Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli stranieri stanno guadagnando sempre più peso e stanno raggiungendo i livelli più alti nell’acquisto di case in Spagna – Economia

Gli stranieri stanno guadagnando sempre più peso e stanno raggiungendo i livelli più alti nell’acquisto di case in Spagna – Economia

La domanda estera di alloggi in Spagna continua a mantenere un ruolo di primo piano nel mercato immobiliare spagnolo, consolidandosi come il pilastro dell’attività, che ha già raggiunto livelli record con il 21% delle operazioni totali nella prima metà dell’anno.

Sebbene il numero di acquisti e vendite effettuate da stranieri sia diminuito del 7,5% nel semestre a 67.983 transazioni, questa diminuzione è stata più pronunciata nel caso degli spagnoli in un contesto caratterizzato da successivi aumenti dei tassi di interesse che hanno causato un aumento dei costi di finanziamento. Quindi il peso degli stranieri non solo non è stato intaccato, ma è addirittura aumentato.

Oltre al primato confermato dai notai in termini di peso sul mercato della compravendita nella prima metà dell’anno, i conservatori del registro sottolineano che, sulla base dei dati da loro gestiti, gli acquisti esteri di abitazioni nel terzo trimestre rappresentano il 15,4% delle transazioni , che rappresenta il secondo miglior trimestre dall’inizio delle registrazioni, alla luce dei mesi di maggior afflusso turistico.

Secondo le informazioni elaborate dal Collegio dei Cancellieri, l’acquisto di alloggi da parte di stranieri in Spagna non raggiungeva una percentuale così elevata nel corso di un trimestre dal 2022, quando tra luglio e settembre raggiunse il 16% (15,92%).

Britannici, tedeschi e marocchini sulla piattaforma operativa

I britannici hanno continuato a guidare gli acquisti di case nella prima metà del 2023, con il 9,6% del totale (6.498). Seguono tedeschi (8,1%) e marocchini (7,3%).

Dopo di loro, tra gli stranieri che hanno acquistato il maggior numero di case in Spagna, spiccano anche francesi, italiani, rumeni e olandesi.

READ  La mia vita a Roma | Dialetto

Secondo i notai, il gruppo di nazionalità che comprende il resto degli stranieri provenienti da fuori dell’Unione europea costituiva il 12,8%.

Tra gennaio e giugno gli incrementi maggiori sono stati registrati dai russi (50,2%), dagli ucraini (41,6%) e, in concomitanza con la guerra, dagli americani (13,6%).

Quali campi preferisci?

Gli inglesi, che sono i più importanti in Spagna, scelgono l’Andalusia, la Comunità Valenciana e, in misura minore, Murcia, secondo i cancellieri.

Quanto ai tedeschi, preferiscono la Catalogna, le Isole Baleari, le Isole Canarie, la Comunità Valenciana e l’Andalusia. I francesi si dirigono principalmente verso la Catalogna, poi verso la Comunità Valenciana e l’Andalusia.

I marocchini pongono tra le prime scelte la Catalogna, la Comunità Valenciana, Murcia e l’Andalusia, mentre gli italiani scelgono la Catalogna e la Comunità Valenciana, mentre i belgi scelgono principalmente quest’ultima, poi l’Andalusia.

Le comunità autonome con il maggior potere d’acquisto degli stranieri nel terzo trimestre sono state le Isole Baleari (31,7%), la Comunità Valenciana (29,4%), le Isole Canarie (28,2%), Murcia (24,8%) e Catalogna (16,3%). ). %) e Andalusia (16%), secondo le informazioni gestite dai registrar.

A livello provinciale, le percentuali più alte si trovano ad Alicante (43,7%), Santa Cruz de Tenerife (36,6%), Malaga (35,3%), Isole Baleari (31,7%), Girona (30,8%), Murcia (24,8%), Isole Baleari (31,7%). Las Palmas (20,8%).

Al contrario, le comunità meno ricercate dagli stranieri per una casa sono state l’Estremadura, la Galizia e la Castilla y León, dove non hanno raggiunto nemmeno il 2%.

Gli svedesi sono quelli che pagano di più per la propria casa in Spagna

Il prezzo medio pagato da tutti gli stranieri nel semestre è stato di 2.094 euro/mq, in aumento dell’1,3% rispetto all’anno precedente.

READ  La Fed inizia a diminuire e in meno di un anno aumenterà i tassi

Gli svedesi hanno pagato i prezzi medi al metro quadrato più alti (3.036 euro/m2); danese (2930 euro/mq); americani (2.921 euro/mq); svizzero (2812 euro/m2); Tedeschi (2.724 euro/mq) e norvegesi (2.584 euro/mq).

Anche gli acquirenti provenienti da Russia, Francia, Italia, Paesi Bassi, Belgio e Irlanda hanno superato il prezzo medio pagato da tutti gli stranieri.

I prezzi più bassi sono stati pagati dai marocchini (689 euro/m2), dai rumeni (1.086 euro/m2) e dagli ecuadoriani (1.335 euro/m2).