Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I cantanti lirici vengono sulla loro isola per ottenere l’elisir d’amore

I cantanti lirici vengono sulla loro isola per ottenere l’elisir d’amore

Il miglior elisir per i cantanti portoricani, Il soprano Anais Mejías, il tenore Ángel Vargas, il basso Ricardo Lugo, il soprano Elizabeth Rodriguez e il baritono César Méndez Hanno potuto tornare in patria e incontrarsi nuovamente come colleghi e amici e condividere lo stesso palco con un’opera a tema commedia romantica.

Si tratta di “L’Elisir d’Amore”, celebre opera di Gaetano Donizetti, che sarà presentata dall’Ópera de Puerto Rico, che riunisce questi talenti di successo, in una partitura d’opera in cui l’intero cast è per la prima volta laureato Conservatorio di musica di Porto Rico.

“Per me è qualcosa che abbraccia generazioni, perché sono il primo a diplomarmi al conservatorio e il primo a iniziare a lavorare all’estero. Hanno tutti lavori incredibili. Sento che quando ho iniziato al conservatorio, ho visto il futuro generazione, A quel tempo, quelli che ammiravo di più erano Pablo Elvira, Justino Díaz, Antonio Parasurda e altri portoricani che non erano più con noi. Pensavo al giorno in cui avrei potuto condividere la tappa con loro, anche se li abbiamo sempre condivisi durante tutta la gara. È una sensazione molto bella, ed è un onore non solo per il conservatorio, ma un onore per tutto quello che abbiamo fatto. Il nuovo giorno.

Mentre esprimono la loro consapevolezza del miglioramento continuo, ricevono ogni opportunità per presentarsi come ringraziamento per la loro capacità di dedicarsi a ciò che li appassiona. In questa occasione sono tante le emozioni che emergono.

“Sono emozionato perché era da un po’ che non venivo a Porto Rico. Dopo la pandemia, non venivamo da tre anni, quindi questa era l’occasione per cantare a casa e cantare con gli amici, per essere di fronte a la mia famiglia e il pubblico qui che ci ama così tanto e ci vede da così tanti anni.Da parte sua, Cesar, che vive in Russia, ha detto:

In un unico post, da tenersi Ciò avverrà sabato prossimo, 18 novembre, a partire dalle ore 20:00 presso il Salone delle Feste Antonio Paoli Louis A. Centro Fairey Belle Artisi esibirà davanti a un pubblico che ha anche assistito alla sua crescita e al suo sviluppo, secondo Elizabeth.

“C’è stato un processo di rispetto con i miei colleghi e, allo stesso tempo, di ringraziamento per aver camminato davanti a me e per aver costruito”. Ha notato che è una cosa molto bella e anche l’energia è molto ricca.

READ  Quanta ricchezza ha accumulato il traduttore di "Chivirika"? - Metropolitana dell'Ecuador

Adatto a tutta la famiglia

Il cast sarà accompagnato da un coro di 28 voci composto da Jo Ann Herrero, il tutto sotto la regia di Gilberto Valenzuela, autore anche della scenografia. oltre al Orchestra Sinfonica di Porto Rico Sarai l’insegnante Roslyn Babbuino Sulla piattaforma.

Essendo una commedia romantica, con una trama che non passa mai di moda e una musica piena di bellissime melodie che piacciono a tutto il pubblico – tra cui la famosa aria “Una furtiva lágrima” – si dice che attraverso quest’opera si sia consolidata come una delle preferite da tutto il pubblico fin dalla sua prima rappresentazione.Nel 1832 al Teatro Lirico di Milano, in Italia, il pubblico potrà comunicarla o riconoscerla.

“È un’opera perfetta per i bambini, per dire ‘Questa è stata la mia prima opera’, perché in questo spettacolo includiamo alcuni colori della nostra identità portoricana, che faranno sentire il pubblico identificato con essa, e spezzeranno un po’ quel blocco”. . Che a volte c’è, e questa è musica dall’Europa, ma si farà sentire.” Agnes, che interpreta “Adina”, ha annunciato uno dei ruoli principali.

“L’Elisir d’Amore” parla di un ingenuo contadino che, perdutamente innamorato di un ricco proprietario terriero, soccombe alle promesse di un ciarlatano che vende vino rosso e lo presenta come un miracoloso elisir per risvegliare l’amore. Il ruolo di quel contadino chiamato “Nemorino” sarà interpretato da Angel Vargas, con la sua voce potente, che ha partecipato ai concorsi del Metropolitan Opera, e che sta preparando questo ruolo da tempo con i migliori insegnanti d’Italia.

“Quando ho iniziato a studiare il ruolo di Nemorino, ho detto ‘Cavolo, questo ragazzo è sempre sul palco, canta, canta e canta’, e l’ho visto con poco rispetto. Quindi vedo quando posso cantare molto e quando dovrei riposarmi, perché devo prendermi cura di me stessa perché sarà una lunga notte. “Nel processo di prova e di lavoro insieme, abbiamo una chimica naturale così divertente, che abbiamo la sensazione che tutto passi così velocemente… Insieme abbiamo creato un’energia molto bella”, ha detto Angel.

