Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il fondo di salvataggio europeo propone un piano per far fronte ai costi della guerra in Ucraina

Il meccanismo europeo di stabilità (MES), l’organismo che salva i paesi della zona euro, ha proposto giovedì la creazione di un nuovo fondo che fornirebbe liquidità ai paesi in caso di shock esterni, come la guerra in Ucraina, la crisi climatica o il Pandemia di Covid-19, poiché le economie hanno subito cali del PIL storico.

In un momento di alti livelli di debito pubblico in cui i paesi hanno fatto affidamento sugli stimoli economici negli ultimi dieci anni, shock Che ci possa in futuro continuare a mettere alle corde i paesi che devono affrontare un aumento della spesa per mitigare, ad esempio, le conseguenze dei cambiamenti climatici.

L’ESM ritiene che in futuro potrebbe esserci un aumento dei problemi nelle economie. “La guerra in Ucraina e il cambiamento climatico possono influenzarla direttamente o indirettamente”, afferma il documento di proposta. Con l’intensificarsi delle conseguenze della crisi climatica, con episodi di incendi, inondazioni o eventi estremi – come è accaduto ad esempio con la tempesta Philomena – gli effetti si fanno sentire anche nelle economie dei paesi.

Leggi anche

Dato che, e nel mezzo della controversia sulle regole fiscali (mantenere i disavanzi al di sotto del 3% e limitare il debito pubblico al 60%), che è stato sospeso per due anni a causa della pandemia, MEDE ritiene che sia giunto il momento di discutere la creazione di un nuovo scenario . Questo può fornire prestiti ai paesi e può essere integrato con altri strumenti per aiutare le economie. Tuttavia, è solo un’idea che potrebbe alimentare il dibattito e senza garanzie che uscirà in futuro.

READ  Cosa si aspettano i mercati per venerdì 6 agosto? - Finanza

Il nuovo piano di liquidità avrà risorse per circa il 2% del PIL dell’eurozona (circa 250.000 milioni di euro, con riferimento al 2019) e fornirà prestiti equivalenti fino al 4% del PIL del Paese richiedente, che potranno essere rimborsati dopo dieci anni. Sì, per accedervi ci saranno condizioni rigorose: nessun Paese che lo richieda potrà essere soggetto ad alcuna misura di deficit eccessivo e non soggetto ad alcun programma di salvataggio.


Leggi anche

Ester Herrera

La Spagna, al momento, farà fatica a raggiungere, in quanto si colloca come il quarto Paese con il debito pubblico più alto e tra quelli con il più grande divario di bilancio a fine 2021, con il 6,9%. Tuttavia, la procedura di incapacità eccessiva è attualmente paralizzata dalla fissazione della clausola di salvaguardia, attualmente in discussione.

Il fondo promette di poter fornire prestiti rapidamente, come ha fatto in passato. Con una capacità così importante di fornire assistenza, l’organizzazione non ritiene necessario che il resto dei governi contribuisca. Un modo per convincere, ad esempio, chi è restio a pagare il resto (come i Paesi Bassi, che è stato uno dei paesi più contrari al fondo di ripresa post-pandemia).


Leggi anche

James Macdeu

-FOTODELDÍA- MADRID, 29 aprile 2022. - Il Ministro delle Finanze e della Pubblica Amministrazione, Maria Jesus Montero (D), e il Primo Vice Presidente e Ministro dell'Economia, Nadia Calvino, durante la presentazione dello scenario macroeconomico 2022-2025, venerdì al Ministero dell'Economia di Madrid.  EFE / Juan Carlos Hidalgo

Non è la prima volta che viene introdotto un meccanismo di aiuto per fornire liquidità. Nel bel mezzo di una pandemia, nel discutere cosa fare di fronte alla crisi economica che i ventisettenne hanno vissuto a causa del coronavirus, si è discusso sul fatto che sarebbe stato il meccanismo europeo di stabilità a far risparmiare denaro.

READ  River, attento a Jorge Carrascal: le squadre che lo seguono da vicino

Ma lo stigma che il fondo di salvataggio, simbolo della crisi finanziaria, stesse aiutando i paesi per motivi estranei alla cattiva gestione del governo, ha fatto sì che l’idea fosse scartata. Il rifiuto dell’Italia è stato particolarmente evidenziato, poiché c’era un vero dibattito al riguardo. Ora, con questa proposta, si cerca di dare un nuovo slancio e un ruolo maggiore all’organismo.


Leggi anche

agenzie

Orizzontale

Non è l’unica idea che sta complottando per affrontare le conseguenze della guerra in Ucraina. Il primo ministro italiano ha scommesso questa settimana davanti al Parlamento europeo un ampliamento del fondo europeo per la disoccupazione per combattere la pandemia (chiamato SURE) per aiutare i paesi a mitigare l’aumento dei prezzi dell’energia, grazie all’emissione del debito europeo congiunto. A più lungo termine, ha anche proposto l’idea di creare un sistema simile a quello di un piano di ripresa, con un sistema di sussidi e prestiti secondo obiettivi per contrastare la spesa per la difesa o la transizione energetica.

Da parte sua, la proposta dell’ESM si presenta come la corsa per sostituire Klaus Regling, che è stato al timone dell’istituzione sin dalla sua nascita 10 anni fa e il cui mandato scadrà il prossimo ottobre, è già iniziata. Il capo dell’Eurogruppo, Paschal Donahue, ha riferito all’inizio di questa settimana che ci sono quattro candidati: l’italiano Marco Petti e l’italiano Marco Petti. lussemburghese Pierre Graminha; Mino Snell dall’Olanda. e Joao Liao dal Portogallo. Tra loro ci sarà il successore, che sarà scelto a giugno.