Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Hernan Casciari declassa i suoi libri tanto che smettono di insultarlo su Twitter: “Non credo che si debba darlo a chi non legge opere impossibili da comprendere”

Hernan Casciari declassa i suoi libri tanto che smettono di insultarlo su Twitter: “Non credo che si debba darlo a chi non legge opere impossibili da comprendere”

Hernan Casciari è nato a Mercedes, dove ha intenzione di aprire una nuova università nel 2026. (RS Foto)

“Non credo nella letteratura.”Egli ha detto Hernan Casciari. Pedro Rosemblattche conduce il corso Tre stelle Dal canale fluire Noi siamo Gelatina, devi avere quella sensazione che provi quando incontri, con bravura e fortuna, i testi potenti che emergono nelle interviste, come un immaginario evidenziatore che sottolinea fosforescentemente le parole appena ascoltate. Rosemblatt Guardò la sua produzione e disse: “Questo è il titolo, gente”.

Ed esso era. Intervista al coautore, all’editore, al negozio e, soprattutto, alla community della rivista Orsay Sul canale YouTube ufficiale di Somos Gelatina si dice così: “Hernan Casciari: “Non credo nella letteratura”. Dura quaranta minuti e 48 ore dopo la sua pubblicazione ha ricevuto circa 23.000 visualizzazioni.

Oltre ai 40 minuti interi dell’intervista, un clip di un minuto e quattro secondi tratto dall’intervista ampiamente diffusa che gli è valsa… Insulti, rifiuti, malumori -Trio Nelson Twitter- per autore Messi è un cane e altre storie.

Nella prima parte del verbale virale si legge: “Non credo nella letteratura, tanto meno nella lettura. La letteratura esiste fin dai tempi in cui non avevamo conti da tenere sotto controlloE non avevamo quattordici macchine… La letteratura era quella di un uomo che entrava alle sette del pomeriggio e aveva abbastanza tempo per sedersi sul divano con un libro di 550 pagine, di cui le prime venticinque erano una descrizione del carattere e del volto. Chi ha tempo? Perché di più? Era bello quando non c’era nient’altro, e basta, buonanotte.

quote class=”twitter-tweet”>

“Kashiari”:
Per i suoi commenti sulla letteratura pic.twitter.com/1sdHfppU4L

– Perché è una tendenza? (@perchétendencia) 7 dicembre 2023

E continua: “Non so cosa sia la letteratura e non mi interessa molto. Sono tante le persone che spingono i bambini a leggere. Mia figlia ha sei anni ed è chiaro che non leggerà, perché? Dite a un bambino di sette o otto anni che deve passare tre o quattro ore a guardare in basso con tutti i sensi concentrati su una cosa, che è un pezzo di carta con inchiostro sopra. Un uomo vuole spiegarvi qual è il volto di quel personaggio dice: “Oh… poverino, perché dovresti fare una cosa del genere al ragazzo?”

READ  Il controverso modello che ha preso di mira gli Stati Uniti è stato un fallimento

“Tutti i miei libri costano la metà finché continuano a prendermi in giro su Twitter. “Non lasciate che si blocchi!”, ha twittato lui stesso poco dopo mezzogiorno. Cassiari, con un acceso dibattito già in corso su quel social network. Poco prima, in un altro tweet, aveva condiviso il link dove si possono scaricare gratuitamente le versioni elettroniche ufficiali di quegli stessi libri.

“Sono al di sopra di tutto ciò che faccio, più di ciò che dico Quello che faccio è possedere una casa editrice, possedere una rivista e scrivere storie“, Lui dice Cassiari A Infobae LeggiamoInoltre: “Le persone sono molto pigre e vedono frammenti di conversazioni molto più lunghe, il che va bene”.

Fatto sta che nell’intervista in cui dice «Non credo alla letteratura», l’autore della Mercedes dice di sfuggita, come si dice alle grigliate o agli angoli delle strade o nei bar, altre tre cose che li portano subito più vicini al mondo dei libri – al quale appartengono. “Il film è più o meno così mille Chi lo ha inventato Borges“Quel momento in cui tutte le cose possono essere viste allo stesso tempo”, ha detto a Rosmblatt e al suo team presentando la presentazione bambiniil lungometraggio prodotto da Orsay, che debutterà questo giovedì, e che riflette soprattutto le esperienze e le reazioni dei tifosi argentini durante le sette partite giocate dalla Nazionale nel Mondiale vinto quasi un anno fa in Qatar .

quote class=”twitter-tweet”>

La letteratura dice che neanche lui crede a Kashari.

