Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Giro d’Italia 2015: il migliore della storia?

Giro d’Italia 2015: il migliore della storia?

I veterani della sede affermano che il Giro d’Italia non è memorabile come i movimenti dei favoriti del 2015. Alberto Contador ha vinto una vera battaglia campale tra un formidabile Astana. Attraverso gli evoluti Fabio Aru e Alberto Contador, ha mostrato il coraggio e la determinazione dei grandi campioni. Il madrileno aveva un fattore in più contro di lui, ovvero la coincidenza tra il suo grande rivale, l’italiano Michael Landa, che era senza dubbio il miglior scalatore in gara. Tra i due ciclisti azzurri sono caduti un agguato.

A Sanremo, dove 98a edizione Del Giro d’Italia, il Giro assoluto ha raccolto tanti galli con tante ambizioni. Richie Porte è salito alla ribalta nel cielo britannico grazie ai suoi numerosi successi. Ricoberto Uran ha atteso l’occasione per vincere. Hesjedal, l’eventuale vincitore della maglia rosa, ha già debuttato la sua candidatura senza indossare il numero 1 e tutto il bottino che comporta. Simon Gerrens ha vinto la prima giornata, una cronometro di gruppo dominata dall’australiano Green Edge, davanti a Tinkoff di Contador. L’Astana ha perso per soli 6 secondi per definirlo un pareggio tecnico nella partita di venti minuti.

Viviani e Mathews si sono occupati dei due palcoscenici muti della versione integrale. Sulla strada per La Spezia, una tappa di media montagna vinta da David Formolo ha dato il primo assaggio di quello che sarebbe stato il Giro. L’Astana ha mandato avanti la prima ape in ultima posizione. È stato Michael Landa che non è riuscito a fare la differenza alla fine della tappa con quella mossa. Non era ancora una combinazione pericolosa, ma la squadra kazaka stava misurando le distanze. Lo sforzo è stato importante in quanto lo scalatore di Murguia è uscito dal gruppo selezionato, consentendo a Contador di registrare meno di un minuto con Basque nella classifica generale.

Quel tentativo di suicidio lo avrebbe influenzato più tardi. Il giorno successivo è arrivato il primo massimo in lieve abadone. Le sue pendenze erano simili alla selezione, ma non alla fine. Era così. Ma c’è stata una sorpresa, dato che Alberto Contador aveva scelto di mettere i punti in I quel giorno. È stato il colpo più duro di Pinta, con Richie Porte e Fabio Aru che ci hanno provato fino a quando non hanno deciso di ripagare. Anche allora, Michael Landa, ancora ignaro della dimensione e del ruolo storico che avrebbe ricoperto in questo Giro, indietreggiò in pochi secondi.

Le vittorie di Greipel, Ulissi e Intxausti (a Campitello Matese) hanno preceduto il primo giro serio di Landa. Quello è stato esattamente il giorno in cui Benaud ha ottenuto la sua vittoria di tappa. Ha chiuso secondo, sfruttando la boa tra Aru e Contador, arrivati ​​a soli 15″. Alberto era già al comando del generale dell’Abetone, con poca differenza dal suo teoricamente grande rivale, Aru. Nella tappa successiva vincerebbe un Astana, con un amico e leader (Paolo Tralongo) e contendente che si prende la seconda distanza nello sprint finale di una difficile tappa di media montagna a San Giorgio del Sannio. Un po’ loquace, sì. Ma è bello vedere come la tensione definisce lo sviluppo della razza.

READ  Una delle pagine più buie della storia italiana è la morte di Giovanni Falcone

Jacquard vincerebbe a Imola, il che porterebbe a un piazzamento leggermente migliore a Vincenza al Monte Perico. Contador ha sparato duro e ha guadagnato di più per continuare in testa. Ha aggiunto il bonus e ha perso di 11 ″ contro l’eventuale vincitore Gilbert, dal quale è arrivata la rosa di due secondi. Una bella rapina, più psicologica che reale, ma necessaria per la prossima giornata importante, una cronometro di quasi 60 chilometri, dove lo spagnolo è partito in vantaggio e partire ultimo ha permesso diversi vantaggi strategici. Aru è diventato rosa stato precedente, una giornata piatta e accidentata, pioggia e cadute hanno tagliato il leader. Nella cronometro, Krienga avrebbe vinto e sarebbe stato dichiarato campione del mondo lo stesso anno. Contador finirebbe terzo dietro uno spettacolare Luis Leon Sanchez (un altro Astana).

