Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il PMI dell’Eurozona cresce per la prima volta da maggio 2023, trainato da Spagna e Italia

Il PMI dell’Eurozona cresce per la prima volta da maggio 2023, trainato da Spagna e Italia

Madrid, 4 (Europa Press)

Lo scorso marzo, l’attività del settore privato nella zona euro è tornata in territorio espansivo per la prima volta da maggio 2023, grazie a una spinta nelle economie di Spagna e Italia e a sviluppi meno negativi in ​​Francia e Germania. Pubblicato da S&P Global.

In questo modo, l'indice PMI composito dell'Eurozona ha raggiunto i 50,3 punti dai 49,2 di marzo, superando la barriera dei 50 punti per la prima volta dal maggio dello scorso anno.

Questo miglioramento nel terzo mese del 2024 riflette un’accelerazione dell’attività nel settore dei servizi con 51,5 punti, la migliore lettura in nove mesi, rispetto a 50,2 di febbraio, mentre il PMI manifatturiero ha registrato la sua lettura peggiore in tre mesi. con 46,1 punti, rispetto ai 46,5 punti del mese precedente.

La rinnovata crescita dell'attività commerciale nel mese di marzo ha contribuito a stabilizzare la domanda e i continui sforzi per recuperare il ritardo, come mostrano i dati di base, hanno osservato gli autori dello studio.

Allo stesso modo, in un contesto di continua ripresa della fiducia delle imprese, la zona euro ha registrato il terzo aumento mensile consecutivo dell’occupazione netta mentre le aspettative sull’attività hanno raggiunto a marzo il livello più ottimistico da febbraio 2022.

D’altro canto, nonostante l’attenuazione delle pressioni inflazionistiche, gli aumenti sia dei costi dei fattori produttivi che delle tariffe sono stati superiori alle rispettive medie pre-pandemia.

D'altro canto, vale la pena sottolineare la differenza nei risultati dell'indagine tra i paesi dell'Eurozona, perché sebbene l'Eurozona nel suo insieme sia tornata a crescere, questo aumento è stato trainato da Spagna e Italia. L'espansione dell'economia irlandese, la più contenuta tra quelle analizzate, ha più che “compensato” le contrazioni di Germania e Francia.

READ  Il culto fascista non sarebbe un crimine in Italia senza il rischio di un ritorno al fascismo