Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Guerra russo-ucraina: Vyacheslav, il soldato che riceve Dio prima di affrontare la morte

Guerra russo-ucraina: Vyacheslav, il soldato che riceve Dio prima di affrontare la morte

Leopoli: le dieci e mezza del mattino Quinta domenica di guerra. è un luminosa giornata di sole, ma il termometro è ancora spietato – 1 grado – e soffia il vento gelido. Non c’è Nessuno per le strade Strade acciottolate nel centro storico di Leopoli, città dove, Dopo il doppio attacco russo di ieriConsiderato Una lettera di Vladimir Putin a Joe Biden -Chi era in Polonia- Il tempo è cambiato improvvisamente: La paura ora regna. E tutti sanno che, anche qui, nell’Ucraina occidentale, nella capitale “spirituale” di questa ex repubblica sovietica nel cuore della scena internazionale, I missili russi possono piovere all’improvviso.

Nel Chiesa greco-cattolica militare di San Pietro e Paolouomo di 32 annis, stai attraversando uno dei momenti più importanti della tua vita. In una cerimonia solenne, quest’uomo che Ieri si è arruolato nell’esercito ucraino Giuro fedeltà al suo paese, Si ricevono due sacramenti contemporaneamente: battesimo e cresima.

Sono orfano, non so se sono stato battezzato quando sono natoma mi sono appena arruolato nell’esercito, sto per andare al fronte e volevo battezzarmi perché voglio essere nelle mani di Dio”, spiega a Nazione Vyacheslav, eruttato prima dell’invasione russa dell’Ucraina lo scorso 24 febbraio, Ha lavorato come operaio edile nella città di Mykolaivche si trova a circa 700 chilometri a sud-est di Leopoli ed è uno degli obiettivi delle forze russe, che da lì sperano di conquistare Odessa, il porto principale dell’Ucraina, sul Mar Nero.

“Quando hanno iniziato a bombardare, perché viviamo al settimo piano di uno degli edifici, il mio appartamento ha iniziato a tremare e il 7 marzo, poiché l’ufficio del registro di Mykolaiv non poteva farcela, abbiamo deciso di recarci a Leopoli con mia moglie e figlio., Alla fine ho svolto le pratiche burocratiche per la registrazione qui e ho giurato al paese”, spiega. Intanto, Mostra con il suo cellulare le immagini di un tipico edificio monoblocco sovietico, la sua casa, bruciata e distrutta dai bombardamenti russi. “Me l’ha mandato il mio vicino”, dice, “non è rimasto niente”.

READ  Meme per la festa del papà: le migliori foto per ridere con papà

I padrini del battesimo di Vyacheslav, l’unico eroe, sono due soldati. Tutti sono vestiti in uniforme, e tra le antiche preghiere bizantine, inizia un rito completamente diverso dal cattolicesimo.

Venceslao si toglie giacca e stivali militari e rimane a piedi nudi su una sedia di fronte all’altare, i piedi appoggiati su un piccolo tappeto quadrato.

Vyacheslav, il soldato che riceve Dio prima di affrontare la morteElisabetta Picco

Il cappellano militare asciuga l’olio benedetto con la mano prima sulla fronte di Winslow, in modo che la sua mente possa “capire e accettare i misteri della vita cristiana”; Poi sulla scatola “amare Dio con il cuore”. negli uomini «portare con gioia e amore la croce del Signore»; nelle orecchie «baciare e ascoltare la voce del Vangelo»; Nella mia mano, “Egli farà ciò che è giusto a Dio”. E sui due uomini «affinché cammini sulle orme di Cristo».

Poi il sacerdote fa lo stesso con l’acqua santa. Più tardi, avrebbe messo un tradizionale mantello ucraino fatto a mano sulle spalle di Vyacheslav. Spiegano che questo simboleggia il cambiamento della sua pelle, il suo passaggio dalla veste del peccato a un’altra veste libera dal peccato. Gli daranno anche una candela accesa, “la luce di Cristo che ora illumina la sua vita” e una copia della Bibbia.

Tra i fedeli presenti nella chiesa costruita dai Gesuiti nel XVII secolo, le cui pregevoli statue erano avvolte in stoffa e plastica per proteggerle in caso di bombardamenti, ci sono molti parrocchiani di Leopoli. Alcune vecchie velate di denti d’oro piangono. In prima fila c’è anche la moglie di Vyacheslav, Katharina, con il figlio Stanislav di 6 anni, sua sorella Olga, sua nipote Tatiana e altri due parenti. Tutti fuggirono da Mykolaiv e attraversarono Leopoli.

READ  È nata una nuova stella del nuoto

“Mio marito, che dallo scoppio della guerra, l’unica cosa che ha voluto è unirsi ai ranghi del nostro esercito per combattere il nemico e difendere la nostra terra, vuole che andiamo all’estero il prima possibile”, dice Catarina, 32 anni , con cappello di lana e giacca azzurra, lunghi capelli biondi e occhi arresi. “Non siamo mai stati in Europa, ma l’idea è di andare nei Paesi Bassi o in Austria. Quando saremo all’estero, mio ​​marito sarà molto più calmo quando si tratta di andare al fronte”, aggiunge, senza nascondere che cosa sta attraversando non è per niente facile ed è “molto irrequieta”. Prima dello scoppio della guerra, ha lavorato presso la base di riparazione degli aerei del Ministero della Difesa a Mykolaiv, anch’essa presa di mira dall’artiglieria russa.

Come vivi reclutando tuo marito? Katrina sospira. “Anche suo fratello, cognato, ha firmato ed è già al fronte. Lo è. Anche lui vuole andare al fronte e lo capisco. Chi ci difenderà dall’invasione russa, se no?”, Lui si chiede. “Dal primo giorno, Vyacheslav ha voluto arruolarsi per andare a difendere la sua patria. È nel suo cuore”.

Vyacheslav, che in realtà è nato in Crimea, strategica penisola ucraina annessa alla Russia nel 2014, da cui è poi emigrato a Mykolaiv, assicura, infatti, che sua moglie condivide la sua decisione. Cosa ha detto a suo figlio, che dopo la cerimonia gli ha messo un rosario al collo? “Non gli ho detto che sarei andato in guerra, ma avrei lavorato”Risponde con gli occhi umidi.

Come molti altri ucraini reclutati per combattere il nemico russo, Vyacheslav ammette di non aver mai sparato o combattutoMa non ha mai esitato a rispondere favorevolmente alla chiamata alle armi del presidente ucraino Volodymyr Zelensky.

READ  Google Pay: risparmia, paga e gestisci

Non hai paura della morte? “Dobbiamo morire tutti prima o poi, è il Signore che decide. E ora mi sento in pace perché sono nelle mani di Dio”, conferma questo nuovo soldato.

Cosa ne pensi di questa guerra? Le cose non finiranno finché Putin non prenderà il potere. Ma penso che vinceremo. Sono convinto”.