Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli Stati Uniti stanno lavorando a un piano per consentire l’invio di rimesse al popolo cubano senza che il regime di Castro possa confiscare una parte di quelle valute.

(Washington Post)

Joe Biden ha chiesto al Tesoro, entro un mese, di formulargli raccomandazioni su “come massimizzare il flusso di rimesse al popolo cubano, senza la partecipazione dei militari”.

Lo scorso novembre, sotto il governo dell’ex presidente Donald Trump (2017-2021), Washington ha vietato l’invio di rimesse a Cuba, una decisione che ha tenuto in piedi Biden e ha esercitato ulteriore pressione economica sull’isola.

Un funzionario statunitense ha detto ai giornalisti venerdì che La Casa Bianca vuole assicurarsi prima che il governo dell’Avana non tenga una parte del denaro, cosa difficile da garantire.

L’analista Manuel Orozco, membro dell’American Dialogue Organization, ha spiegato in un’intervista al programma CNN Café Che oltre il 60% delle rimesse inviate a Cuba vengono effettuate in modo informale, attraverso quelli che sull’isola sono conosciuti come “muli” o “viaggiatori”, e non contribuiscono in denaro al governo. “Ci sono circa 800.000 transazioni di trasferimento al mese, di cui circa 300.000 vengono effettuate ufficialmente, attraverso media come Western Union o MoneyGram e altri”, ha affermato. “Il governo rimane, con queste transazioni, circa $ 2 ciascuno, cioè può fare un massimo di $ 1 milione al mese”.

Orozco afferma che anche le rimesse ufficiali sono sotto il controllo di Fincimex, una società finanziaria affiliata allo Stato di Cuba. Gli Stati Uniti gli hanno imposto sanzioni nel 2020, motivo per cui i trasferimenti sono stati influenzati dalla recente politica di Washington.

Secondo le stime dell’Inter-American Dialogue, il Centro di ricerca per gli affari internazionali cubano con sede a Washington nel 2019 ha ricevuto rimesse per un valore di oltre 2055 milioni di dollari, che rappresentano il 2% del PIL di Cuba.

READ  Perù: l'estrema destra promuove il golpe parlamentare contro Pedro Castillo | Quattro mesi dopo il suo insediamento, lo accusarono di "incompetenza morale".

Biden ha anche indicato che stanno “lavorando” per aumentare il numero del personale dell’ambasciata a Cuba., che è stato declassato dopo che, nel 2017, quasi trenta diplomatici statunitensi hanno subito un misterioso “incidente di salute” le cui motivazioni non sono state ancora chiarite.

Riferendosi a Internet, il leader democratico ha sottolineato che stanno esaminando “tutte le opzioni disponibili” per garantire che i cubani abbiano pieno accesso a quel servizio e per consentire alle persone di “evadere la censura”. “Sapete sempre che c’è qualcosa che non va quando un paese non consente alla sua gente di essere online e di far conoscere la propria causa in tutto il mondo”, ha sottolineato Biden.

Joe Biden (Reuters)
Joe Biden (Reuters)

Ieri gli Stati Uniti hanno annunciato ulteriori sanzioni contro il regime cubano, questa volta contro la Polizia Nazionale Rivoluzionaria (PNR) e due dei suoi leader.Dopo le proteste dell’11 luglio.

Il Tesoro degli Stati Uniti ha sanzionato Oscar Callejas Valcars, direttore del Registro nazionale del Pakistan, e il suo vice, Eddy Sierra Arias, per il loro presunto ruolo nella repressione di manifestazioni antigovernative senza precedenti nella nazione caraibica.

Le sanzioni vietano qualsiasi risorsa che Caligas, Sierra o membri di un PNR potrebbero detenere sotto la giurisdizione degli Stati Uniti e vietano a coloro che si trovano negli Stati Uniti di negoziare con loro, in base al Magnitsky Act statunitense.

Ieri c’è stato il secondo round di sanzioni imposte dal governo Biden, dopo che giovedì scorso il Tesoro ha annunciato misure contro il ministro delle forze armate rivoluzionarie cubane, Alvaro Lopez Meira, e un’unità militare d’élite conosciuta popolarmente come “The Blacks”. Vespe” o “berretti neri”.

READ  Il conflitto tra Russia e Ucraina minuto per minuto | La Russia accusa l'Ucraina di aver tentato di attaccare la centrale nucleare di Zaporizhia

“Riteniamo responsabile il sistema”, ha detto Biden ore dopo, e venerdì ha ricevuto un gruppo di cubano-americani alla Casa Bianca.

Inoltre, ha promesso più sanzioni “a meno che non ci sia un cambiamento fondamentale a Cuba”, e ha previsto tra i beneficiari “persone che commettono violazioni del sistema”.

Continuare a leggere: