Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli attacchi virtuali di Javier Miley ora prendono di mira Adrián Suar |  Il boss ripete il modus operandi ma cambia l'obiettivo

Gli attacchi virtuali di Javier Miley ora prendono di mira Adrián Suar | Il boss ripete il modus operandi ma cambia l'obiettivo

Ancora una volta, Presidente Javier Miley Ha dimostrato ancora una volta la sua incapacità di accettare le critiche di chi ha una posizione diversa dalla sua o la pensa diversamente. In questa occasione ha preso di mira con forza il produttore e attore braccialetto Adriano, Che ha criticato il governo per le misure di stop ai finanziamenti alla cultura e al cinema che se venissero attuate Legge universale.

Nelle ultime ore, Swar ha partecipato al programma di Mirtha LeGrand e ha colto l'occasione per ribadire il suo disaccordo con la possibile punizione della massiccia riforma promossa dal governo nazionale: “Questa legge manca di riflessione. Manca di discussione. Stanno scherzando con la cultura come se la cultura di un paese non fosse nulla. ” Era solo un valore tangibile dal punto di vista economico. Personalmente, quando sento parlare di cultura dal punto di vista economico, la vedo come un punto di vista triste e impoverito”, ha detto il produttore. “Spero che la legge non passi”.

Allo stesso modo, ha chiesto che “quando raccontano come funzionano tutti questi posti, lo spiegano bene Promuovere la cultura in questo Paese è identità. “Mostriamo questa identità al mondo.”

In questo senso, Adrian Soar ha sottolineato che “il budget per la cultura è dello 0,2%, che è una percentuale molto piccola”, e ha sottolineato il valore della produzione nazionale. Ha aggiunto: “Tre di noi sono andati agli Oscar e abbiamo vinto due premi. Siamo molto importanti”. È molto importante incoraggiare le nuove generazioni che verranno. Futuri registi, drammaturghi e attori. L'INCAA si gestisce da sola, al di là del fatto che riceve la somma corrispondente assegnatagli dalla nazione. Non dire “defund”, non dire che la cultura è inutile. Ha ribadito che l'Argentina è un paese che ha a cuore la cultura, poi ha chiesto al governo di “simpatizzare”.

READ  Video commovente di Silvina Luna prima di entrare in sala operatoria: "Augurami buona fortuna"

Dopodiché, Miley, proprio come ha fatto con altri artisti come Laly Esposito, Ha usato i suoi social network per allontanare coloro che la pensavano diversamente. Attraverso il suo account X, ha “mi piace” e RT diversi post fortemente critici nei confronti del produttore televisivo.

“La cultura è in pericolo”, grida scandalosamente il famoso drammaturgo @ElchuecoSuar, affrontando la definitiva perdita egoistica del proprio reddito a scapito della fame dei bambini. Ecco una sintesi della raccolta accademica e cinematografica del pensatore triste”, è stato uno dei messaggi che il presidente ha condiviso con i suoi seguaci.

Questo modus operandi è diventato frequente per il presidente argentino, che sembra più interessato a vedere coloro che lo criticano o lo sostengono nel mondo virtuale, piuttosto che a gestire le redini del Paese.