Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli scienziati di XENON1T potrebbero aver scoperto accidentalmente l’energia oscura | Scienza ed ecologia | DW

L’energia oscura, una forza misteriosa che si ritiene stia causando l’espansione dell’universo a un ritmo accelerato, potrebbe essere responsabile dei risultati inaspettati dell’esperimento XENON1T, 1,5 chilometri sotto le montagne del Gran Sasso in Italia.

In un nuovo studio, Pubblicato sulla rivista revisione fisica d, Guidati da ricercatori dell’Università di Cambridge, gli autori hanno suggerito che alcuni dei risultati inspiegabili di un esperimento progettato per rilevare la materia oscura potrebbero essere causati dall’energia oscura.

Il 68% dell’universo è energia oscura

Secondo una dichiarazione dell’Università di Cambridge, L’intero universo è oscuro, ad eccezione di tutto ciò che i nostri occhi possono vedere nel cielo e nel nostro mondo quotidiano, che costituisce meno del cinque percento.

Circa il 27% è materia oscura – la forza invisibile che tiene insieme le galassie e il tessuto cosmico – mentre il 68% è energia oscura, che fa espandere l’universo a un ritmo accelerato.

afferma Sunny Vagnozzi, fisico del Kavli Institute of Cosmology dell’Università di Cambridge.

“Esperimenti su larga scala come XENON1T sono stati progettati per rilevare direttamente la materia oscura, alla ricerca di segnali di materia oscura che ‘collidisce’ con la materia ordinaria, ma l’energia oscura è più difficile”, aggiunge.

Progetto XENON

Il progetto di ricerca XENON è una collaborazione di 160 scienziati di tutto il mondo che si sono riuniti per condurre una serie di esperimenti volti a scoprire particelle di materia oscura.

Questi esperimenti implicano l’uso di xeno liquido di elevata purezza, un gas nobile, incolore, denso e inodore che è presente in piccole quantità nell’atmosfera terrestre. Notizie CTV.

La sperimentazione XENON1T è stata la fase finale del progetto. Circa un anno fa, ho scoperto un segnale imprevisto o ridondante sul mio profilo di sfondo previsto.

READ  La "corona" e il talento spagnolo

“Di solito questo tipo di trasgressioni sono fortuite, ma possono anche portare di volta in volta a scoperte fondamentali”, afferma Luca Vecinelli, ricercatore presso i Laboratori Nazionali di Frascati (Italia).

“Abbiamo esplorato un modello in cui questo segnale potrebbe essere attribuito all’energia oscura, piuttosto che alla materia oscura che l’esperimento era stato originariamente progettato per rilevare”, aggiunge.

Interazioni gravitazionali e accelerazione dell’espansione dell’universo

Per rilevare l’energia oscura, secondo la dichiarazione, gli scienziati spesso cercano interazioni gravitazionali, il modo in cui la gravità attrae le cose.

Il documento aggiunge che l’effetto gravitazionale dell’energia oscura è disgustoso su scale più grandi, separando le cose e causando l’accelerazione dell’espansione dell’universo.

controllo camaleontico

Pertanto, i ricercatori hanno creato un modello fisico che utilizza un tipo di meccanismo di screening noto come scansione camaleontica per mostrare che le particelle di energia oscura generate nei forti campi magnetici del sole possono spiegare il segnale XENON1T.

“Era davvero sorprendente che, in linea di principio, questo eccesso fosse causato dall’energia oscura piuttosto che dalla materia oscura”, ha detto Fagnozzi. “Quando le cose si incastrano così, è davvero speciale.”

Una scoperta come questa significa che gli esperimenti progettati per rilevare la materia oscura, compresi quelli condotti durante il progetto XENON, possono essere utilizzati anche per rilevare l’energia oscura. Ma sono necessarie ulteriori ricerche per confermare questi risultati.

“Prima dobbiamo sapere che questa non è solo una coincidenza”, ha detto il dottor Vecinelli.

A cura di Felipe Espinosa Wang.