Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ileana Guercio chiarisce le sue polemiche dichiarazioni sugli insegnanti: «Sono entrata anche in una scuola pubblica».

Ileana Guercio chiarisce le sue polemiche dichiarazioni sugli insegnanti: «Sono entrata anche in una scuola pubblica».

Ileana Guercio ha parlato delle sue controverse dichiarazioni da parte degli insegnanti

Come accade in questo periodo dell’anno, l’inizio dell’anno scolastico è uno dei temi che dominano l’opinione pubblica. Dal prezzo del materiale scolastico all'entusiasmo dei genitori per il primo giorno di scuola dei loro figli, questo tema è diventato una presenza sulle tavole delle famiglie, sul posto di lavoro e persino negli spettacoli televisivi.

In questo scenario, il CTERA ha annunciato per lunedì prossimo uno sciopero nazionale degli insegnanti, mettendo a repentaglio l’inizio delle scuole, e diventando oggetto di un grande dibattito, come accaduto a Simile al Barbarossa (Telefono) Corso che ordinate Georgina Barbarossa. Con gli esperti educativi invitati, i partecipanti e il conduttore hanno iniziato a presentare il loro punto di vista sull'azione sindacale, che durerà 24 ore, respingendo l'abolizione del FONID e la riduzione delle infrastrutture scolastiche e delle mense.

Mentre un nostro specialista approfondiva l'argomento attraverso una call virtuale, Eliana Guercio Quello che era a terra la interruppe per esprimere la sua opinione:Quando vedi che il tuo insegnante, che dovrebbe amarti e aiutarti a crescere ed istruirti, dice “No, guarda, la verità è che non ti insegnerò perché ho una materia”.…Quello che non capisco è questo Gli insegnanti sono stati sottopagati per tutta la vita, quindi perché dovrebbero scegliere di diventare insegnanti se sapessero che sarebbero sottopagati?“Disse indignato il modello. Uno dei suoi compagni di squadra, Leone Pecoraro È uscito all’incrocio delle sue parole: “Beh, è ​​un invito”. Ma moglie Chiquito Romero Continuò le sue parole. “Quando ho detto che era una professione non mi hanno detto di più, che ormai ero una professionista, non era più una professione. E allora Scegli qualcos'altro perché fin da quando ero giovane gli insegnanti erano sottopagati.“.

Ileana Guercio ha parlato dello sciopero degli insegnanti

Le sue parole hanno suscitato scalpore nelle reti e il suo nome è diventato una tendenza quando è stata interrogata per aver parlato da un luogo di privilegio. Dopo un po', la modella parlò Essi Ha fornito maggiori dettagli sulla sua opinione. “Non sono d’accordo con gli scioperi, mi sembra che non siano la soluzione. Se vogliamo che gli insegnanti siano pagati quanto meritano, dobbiamo contribuire alla loro formazione., Ha espresso. “Un insegnante è come un medico, non può essere tutto per amore dell’insegnamento”, ha aggiunto Ileana. Ha concluso dicendo questo “Salute, istruzione e sicurezza dovrebbero essere i migliori pagamenti“.

READ  Le crociere si preparano a tornare in Spagna dopo la fine del veto del governo

Al cellulare con Alejandro Castillo, il relatore ha poi osservato che “Sono i bambini a basso reddito che rimangono senza scuola quando c'è disoccupazione, perché le famiglie con soldi li mandano alla scuola privata.Poi ha risposto ad alcune accuse mosse contro di lui in rete, dove alcuni interpretavano che si riferisse alle maestre come a svolgere il ruolo di tate: “Non dico che siano babysitter, dico che state inseguendo la caccia”. , Sono bambini che non hanno la possibilità di frequentare una scuola privata dove mancano gli insegnanti perché non aderiscono allo sciopero.Lui ha spiegato.

“Capisci perché mi sono fermato?” si è chiesto lo storico americano del ciclo. Ha aggiunto: “La questione è comprensibile e sono loro che dovrebbero farlo almeno, insieme ai medici, alle forze di sicurezza e ai pensionati”. Sono il fondamento su cui costruire tutto, dove dovrebbero andare i soldi“, ha confermato la moglie del portiere del Boca.

Infine, Guercio ha sottolineato le critiche ricevute questa settimana per le sue opinioni. “Non do la palla alle reti, ce ne sono troppe Non mi piacePersone che non ascoltano, che non capiscono. “Tu, da dove sei…” dicono. Anch'io andavo alla scuola pubblica e mi sedevo per terra perché non c'erano sedie…Chiudete la bocca, perché non conoscete la vita che ha vissuto ognuno di loro. Ho compassione per i bambini. Anche con gli insegnanti, ma soprattutto con i bambini.