Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli studenti italiani protestano per gli affitti nelle grandi città che non possono permettersi.

Gli studenti italiani protestano per gli affitti nelle grandi città che non possono permettersi.

Diversi studenti alle porte della Sapienza di Roma hanno protestato per gli affitti insostenibili nella Capitale


  • Studenti di tutto il Paese protestano perché dicono di non poter pagare l’affitto della stanza


  • Per 20 anni i salari non sono aumentati, ma in alcune parti l’aumento degli alloggi è stato del 40%


  • Il fondo per gli aiuti all’affitto non è stato rifinanziato nei budget che Meloni ha progettato questo autunno

I prezzi delle case in Italia, come in altri paesi limitrofi dell’Unione Europea, sono alle stelle. Questa situazione ha dato vita a proteste studentesche in tutto il Paese, da Milano a Roma o Bedova, Decine di giovani sono accampati per chiedere un intervento nel mercato immobiliare diventato impossibile. Prezzi per una stanza in una casa condivisa nella capitale italianasenza includere le spese, circa 500 euro, che al nord arrivano a 700. Questa rivolta universitaria è l’ultima goccia per un problema riconosciuto da tempo in tutte le maggiori città italiane e che colpisce in modo particolare un Paese dove I salari non aumentano da 20 anni. La casa è diventata una spesa impossibile per molti e all’orizzonte non ci sono grandi provvedimenti da parte del governo, infatti a giugno di quest’anno sono stati avviati gli aiuti per l’acquisto della prima casa per gli under 36, pionieri di Mario Draghi, finisce.

Il fatto che in città siano iniziate le proteste studentesche Milano non è un caso, è proprio dove si trovano i prezzi più alti In tutto il paese, in affitto o in vendita. Rispetto al 2015, gli alloggi sono ora più cari del 40% nella città italiana. Milano è da sempre il motore economico dell’Italia, da sola produce il 10% del Pil nazionale, le opportunità di lavoro sono migliori e l’offerta più ampia, fa parte della regione, la Lombardia, che è la regione più industrializzata d’Europa. Tutti questi motivi hanno sempre attratto in città più lavoratori e studenti, il che ha aumentato notevolmente la domanda di alloggi, diminuendo al contempo l’offerta di immobili. Il gran numero di edifici più nuovi e recenti, oltre a non soddisfare tutta la domanda, contribuisce a un aumento ancora maggiore dei prezzi. Il Comune di Milano ha recentemente annunciato che costruirà 1.200 alloggi sociali a prezzi controllati, ma per decenni Nel NIUS mancavano le misure strutturali dei governi precedenti, afferma Filippo Barbera, professore di sociologia economica all’Università di Torino.

READ  Gli scienziati hanno scoperto il DNA del virus delle scimmie nel seme di molti pazienti

Ora i campeggi fuori dalle università milanesi si sono diffusi in altre zone del Paese, come Roma, che ha anche questo problema. Sostengono che l’impossibilità di ottenere un alloggio pregiudichi l’accesso agli studi. La preside della Sapienza dice di comprendere le proteste dei suoi studenti Annuncia che sta già lavorando a 400 alloggi nei prossimi mesi. Ma sembra che questo numero sia ancora lontano dalla soluzione di un problema ormai consolidato in Italia. Il governo centrale ha anche annunciato lo sblocco di 660 milioni di euro dal recovery fund per case o alloggi universitari.

La polemica è però divampata nella sede del governo italiano, mentre continuano le proteste nelle piazze universitarie. Ministro dell’Istruzione, Giuseppe Valdetara attacca, dicendo che “il problema dei prezzi alti delle case è grave, ma riguarda solo le città governate dal centrosinistra”. – dice alla tv italiana – il che dimostra che nelle città dove campeggiano gli studenti non si attuano politiche locali a favore dei giovani e degli studenti Fuorviante, perché dovrebbe sapere che il diritto allo studio è amministrato dalle regioni e dal governo centrale . “. Il sindaco di Roma Roberto Gualtieri ha detto di stare dalla parte degli studenti, così come il leader del M5S Giuseppe Conte che si è avvicinato alle proteste per parlare con gli eroi.

Perché gli affitti sono fuori controllo in Italia?

Professore di Sociologia Economica, Filippo Barbero Spiega come il divario tra stipendio e spesa per la casa negli ultimi anni abbia smesso di funzionare. “Se pensiamo al reddito medionemmeno un reddito bassissimo, ad esempio quello di un’infermiera, ci rendiamo conto che nelle grandi città italiane più della metàFino al 60% dello stipendio annuo va a pagare per l’alloggio. Questo è un problema perché una città come Milano, che attrae l’80% degli investimenti immobiliari del Paese, diventa comunque un luogo per pochi dove alcune tipologie di residenti, come gli studenti, devono andarsene», dice. L’esperto propone una soluzione offerta da altre città come Vienna, dove alcune proprietà demaniali consentono di equilibrare il mercato e di offrire prezzi ragionevoli a una parte dei cittadini.

READ  Il futuro della medicina estetica: rigenerazione senza chirurgia

Gli aiuti sono ridotti

In assenza di misure strutturali che interferiscano con l’aumento sproporzionato dei canoni, alcuni fondi sono ora temporaneamente sospesi. Meloni Executive ha deciso di non finanziare lo scorso autunno. Alla voce di bilancio assistenza noleggio, Il fondo, che di solito aiuta 600.000 famiglie, ha ormai esaurito i fondi dopo la decisione del governo di dare priorità alla spesa in altri settori.