Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ferrari vs Miti: il mistero del GP di Monza in Italia |  Formula 1 |  F1 |  Carlos Sainz |  Totale sportivo

Ferrari vs Miti: il mistero del GP di Monza in Italia | Formula 1 | F1 | Carlos Sainz | Totale sportivo

Ferrari In Italia. Tre parole che trasmettono emozione. Questo fine settimana il Cavallo Furioso corre davanti ai suoi tifosi e, anche se la logica suggerisce che il compito sarà arduo, l’illusione è alimentata dall’irregolarità positiva del “sì, possiamo”. Forse c’è carenza di risorse, e forse in ogni gara ci sarà almeno un punto di arresto problematico. Alcuni potrebbero obiettare che Leclerc non gestisce bene la ricerca dei riflettori, che i suoi polsi tremano ancora o che Sainz manca di fascino visivo a causa della sua coerenza. Comunque è una Ferrari, e sarà a Monza. Nonostante una serie di sconfitte (quest’anno non hanno vinto, solo due podi dietro Charles) e la battaglia per il terzo posto nel Campionato Costruttori con l’Aston Martin, gli uomini cremisi vogliono rompere il trend nella loro terra natale, sfidando le probabilità e salire sul podio di Monza, vibrando delle note leggendarie di “Fratelli d’Italia”.

Analisi: chi sarà il capitano, come sta Cueva e tutto quello che c’è da sapere sulla rosa di Reynoso, ad una settimana dal debutto

“Essere un pilota Ferrari a Monza è speciale e una delle esperienze più gratificanti per un pilota. Quindi il mio obiettivo è godermi il momento e realizzare l’opportunità che è a mia disposizione come pilota.”ha affermato Carlos Sainz In qualifica dimostra che il ruggito dei tifosi della squadra di casa, alla guida di una Ferrari, può far impallidire il rombo del motore delle altre 18 vetture che si sfideranno all’Autodromo Nazionale di Monza con l’obiettivo di deludere le speranze della Ferrari.

In questa versione il team ha deciso di dare maggiore importanza al colore giallo della vettura. la ragione? In onore della Hypercar 499P che vinse il Campionato Mondiale Endurance nel centenario di Le Mans. Pertanto, vedremo il muso, il cofano e i numeri del pilota in giallo. E l’anno scorso, la squadra ha addirittura adottato il giallo sulla vettura per celebrare il 75° anniversario dell’azienda e rendere omaggio alla città natale del suo fondatore, Modena, situata vicino a Maranello.

READ  STORIA: I Pumas 7 hanno battuto gli All Blacks in una vibrante finale in Nuova Zelanda e sono i campioni

Di fronte a questa nuova scelta della squadra, molti tifosi italiani superstiziosi hanno sottolineato che l’uso del giallo nelle attuali circostanze è per invocare sfortuna. Per molti questo colore è associato alla sfortuna, soprattutto nel mondo dello spettacolo. Quindi, sarebbe raro vedere eroi in TV, sul palco o negli spettacoli dal vivo indossare questa tonalità per pura superstizione. Ciononostante la Ferrari la indosserà, forse pensando che, come gli scaramantici che si tingono di giallo per un prospero anno nuovo, vogliono a Monza iniziare un nuovo conto alla rovescia verso la loro rinascita in questa stagione.

Ma desideri e desideri a parte, riuscirà la Ferrari a primeggiare a Monza? Il pilota dell’Aston Martin Fernando Alonso ha la risposta: “La Ferrari eccelle sempre in eventi come questo, con lunghi rettilinei, curve corte e curve estremamente veloci. Le ho corso su questa pista e per qualche motivo hai la sensazione che i tifosi ti stiano dando un secondo di velocità in più del solito. Dovremmo non perdere di vista la Ferrari qui.”. Monza detiene il record di velocità media più alta del campionato (247,585 km/h) e presenta curve che mettono alla prova i piloti. Su questo percorso, i rischi audaci comportano ricompense generose, ma comportano anche grandi rischi. Per questo motivo non per niente questo percorso è conosciuto come il “Tempio della velocità”. Un tempio in cui i seguaci hanno una devozione: chiedere ai loro eroi di lasciarsi alle spalle la logica e cercare la devozione. Dio salvi la Ferrari!

Non perdetevi il podcast di Daniel Saint Roman!