Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Incendi in Cile: coloro che cercano di risorgere dalle ceneri |  Il bilancio finale ammonta a 122 morti e più di un centinaio di dispersi

Incendi in Cile: coloro che cercano di risorgere dalle ceneri | Il bilancio finale ammonta a 122 morti e più di un centinaio di dispersi

Migliaia di persone cercano di risorgere dalle ceneri sulle colline di Viña del Mar, nella regione di Valparaíso, nel Cile centrale, colpite da un incendio boschivo. Il più mortale del ventunesimo secolocon il conteggio aggiornato questo lunedì a 122 morti e più di un centinaio di dispersi.

I violenti incendi di venerdì hanno lasciato gli abitanti di Quilboy e Villa Independencia, una delle zone più densamente popolate della regione, a circa 120 chilometri a nord-ovest di Santiago, senza elettricità e acqua e sotto una nuvola di fumo.

“Soffro ancora di un nodo alla gola, e non è per la sostanza (…)” Ho perso molti dei miei amici vicini nelle vicinanze e altri quattro lì. Questo è ciò che mi fa più malesi è lamentato Hugo De Filippi, meccanico d'auto di 34 anni, portato con l'aiuto di vicini e studenti a ripulire una strada con le strade intasate di detriti carbonizzati e che ancora odoravano di fumo.

A Vina del MarI residenti si sono riuniti tutto il giorno Portare acqua, vestiti e cibo nelle zone più colpite dagli incendi. Con pale e scope, famiglie e gruppi di amici salivano sulle colline per fare le pulizie.

“Non c’è alcuna spiegazione. Questo è davvero un disastro. L’anno scorso siamo stati colpiti da incendi boschivi, sei volte peggiori. “Oggi rimuoviamo le macerie (…) e poi sposteremo ciò che manca di casa in casa”, ha detto Camila Perez, 23 anni, che con il padre, il compagno e i fratelli si è organizzata per fornire assistenza a El Olívar.

Il traffico è peggiorato con l'arrivo dei volontariPersone che vogliono aiutare le famiglie e aiutare gli animali domestici. Anche i vigili del fuoco e le squadre ufficiali sono al lavoro per cercare le vittime nei luoghi bruciati.

READ  Il partito al governo ha imposto il segreto sull'acquisto dei vaccini anti Covid

Nel mezzo dell’estate del sud, Questa zona della spiaggia ha gran parte dei suoi hotel senza personale a causa delle conseguenze del disastro. Dietro c'è una serie di colline con case bruciate e strade strette percorse da veicoli di cui non si sa ancora se siano parcheggiati o se siano occupati da persone che cercano di evacuare.

L'ultimo bilancio di lunedì ha portato il bilancio delle vittime a 122, di cui solo 32 sono state identificate. Lo riferisce il Servizio medico legale (SML). Le autorità hanno ribadito che il lavoro di “recupero dei corpi” è difficile perché fino a domenica nelle vicinanze c'erano luoghi dove ardevano degli incendi, ma anche perché c'erano case e veicoli carbonizzati.

A Viña del Ma risultano scomparse 190 personeIl sindaco della città, Macarena Ripamonti, ha affermato che sono stati colpiti 20.000 residenti.

Lunedì è stato ripristinato il coprifuoco notturno, per facilitare il lavoro dei medici legali, rimuovere le macerie e cercare di ripristinare alcuni servizi pubblici. Anche senza il numero di persone che hanno perso la casa, Sono già quasi 15.000 le case danneggiate Lo ha detto il sottosegretario al Viminale Manuel Monsalve.

Alcune sacche di incendi sono iniziate mercoledì, lo stesso giorno di un'ondata di caldo con temperature superiori a 40 gradi, e si sono diffuse venerdì pomeriggio nel giro di poche ore.

Incendi brutali Sono tra i tre più mortali del ventunesimo secolo. Insieme a quelli dell’Australia nel 2009 (179 morti) e quelli delle Hawaii nell’agosto 2023 (più di 100).

Nonostante il miglioramento delle condizioni meteo… Le squadre dei vigili del fuoco stanno ancora combattendo almeno 40 incendiAlcuni focolai hanno provocato evacuazioni preventive a nord di Santiago e a Galvarino, 400 chilometri a sud della capitale, vicino a una vasta area devastata da un incendio nel febbraio dello scorso anno.

READ  Horror nel Regno Unito: un poliziotto confessa di aver stuprato 12 donne

Le parti più colpite si trovano in un’area che è stata densamente popolata senza pianificazione per decenni e dove famiglie della classe media e altre famiglie, a causa della loro vicinanza alla costa del Pacifico e a Santiago, vivono in insediamenti precari e poveri. L’elevata densità di popolazione in aree difficili da raggiungere, combinata con la prolungata siccità e le alte temperature del Cile, hanno reso più facile la diffusione degli incendi.

Sia il presidente Gabriel Buric che il ministro dell'Interno hanno già annunciato di sospettare che gli incendi siano stati dolosi e hanno promesso di indagare fino a quando non saranno trovati i responsabili.