Sfide, per favore

Per Agnes, che vive in Italia da 11 anni, questo lavoro è una sfida, perché le opere su cui ha lavorato tendono ad essere più drammatiche e la commedia non è così facile come si potrebbe pensare.

READ  L'Italia onora Raffaella Cara, la sua eterna diva

“A Porto Rico, in particolare, ho sempre fatto opere un po’ più drammatiche. E delle tre opere che ha fatto sull’isola, è morto in due. Il dramma mi viene naturale, invece di essere una persona felice e ritrovare la leggerezza, la giovinezza e il sole.”. Posso essere molto solare come persona, ma quando sono sul palco mi viene naturale il contrario. La commedia non è facile”, ha sottolineato l’attrice di “Adina”, che è tornata dopo questo spettacolo per presentare un’operetta, nel suo primo ruolo da protagonista in Europa.

Questa sarà la sua prima volta sull’isola per cantare il ruolo del “bel canto”, che lui stesso classifica come il più difficile perché deve essere “sempre bello”. “Non può esserci un momento in cui a volte le tue emozioni vanno all’estremo opposto, cosa che a volte faccio perché è la mia natura, ma in un mondo ideale, dovrebbe essere la cosa più pulita e angelica che puoi immaginare”, ha detto. Soprano

Allo stesso modo, Elisabetta afferma che una sfida speciale è comunicare con il partner, in modo che questa commedia costante venga mantenuta. “Il fatto che possiamo scambiarci questi sguardi, perché è chiaro che negli sguardi puoi vedere tutto il pensiero. Dobbiamo avere quella connessione sul palco”. Questa soprano e professoressa di conservatorio, che eseguiva più la zarzuela che l’opera, aggiunse che i personaggi comici le erano più comodi.

Cosa hanno detto adesso?

“Il periodo del cantante è sempre un periodo in continua evoluzione. Non dovresti mai dimostrare, almeno nella tua mente, che sei già arrivato da qualche parte, che sei a tuo agio, e basta, e che rimarrai lì.” . In questa corsa, ogni passo e ogni giorno è una sfida.” È vero. Sei fortunato se hai tutti gli strumenti per risolverla e andare verso la sfida successiva. Credo che una carriera si misuri da ciò che provi quando lo fai, se ti senti felice, il processo in cui canti, con chi e come, ma in generale, se fai quello che hai studiato “promuovi ciò che hai imparato, nessun problema. Anche se sono a un matrimonio, qui, ad un concerto, o là, mi sento sempre orgoglioso e grato per ciò che viene realizzato” – Ricardo Lugo, basso

READ  Questa è stata la presentazione di Nikki Nicole al The Jimmy Fallon Show

“Poter dedicarci alle nostre passioni è una cosa molto bella. Per quanto riguarda la gratitudine, dobbiamo esserne consapevoli. Poiché il processo di corsa è così complesso, ogni opportunità che abbiamo è semplicemente quella di avere delle piccole persone che ci ascoltano, fare rumore, sentirsi grato e continuare a crescere.” – Elizabeth Rodriguez, soprano

“Sei bravo quanto la tua ultima presentazione. Bisogna essere molto grati, ma c’è una grande responsabilità verso la musica, verso il pubblico e verso se stessi, quando ci si esibisce. Sfortunatamente, il pubblico può essere così crudele, che se fai qualcosa di piccolo: “Per esempio, se lo fai nel tuo Paese, rimarrà per le generazioni future. Sento una grande responsabilità quando vengo qui più che altrove”. Anaïs Mejías, soprano

“Ricardo mi ha detto: Angel, devi fare rumore. Devi fare rumore ovunque, ma è rumore.” Penso che quelle parole mi abbiano motivato a dire che se questo è ciò che voglio fare, ciò che mi appassiona e ciò che mi rende felice, allora andrò avanti. Essere a casa adesso, dopo diversi anni in Italia, mi ha ricaricato le batterie per andare avanti. Qualunque cosa accada, qualunque cosa accada, facciamo un po’ di rumore.” Angelo Vargas, tenore

“Lavoro stabilmente al Teatro Mariinsky in Russia. Lavorerò per un anno e mezzo e sto per iniziare la mia seconda stagione. Mi sento come se fossi in un buon momento adesso, e “in realtà sono arrivato a un punto in cui posso fare molte cose e mi sento più a mio agio con la voce, tecnicamente parlando, non vedo l’ora di fare più cose in futuro. Dato che lavoro lì permanentemente, posso costantemente fare rumore, e presto diventerò padre. Sono in una fase in cui tutto viene messo in prospettiva. Continuare con la tua carriera è molto importante e con maggiore incoraggiamento andare avanti con la tua famiglia. César Mendes, baritono