Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il buco nero divora la stella morta – Prensa Libre

Nel gennaio dello scorso anno, gli astronomi hanno finalmente notato, per la prima volta, un buco nero che inghiotte una stella morta.

Poi, 10 giorni dopo, videro la stessa cosa in un settore diverso e lontano dell’universo.

Queste vittorie, riportate in un articolo di giugno su Astrophysical Journal Letters, sono le ultime nel campo ancora nascente dell’astronomia gravitazionale, che sta esplorando l’espansione letterale e la distruzione dello spaziotempo causata da eventi catastrofici nell’universo.

“Questa è la prima volta che siamo stati in grado di rilevare una collisione tra una stella di neutroni e un buco nero in qualsiasi parte dell’universo”, ha affermato Patrick Brady, professore all’Università del Wisconsin, Milwaukee, e portavoce di LIGO Scientific Collaborazione. .

La scoperta aiuta ad ampliare le conoscenze sui sistemi stellari binari che popolano l’universo, sollevando interrogativi sul motivo per cui gli astronomi non hanno visto una coppia del genere nella nostra Via Lattea.

Per più di 20 anni, LIGO – l’Osservatorio sull’onda gravitazionale dell’interferometro laser – ha cercato questi segnali, una previsione della teoria della relatività generale di Einstein. Per anni, i laser dell’osservatorio, uno nello stato di Washington e uno in Louisiana, non hanno rilevato nulla.

Quindi, nel settembre 2015, entrambi i siti hanno esaminato gli anelli delle onde gravitazionali. Queste onde sono causate dalla collisione di due buchi neri di dimensioni stellari, buchi nel tessuto dello spazio-tempo creati quando le stelle più massicce sono esplose come supernovae alla fine della loro vita. I due buchi neri ruotarono l’uno intorno all’altro fino a fondersi in uno.

Due anni dopo, LIGO ha scoperto la collisione di due stelle di neutroni, i resti di stelle esaurite più grandi della massa del Sole, ma non abbastanza grandi da collassare in buchi neri. Collisioni come queste creano la maggior parte dell’oro e dell’argento nell’universo.

READ  La tecnologia consente infinite applicazioni nel campo della salute e del benessere

Con l’aiuto di VIRGO, un osservatorio europeo di onde gravitazionali simile ma più piccolo situato in Italia, gli astronomi sono stati in grado di determinare in quale parte del cielo è avvenuta l’esplosione e una serie di telescopi sono stati in grado di rilevare particelle di luce, anche onde radio . Raggi X emessi da quella palla di fuoco.

Nuove osservazioni di onde gravitazionali provano finalmente l’esistenza di queste coppie, seppur lontane dalla Via Lattea. Il primo rilevamento di una stella di neutroni che si fonde con un buco nero è avvenuto il 5 gennaio 2020 presso la struttura della Louisiana. Il secondo è avvenuto il 15 gennaio dello stesso anno ed è stato scoperto dai tre dispositivi. Man mano che si osservano più di queste collisioni, emergeranno modelli e aumenteranno le possibilità di discernere maggiori dettagli.

“Speriamo davvero che ciò accada in futuro”, ha affermato Zsuzsanna A.Marka, una scienziata della Columbia University che lavora presso LIGO. Un incredibile laboratorio cosmico aggiungerà qualcosa al funzionamento interno di una stella di neutroni?

Una domanda importante, ha detto Brady, è perché coppie di neutroni e buchi neri non sono stati trovati all’interno della Via Lattea. “Questa è una domanda un po’ aperta ora”, ha detto.