Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Google Home ti consente di simulare la presenza di qualcuno in casa, in modo che possa essere configurato

Pagina iniziale di Google. (Foto: Corte inglese)

Quando qualcuno va in vacanza, è normale che quella persona si senta ansiosa di dover lasciare la casa vuota per diversi giorni, temendo che i ladri approfittino dell’assenza della famiglia per entrare, Ma questi rischi possono essere risolti se si calcola Google Casa e il Assistente Google.

Grazie a Google Home, Puoi fingere che qualcuno sia a casa Automatizza i tuoi processi permettendoti di attivare e disattivare Hardware Collegato alla casa, come lampadine, lampadine compatibili, altoparlanti o televisori.

Ecco come puoi simulare la presenza di qualcuno utilizzando Google Home

Per creare un simulatore di presenza sulla home page di Google è necessario accedere a routinetocca l’icona per aggiungere un nuovo processo e quando il dispositivo ti chiede se vuoi programmare o meno una routine di un’intera giornata, tocca . Questa opzione ti consentirà di aggiungere tutte le azioni per ogni ora del giorno.

Il prossimo passo è Dai un nome al processo Ad esempio “Al lavoro”, e specificare i giorni in cui si desidera attivare tutte le operazioni da programmare.

La prossima cosa è dirlo a Google Home Quali sono le procedure? Vuoi esibirti in determinati momenti della giornata.

Simula la presenza di qualcuno in casa utilizzando Google Home.  (Foto: guarda come è fatto)
Simula la presenza di qualcuno in casa utilizzando Google Home. (Foto: guarda come è fatto)

Nel dipartimento + Aggiungi nuovo orario Devi scegliere l’ora e dopo aver premuto ‘seguente’, Ora puoi selezionare l’azione che vuoi fare in quel momento.

L’opzione consigliata è Prova ad aggiungere i tuoi comandi. Grazie alla flessibilità che offre, qui puoi digitare tutti i comandi dell’Assistente Google che desideri che l’Assistente Google esegua in quel momento.

Pagina iniziale di Google.  (Foto: guarda come è fatto)
Pagina iniziale di Google. (Foto: guarda come è fatto)

Qui devi andare a controllare quando? Vuoi un’azione specifica a casa, come ascoltare musica o la radio al mattino o accendere le luci di notte. Dobbiamo anche scegliere l’altoparlante o gli altoparlanti con cui vogliamo eseguire queste azioni.

READ  Ora puoi chiedere a Google di rimuovere le tue informazioni personali dai risultati di ricerca

può essere scritto Qualsiasi comando dell’Assistente Google Per controllare automaticamente i nostri dispositivi come segue:

– “Alza/alza i bui” [nombre habitación]”

– “Accendi/spegni la luce [nombre habitación]”

– “Volume su/giù [nombre altavoz]”.

– “ascoltare [nombre emisora de radio]”

– “Ferma il [nombre del altavoz]”.

– “Accendi/spegni la TV”

– “ascoltare la musica”

Se vuoi ascoltare musica o radio quando non sei in casa, devi creare un’azione che si spenga e il gioco è fatto “Prendiamo [nombre del orador]”. Quindi puoi dire che la musica viene riprodotta alle 8:00 e dire che la musica si interrompe alle 11:30.

Inoltre, devi creare un file Eseguire una regolazione del volume dell’altoparlante. È sempre una buona idea controllare prima di uscire di casa che le routine funzionino correttamente.

Pagina iniziale di Google.  (Foto: Tecnopoli)
Pagina iniziale di Google. (Foto: Tecnopoli)

Puoi anche migliorare il simulatore di presenza con musica di Youtube anche spotify Se hai un abbonamento, gli utenti paganti possono selezionare i brani, consentendoti di scegliere suoni o simulare Rumore dell’aspirapolvere o della lavatrice Nel caso in cui tu voglia indurre i vicini a pensare che stai passando l’aspirapolvere sul pavimento o lavando i vestiti.

qui su di te Crea una playlist con rumore e spegni quando hai finito in modo che non si trasformi automaticamente in un brano, Inoltre, regola il volume dell’altoparlante in modo che sembri che la lavatrice venga aspirata o sia già stata lavata.

Ad esempio, possiamo creare un elenco di app che dice “Aspirapolvere” Con una playlist di YouTube Music “Aspirapolvere”.

Continuare a leggere