Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Figal ha accennato all’indipendenza per migliaia di dollari – Tutte le notizie indipendenti

Figal ha accennato all’Independiente per migliaia di dollari

Il difensore ha intentato una causa per un debito del club con lui da quando è stato venduto. Scopri quale numero sta chiamando!

Il 30 gennaio 2020, la vendita di Nicolás Figal all’Inter Miami è ufficiale per 2,6 milioni di dollari per il 50 percento del biglietto. El Rojo ha negoziato varie clausole per proteggere il restante 50 percento. Nel caso in cui arrivi un’offerta di oltre 9 milioni di dollari e non venga accettata dall’Inter, sarà obbligata a trasferire 4,5 milioni di dollari all’Independiente. Ci sarà una clausola simile di anno in anno.

Se nessuna offerta arriva o viene accettata fino al 2024 e rinnova il contratto o viene rilasciata, l’Inter dovrà pagare all’Independiente altri 2,6 milioni di dollari per il restante 50 percento.

Ma ora è sorto un problema serio! Il difensore ha intimidito il club con una lettera di attestazione accusandolo di non aver mai addebitato il 15%. Come un accordo di contrattazione collettiva, che è il denaro che i giocatori ricevono ad ogni vendita. Il numero sale a $ 375.000.

Hanno assicurato al club di aver rilasciato i soldi in modo che la vendita potesse essere eseguita. Tuttavia, lo negano da parte del calciatoreNotando che questa cifra non è mai stata donata – a causa del basso stipendio che aveva all’Independiente – ma è stata accettata un’attesa di circa un mese per i leader per effettuare il trasferimento.

È un altro problema legale che si aggiunge al problema rosso e può continuare nella magistratura del lavoro nel caso in cui non ci sia soluzione durante le prossime 48 ore di lavoro tra il difensore e l’istituzione che ha visto la sua nascita.

READ  Giocatori che perderanno la Coppa del Mondo di Premier League

Dopo essere andato alla MLS, Figal ha detto in un’intervista: “L’ultima volta in Independence c’erano cose che non potevo più gestire. Impossibile continuare. Le offerte arrivavano da altrove e al club non piacevano. Quando questo è apparso non ho esitato. Non mi sentivo apprezzato quando ne avevo più bisogno. Mi sentivo come se mi stesse facendo la cosa sbagliata. Il rapporto con i leader non è stato dei migliori.

“Non stavo andando bene dall’Independiente, sono uscito triste, speravo di vincere qualcosa di più. Avevo obiettivi e non li ho raggiunti, È un club che amo così tanto perché mi ha allenato. Volevo vincere un campionato nazionale e la Copa Libertadores, ma per alcuni motivi non è successo “., Pieno.