– Kurochi (@Kurochi) 7 dicembre 2023

Poco dopo, disse mentre parlava ancora dello stesso film “La strada di Messi è la strada dei campioni”Quel viaggio che ha inventato lui Omero Questa letteratura – e successivamente molte altre arti – è stata riprodotta e riprodotta e, inoltre, sarà riprodotta perché è una di quelle invenzioni per le quali non è possibile trovare alcun sostituto. E nella stessa intervista Cassiari “Solo questo”, dice Tutti abbiamo un piccolo scrittore dentro“.

– Allora, Hernan, credi nella letteratura o no?

READ  La compagna di Cristiano Ronaldo, Georgina Rodriguez, apparirà in un reality show

– Ho passato due anni a leggere a mezzanotte su Telefé. storie Borgesl Cechovl Garcia Marqueze rimuovere i relativi strumenti. Dire “non credo nella letteratura” significa questo Non penso che dovremmo dare opere impossibili da comprendere a chi non legge. Senza avere l’abitudine di leggere. Non penso che questa lotta sia necessaria nel 21° secolo, e non penso che dovrebbe essere data ai bambini nelle scuole Quelli di Barranco NO La casa di Bernarda Alba. Non penso che questa sia la cosa giusta da fare.

-E lavoro?

-Scendiamo da quei trampoli impossibili. Mettiamo le energie per far conoscere le storie alle persone. Questo è ciò che suggerisco da quando ho memoria. Gente che si scandalizza per uno spezzone di Twitter senza andare al contesto, all’intervista completa, a tutto il resto che chi parla non capisce o non vuole capire direttamente.

– Nella clip diventata virale, parli della tua figlia più piccola, che ha sei anni, e dei bambini di questa età, e dici che ci sono molte persone che spingono i bambini a leggere, e perché. Rinunciamo alla lettura per i bambini?

– Ho impedito a mia figlia maggiore, che ora ha 19 anni, di leggere quando aveva 5 o 6 anni. Ora studia letteratura a Londra. È successo a causa del divieto. “Non pensarci nemmeno”, dice al ragazzo, che è molto meglioÈ un trucco e funziona. Come costringerai il ragazzo a leggere? Ti scapperà per sempre, devi motivarlo in un altro modo.

-Come?

Ciò che funziona con i bambini è essere lì per loro, e non mi interessa più se il formato è un libro, un film o un videogioco. La cosa centrale è conoscere le storie, sapere che ci sono trame, seconde trame, terze trame, e riuscire a capire cosa sta succedendo in quella storia, e parlare di quello che vede il ragazzo accanto a te. Sono contrario a romanticizzare il libro come formato principale finché la storia non ti entra in testa.Penso che non dovremmo concentrarci su quella battaglia, ma su quel ragazzo a cui piace quella storia e le conversazioni che ruotano attorno a quella storia. Se ciò accade, riceverà un libro lui stesso.

– Come si sente il padre che ha proibito la lettura ad interessarsi alla lettura quando quella figlia ha deciso di studiare letteratura?

READ  Bezarab pose fine al mistero e annunciò l'artista che lo avrebbe accompagnato nella sua nuova sessione

Leggere e scrivere sono stati i miei più grandi piaceri da quando avevo nove anni. A questo aggiungiamo poi la conversazione con mia figlia sui libri. La più grande felicità del mondo è aver iniziato a parlare a tuo figlio di ciò che ti piace di più al mondo. Sono autodidatta, non ho mai finito il liceo, e Nina è al secondo anno di college e legge quasi esclusivamente in sassone. Può parlare Borges Vorrei guardarli di lato. Esiste in quel mondo, tra le altre cose, grazie a quei divieti.

“La borsa di Lionel”, la storia scritta da Casciari che ha fatto piangere Messi. (Mattia Tolssa – Rivista Orsay)

Al termine dell’intervista, durata circa quaranta minuti, Cassiari Rosmblatt risponde a quello che ha in testa o nel cuore o alla bocca dello stomaco in questo momento; Dove i progetti vitali iniziano a cucinare. “Noi – poiché Orsay è sempre stato, in linea di principio, Casciari e Ciri, il suo migliore amico e cofondatore di questo universo – abbiamo l’idea di creare l’Università d’Orsay nel 2026, è come l’ultimo punto del progetto Orsay : Aprire l’Università della Narrativa alla Mercedes“, dice lo scrittore.

Così dice l’editore che paga il 50 per cento delle vendite agli autori del suo marchio, mentre è normale che gli editori li paghino il 10. Così dice il padre dello studente di lettere che frequenta il corso Ingrandisci il libro, via YouTube: È una conversazione in cui Nina è soprattutto colei che guida Hernan attraverso un titolo che lo ha interessato. Lo dice anche lo scrittore che invita gli insegnanti di lingua e letteratura a fare volontariato nelle residenze universitarie del Paese per offrire le loro conoscenze agli studenti in cambio dei libri forniti da Orsay.

per me Mi sembra che Casciari non creda alla letteratura.