Aru chiude al 3′ e Landa al 4′. La distanza era già importante, e qui stava per iniziare il programma dell’Astana e, soprattutto, il programma di Don Alberto Contador, che avrebbe ingaggiato una delle migliori squadre di ciclismo del secolo. Almeno per quanto riguarda i grandi tour. Poi è arrivata la prima tappa più difficile, il Passo Don e l’arrivo alla mitica stazione di Madonna di Campiglio, dove Pantani è stato testato per l’ipertensione. Tre uomini forti sono rimasti soli sull’ultima salita, Yuri Trofimov, il russo di Katusha, con una prestazione straordinaria. Landa avrebbe continuato a vincere, l’unica vittoria che Contador aveva concesso.

Arriva una delle parti più interessanti di questo Giro. Perché per l’occhio lento, che collega un corridore spagnolo con un altro spagnolo, da un collega all’altro, una certa amicizia o ammirazione, Contador sarà sempre il più leggendario. Tuttavia, una rapida lettura degli occhi è un’altra questione, il che significa che la loro scelta di non fare un 2 contro 1 manuale prima della coppia Astana sta facendo innervosire Aru con Landa. Cioè, usa il tuo compagno di squadra come un alleato riluttante per fargli pressione e condurre il combattimento. Durante il Giro si vede che nulla preoccupa il madrileno italiano. Sapeva che solo le gambe massicce di Landa erano in grado di metterlo fuori combattimento dalla sua tattica.

Arrivò la tappa africana, con il mitico Mortirolo lungo il percorso. Chilometri prima di Colossus, una foratura ha interrotto Contador con uno dei suoi compagni di squadra. L’Astana approfitta della sfortuna per calciare a muro e mettere fuori gioco lo spagnolo. Con il passare dei secondi tra i due gruppi, i cosacchi passarono all’attacco, perfettamente legale, ma si sarebbe rivelato molto più costoso di quanto avessero immaginato. Con Astana, l’alto alpinista olandese Kruiswijk, Strong è stato presto in testa alla corsa. Landa era trattenuto, in attesa del suo leader ancora indiscusso.

READ  Covit-19 in Italia: Corona virus e vaccinati dal 22 marzo

Il Port si è fatto avanti e poco alla volta è stata tagliata la maglia rosa, girone a girone, ruota a ruota per riprendere il controllo del Giro. Ci riuscì, catturò Astana e, senza nemmeno respirare, accelerò la marcia non appena raggiunse il gruppo kazako. Landa ha seguito senza problemi la ruota di Alberto, anche se presto sarebbe stato rallentato da Aru, che ha iniziato a perdere metri. Il Mortirolo era in fiamme dalla base e faceva scompiglio, con i corridori che andavano più o meno dal basso verso l’alto. Alla fine Contador e Landa si sono liberati dal loro lavoro e hanno agito da freno.

Dopo la discesa, il contropiede finale di Landa di questa occasione non è rientrato, è scappato da solo e ha ottenuto una vittoria e un vantaggio che lo hanno superato nell’ordine che lo ha posizionato nella lotta per la casella del Milan. L’Astana aveva una bomba in mezzo e stava preparando il suo attacco al trono di Contador, che stava per vincere il suo terzo Giro d’Italia, con entrambe le carte. Quello che non sapevano era che lo spagnolo aveva un piano, più esperto in queste risse dei due ciclisti rivali.

IL 18° livello Ha guidato il gruppo a Verbania attraverso il difficilissimo Monte Ologno. Le sue piste saranno teatro della vendetta della maglia rosa. Dingoff ha utilizzato una goccia dell’aru per restituire la moneta del Mortirolo ad Astana. Il leader è arrivato in fondo al porto in vantaggio e, come in un’altra sessione cronometrata, ha sferrato il colpo di grazia agli avversari che erano a più di 5 minuti dal via. La vendetta era su un piatto freddo quando nessuno se lo aspettava.

