Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il fattore sorprendente che scoraggia i magri depositi in dollari

Il fattore sorprendente che scoraggia i magri depositi in dollari

C’è un vecchio detto che dice “non c’è male che non venga per sempre”. È, infatti, un tentativo di inviare un messaggio ottimista in situazioni che in linea di principio non sono così buone. Si può dire che vale per spiegare cosa è successo nelle ultime settimane con Depositi speciali in dollari immagazzinati nelle banche locali.

È dopo un mese e mezzo di gocciolamento (un periodo in cui rimangono circa $ 1,2 miliardi o circa il 7,2% dello stock totale di collocamento), Lo scambio si è notevolmente moderato finora a maggio, Tanto che le statistiche ufficiali hanno registrato un calo di soli $ 32 milioni per i primi 13 giorni lavorativi del mese, il che è irrisorio rispetto ai $ 123 milioni rimasti, diciamo, solo il 26 aprile.

Inaspettatamente, anche le banche ammettono che parte della lentezza mostrata dai prelievi (quando le condizioni economiche che li rinvigoriscono non sono cambiate in pratica) è legata ai vincoli del mondo reale che devono affrontare: L’insufficiente disponibilità di banconote “faccia grossa” e la riluttanza mostrata dai depositanti ad accettare obbligazioni “faccia piccola” (emesse prima del 1996) a causa della differenza di prezzo negativa imposta dal mercato interno – illegale e parallelo – alla sua commercializzazione. .

Dal collasso a una maggiore calma

Tutto questo nonostante la stessa Fed si sia, del tutto inaspettatamente, interessata a chiarire ormai da mesi, e anche a confermare qualche giorno fa, che sia la banconota “faccia grande” che quella “faccia piccola” hanno “corso legale” e, quindi, lo stesso. , dovrebbero ricevere lo stesso valore di scambio.

La Federal Reserve lo capisce Alcuni paesi possono avere tassi di cambio o politiche di accettazione diverse per le valute estere, ma sono i mercati, non il governo degli Stati Uniti, che controllano questi tassi”. Tutte le banconote da un dollaro stampate dal 1914 ad oggi hanno corso legale e che le successive modifiche ai modelli riguardano solo la necessità di rendere più difficile l’imitazione.

READ  I volti di decine di bambini presi in ostaggio da Hamas e trattenuti a Gaza

La psicosi naturale generata a questo proposito ha un effetto marcato sul comportamento I depositanti che, alla cassa, si aspettano di ritirare le banconote più recenti spesso scoprono che ciò non è possibile (almeno a quel tempo) o che si rassegnassero ad accettare almeno una parte di quanto prelevato nelle “piccole” cambiali.

Questo fa sì che molti clienti rinuncino o effettuino prelievi parziali. E accettano di trascorrere un altro giorno per vedere se trovano le cambiali che cercano», ha spiegato qualche giorno fa a questo storico un cassiere di una primaria banca privata.

“Quando sono andato alla mia banca, mi è venuto in mente: mi hanno spiegato che avevano solo delle ‘teste grosse’ per il deposito effettuato su di loro, ma il resto del prelievo doveva essere fatto con una banconota dalla ‘faccia piccola’ A parte questo, ho dovuto parlare con l’amministratore dell’account in modo che potesse dirmi una data e una filiale dove avrei potuto ritirare i miei dollari “faccia grossa”, ma non mi piaceva l’idea di andare in giro a notificando così tante di queste mosse – per ovvie ragioni – che ho tirato fuori qualcosa quel giorno, un po’ un altro giorno e ho lasciato una parte di quello che pensavo Nel tenerne conto”, ha affermato un altro depositante che è stato costretto a farlo Prelievi a “rate” per quelle circostanze.

Il filo conduttore tra i depositanti che optano Effettua prelievi per ottenere la massima tranquillità Date le poche riserve mostrate dalla Banca Centrale (BCRA), e il timore che – a volte – si faccia ricorso a riserve obbligatorie per poter continuare ad intervenire sul mercato ufficiale nel tentativo di evitare o continuare a rinviare la divulgazione di lo scambio, non incontra problemi o potenziali sconti quando cerca di beneficiare dei biglietti.

READ  Le forze terrestri russe ricevono un nuovo lotto di moderni veicoli da combattimento di fanteria BMP-2

“Non ha niente a che fare con l’uscire da qui e correre in giro per cambiarlo con un alberello e non voler ottenere $ 470 per qualcosa che nella maggior parte dei casi costa $ 492, ma con l’idea di non sentirsi male”, hanno spiegato presso un’altra importante banca privata, riferendosi a Rimuove circa il 5% del mezzo applicato.

Dollaro “faccina”. La stessa Fed chiarisce che vale quanto il resto, ma qui è punitoImmagini SOPA – LightRocket

nelle banche private rami Le aziende più importanti del Paese hanno spiegato che i problemi che si sarebbero potuti creare per far fronte a queste richieste nell’ultimo mese e mezzo con i biglietti erano dovuti a diversi fattori. Spiegano per caso che sebbene si aspettassero che all’inizio dell’anno elettorale, come di solito accade, avrebbero dovuto affrontare un’ondata di ritiri, Non si aspettavano che ciò continuasse con i progressi che si sono verificati. “Proviene da un mese molto tranquillo dopo la partenza di oltre 1.000 milioni di dollari tra la fine di luglio e agosto dello scorso anno in termini di cambiamenti. [de ministros] in economia. Questo probabilmente ha reso l’importazione di banconote un po’ obsoleta”, ha affermato il tesoriere dell’ente, il quale ha spiegato che fare questo tipo di processo richiede poco più di 15 giorni e comporta un costo dell’1,5% che si cerca di ridurre. Importazione di grandi quantità.

Inoltre, hanno spiegato che negli ultimi mesi i clienti hanno depositato denaro sui loro conti in valuta estera (Il sistema ha generato un utile netto di oltre 1,9 miliardi di dollari tra settembre e fine marzo) Lo hanno fatto molte volte con dollari “faccina”. “Colgono l’occasione per sbarazzarsi di quelle bollette, ma quando fai il check-out sono più flessibili quando ti chiedono le ultime fatture”, spiegano.

READ  Stanno allentando le misure contro il coronavirus ed eliminando il distanziamento sociale obbligatorio - Società

Questo è molto comprensibile, soprattutto se si analizza la composizione dei depositi in dollari che le banche locali tengono in gestione, che mostra un mondo di clienti molto frammentato. Con dati a marzo, secondo un recente rapporto di Consultora 1816, Sebbene ci siano più di 14 milioni di conti in valuta estera registrati nel sistema finanziario locale, solo mezzo milione di essi ha saldi superiori a 3.000 USD.

Allo stesso tempo, Il 65% dell’inventario totale, situato a $ 15,3 miliardi alla fine del mese, è detenuto da privati ​​(poco più di $ 10 miliardi) e il restante 35% (poco più di $ 5 miliardi) è costituito da depositi aziendali. Ci sono solo circa 690 account di persone con un patrimonio superiore a $ 1 milione.

Ulteriori informazioni su The Trust Project