Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il vaccino Pfizer / Bioentech è meno efficace contro la variante sudafricana

La variante sudafricana del virus corona è più in grado di “superare” le difese del vaccino Pfizer / Bioentech rispetto ad altre forme di virus, hanno detto i ricercatori israeliani in uno studio domenica.

• leggi di più: La vaccinazione sta andando bene a Montreal

• leggi di più: Trattamento intensivo ai margini del trabocco nel sudier-appalachian

• leggi di più: Sequenza di mostri per la vaccinazione a Trois-Rivers

Lo studio, condotto dall’Università di Tel Aviv e da Glitz, il principale fondo di assicurazione sanitaria del paese, ha confrontato 400 persone che hanno contratto COVID-19 con individui parzialmente o completamente vaccinati.

Il governo ebraico sta vaccinando la sua gente contro il duo tedesco-americano.

Secondo lo studio, diffuso sabato ma non ancora esaminato, meno dell’1% degli inquinanti in Israele è dovuto alla variante sudafricana.

Ma delle 150 persone che hanno ricevuto due dosi richieste del vaccino, “il tasso di prevalenza della variante sudafricana è otto volte superiore a quella di quelle non diagnosticate”, afferma lo studio.

“Ciò significa che il vaccino Pfizer / Biotech, sebbene molto sicuro, non fornisce lo stesso livello di protezione contro la variante sudafricana del virus corona”, osserva lo studio contro altre forme del virus.

“La variante sudafricana può, in una certa misura, superare la sicurezza del vaccino”, ha detto Adi Stern, professore presso l’Università di Tel Aviv e coautore dello studio.

Ma ha detto che la variante sudafricana era “il numero più basso di persone colpite dall’epidemia” – otto – che era “statisticamente molto basso”.

Due studi pubblicati a febbraio sul New England Journal of Medicine da Pfizer / Bioendech e Moderna Laboratories hanno mostrato che le persone infettate con la variante sudafricana avevano anticorpi inferiori dopo la vaccinazione, indicando una minore sicurezza.

READ  ? Avvertono sui ritardi nel rientro degli italiani all'estero

Lo studio israeliano ha prima valutato il potenziale della variante sudafricana di evitare il vaccino.

Secondo Ron Poliser, il principale inventore di Glitlin e uno degli autori dello studio, questi risultati potrebbero aiutare gli stati a capire come facilitare i controlli.

La combinazione di vaccini, maschere e altre attività “previene la diffusione di varianti del virus, anche in Sud Africa”, ha detto all’AFP, anche se quest’ultimo ha il potenziale per prevenire il vaccino Pfizer / Bioentech.

Israele, che ha registrato 835.900 pazienti, di cui 6.296 decessi, ha visto un calo delle epidemie nel corso delle settimane, soprattutto grazie a una vasta campagna di vaccinazioni lanciata il 19 dicembre.

Più della metà (53%) dei 9,2 milioni di popolazione ha ricevuto entrambe le dosi del vaccino. Uno studio su 1,2 milioni di persone in Israele ha scoperto che era efficace al 94%.