L’Astana, lungi dall’arrendersi, ha provato a ritrovare i due sulla salita finale verso Cervinia de la 19° livello. Contador aveva molto margine per giocare rilassato. La salita a questa stazione sciistica è tortuosa, strada larga e non pronta a rotolare. L’aspetto tattico è stato ricalcolato, ma in realtà l’Astana stava inconsapevolmente gareggiando contro l’Astana, gestita dalla lucidità di Contador. Aru ha colpito a nove chilometri dal traguardo. Alberto pensava che altri come Michael Landa, che si era unito alla ruota degli spagnoli, dovessero essere più preoccupati.

In questa ultima settimana del Giro, Aru ha preso un lungo vantaggio di minuti con una vittoria di tappa in solitaria contro un formidabile corridore Hesjedal. L’italiano era già secondo assoluto, davanti al compagno di squadra e in una situazione completamente controllata dal leader, non ha mai visto la sua posizione in pericolo. La cosa strana è che la 20^ tappa, con arrivo a Cestrieres, ha richiamato anche le temute Finestre lungo il percorso. Una posizione che era uno zero. Ha vissuto un’epica battaglia in cui Contador ha interpretato Indoran.

Alberto non sta passando la sua giornata. Astana spenderà la sua ultima cartuccia su Finestre. Landa ha marciato come un colpo e ha cercato di spezzare i piani di Contador in alto, a Sterrato. Il Landa rosa dovette essere lasciato andare e Aru, che sembrava soffrire, si riprese, superò lo spagnolo e si lanciò alla ricerca del suo compagno, che volò verso la cima del Colosso. Ha catturato Ilanur Zakarin, che stava lottando per la vittoria di tappa. Contador aveva un vantaggio di cinque minuti su Landa. Così ha stabilizzato il suo passo e ha mantenuto la calma. Bask sapeva che era impossibile per lui e la sua macchina non esplodere e ottenere quel vantaggio da Pinta.

READ  Lo storico che ha denigrato la cucina d'Italia

Landa continuò con un ritmo inquietante, che ricordava quelle cavalcate di Pandany nei porti. Lui e il russo di Katusha, tenendo il volante il più a lungo possibile, hanno incoronato Finestre al comando. Picco Kopi. Landa ha corso per il premio e l’ha vinto, cosa che il suo compagno di fuga ha considerato un brutto gesto e quindi ha smesso di collaborare con lo spagnolo. Landa, se aveva una possibilità di volere qualcosa, l’aveva persa in quell’istante. Aru era in una posizione intermedia, così finalmente, e già in leggera salita di Sestriere, la dirigenza del team ha deciso di fermare Michael per aiutare il suo leader. Tra qualche lacrima il pilota accettò l’incarico e andò a lavorare per Fabio Aru, che sarebbe partito dalla salita finale e avrebbe vinto la tappa.

Contador ha raggiunto il traguardo da solo per più di due minuti con una compostezza che ha giocato nei suoi guadagni. Quell’intelligenza lo ha aiutato a superare una delle fasi più difficili della sua carriera. Arriviamo a Milano con il corridore Tinkoff appena insignito del suo secondo Giro ufficiale (terzo non ufficiale), Aru secondo e Landa terzo. La situazione di Finestre si sarebbe ripetuta al Giro di Spagna di quell’anno, quando Landa vinse la tappa di Andorra tra le istruzioni di fermare il suo leader, contando sul rifiuto dello spagnolo, consapevole della marcia verso il Team Sky. .

Sono state tre settimane in cui c’è stata intensità fin dall’inizio e una battaglia per vincere il Giro fino all’ultimo momento. Astana ha provato tutto il possibile per rovesciare Raja, ma anche Raja sarebbe stato intelligente, leggendo meglio le successive situazioni di gara e alla fine incoronando il Giro come il migliore di tutti i tempi. La lotta tra Merckx e Fuente nel 1974 o qualche altra versione degli anni ’90 o dei primi anni 2000. Qualcosa di molto soggettivo, questo è chiaro, ma ci sono argomenti per sostenere l’argomento che il 2015 è senza dubbio la versione migliore.

Scritto da Lucrecio Sanchez

Foto: Sirotti