Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Giorgia Meloni ha raggiunto un accordo con l'Albania per l'invio dei migranti in arrivo sulle coste italiane

Giorgia Meloni ha raggiunto un accordo con l'Albania per l'invio dei migranti in arrivo sulle coste italiane

29/01/2024

Aggiornato alle 19:26

Lunedì la Corte Costituzionale albanese ha dato il via libera Accordo transattivo L’Italia ha raggiunto qualche mese fa il governo di Giorgia Meloni e ciò prevede l’apertura di due centri di accoglienza migranti sul territorio albanese.

Con cinque voti favorevoli e quattro contrari, il provvedimento tornerà nelle mani del parlamento albanese, che dovrà formare un governo sulla questione. Ma tutto indica che il piano sarà approvato poiché il partito del primo ministro, Ediram, ha la maggioranza alla Camera.

I centri di detenzione saranno istituiti nel porto di Shenzhen e in un’ex base militare

Il primo ministro italiano e il suo omologo albanese hanno firmato diversi mesi fa questo “accordo strategico”, come lo ha definito Meloni, che ha valutato la mossa. Un passo avanti per ridurre il traffico di esseri umani e, allo stesso tempo, garantisce l'accoglienza degli immigrati di diritto “Sicurezza internazionale”.

Il piano prevede la ricollocazione in Albania dei migranti che arrivano in Italia attraverso il Mediterraneo e la creazione di due centri capaci di accoglierli. 3.000 persone. Se le domande di asilo verranno risolte in quattro settimane, l’Italia si occuperà delle strutture utilizzate per gestire l’arrivo di circa 36.000 migranti all’anno.

Questo lunedì decine di attivisti e difensori dei diritti umani hanno manifestato davanti alla sede del tribunale nella capitale del paese, Tirana. È prevista la creazione di centri di detenzione nel porto di Shenzhen sul Mar Adriatico e in un’ex base militare a Gizadar.

Il Ministero dell'Interno italiano ha registrato quest'anno più di 145.000 visite Migranti e rifugiati, mentre il bilancio delle vittime nella regione del Mediterraneo centrale è già vicino a 2.200, secondo i dati dell'Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM).

READ  Covit-19 in Italia: Corona virus e vaccino dal 20 gennaio


Articolo riservato agli abbonati

Accesso senza limitazioni Per un giornalismo eccellente

Vedi i commenti