliccia svolge nelle tradizioni degli ebrei Haredi, che spesso indossano cappelli di pelliccia chiamati shtreimel, sebbene possano ottenere un’eccezione.

Continuare a leggere: