Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Fabio Panetta, il membro della Bce che Meloni vuole per l’economia

Giorgia Meloni, leader del candidato di estrema destra a vincere le elezioni politiche italiane di domenica prossima e alla guida del nuovo governo, dovrà affrontare uno scenario economico molto difficile: la crisi energetica, l’inflazione e la minaccia di cambiamenti nella politica monetaria costituiscono un debito pubblico di oltre 2,7 miliardi di euro, il 150% del PIL di transito per le Alpi.

Per questo, analisti politici ed economici sottolineano che il capo del partito postfascista Fratelli d’Italia, nella scelta del prossimo capo dell’economia, Sarà più cauto di quanto appaia ai raduni. Se da un lato ha appena annunciato che dopo la sua vittoria, per l’Europa “il partito finirà” e si è dichiarato l’unico oppositore del governo dell’ex presidente della Bce Mario Draghi, dall’altro sta cercando il futuro ministro dell’Economia all’Eurotower di Francoforte. Secondo la stampa d’oltralpe, Meloni sta “corteggiando” Fabio Panetta, membro del Comitato Esecutivo della Banca Centrale Europea. In risposta a una domanda della Reuters, il leader della Fratellanza in Italia ha definito Panetta una persona di “altissimo rango”. È un riconoscimento proveniente interamente dalla politica che in un tweet del 2016 ha identificato la Commissione e la Banca centrale europea come un “comitato di società e usurai” e in un altro, nel 2017, l’euro era “la valuta sbagliata, destinata a crollare”.

Amato da Draghi

Il curriculum di Panetta lo rende un Il candidato perfetto per affrontare dubbi e tensioni Che l’Italia dovrà affrontare nei prossimi mesi. Nato a Roma nel 1959, Panetta ha conseguito una laurea in economia presso la Louis University nella capitale italiana, un master presso la London School of Economics e un dottorato presso la London Business School. Nominato dalla Banca d’Italia nel 1985, è entrato nel Servizio Studi, l’ufficio più prestigioso dell’ente. La stampa italiana riporta che la sua personalità aperta e allegra lo ha aiutato a costruire relazioni e sviluppare la sua carriera. Oltre all’educazione politica della famiglia, dal momento che il padre è stato capo di stato maggiore per le Politiche comunitarie ei Rapporti con il Parlamento, nel governo centrista di Giovanni Spadolini, negli anni ’80.

READ  Viaggi in Europa, Stati Uniti e Brasile: quali vaccinazioni sono richieste agli argentini per entrare in ogni paese

Secondo indiscrezioni Quando Mario Draghi è arrivato alla Banca Centrale nel 2005, Panetta lo ha aiutato a stabilirsi nell’entitàe instaurare con lui una fiducia reciproca. Tanto che nel 2007 Draghi lo nomina a capo del servizio di ricerca e nel 2011, prima di dirigere la Banca Centrale Europea, gli affida la Direzione Generale per il Coordinamento tra Banca Centrale d’Italia ed Eurotower.

I buoni rapporti con il successore di Draghi, Ignazio Visco, lo hanno portato dal 2012 al 2019 a vicedirezione generale della Banca d’Italia e nel 2019 alla direzione generale dell’ente. Nel gennaio 2020 Panetta è entrata a far parte del Comitato Direttivo della Banca Centrale Europea, l’organo di governo della banca continentale.

Questa corsa rende il banchiere italiano il successore ideale dell’attuale sovrano alpino, Visco, il cui mandato scade nel 2023. Diverse fonti hanno detto a Reuters che Panetta “resisterà” alle pressioni di Meloni Assumere la carica di ministro dell’Economia. Il banchiere non lo ha commentato ufficialmente, ma altri articoli di stampa evidenziano che la situazione cambierà se la richiesta arriverà direttamente dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che secondo la costituzione italiana ha l’ultima parola nei ministri, o da Mario . Lo stesso Draghi, presidente del Consiglio uscente.

Cercasi leader della stabilità

Si tratta di dare continuità all’idea di stabilità in Italia rappresentata da Draghi e dal Chief Economist Daniele Franco, che è stato Vice Direttore Generale della Banca d’Italia con Panetta e suo successore nella direzione generale della Banca d’Italia. entità. Inoltre, uno come Panetta, che conosce dall’interno i meccanismi della Bce, sarebbe di grande valore per un governo che rischia di soffrire della sfiducia dell’Europa nei confronti di Meloni.

READ  L'Autorità Esecutiva riceve le società elettriche, ma non alza nuove tasse | comp

A ciò si aggiunge il fatto che durante il suo incarico presso la Banca centrale europea, Panetta si è distinto in una forte difesa del sistema bancario italiano e dei salvataggi approvati, sottolineando che nella ristrutturazione degli enti, Roma ha speso meno di Berlino o Parigi. Qualcosa che suona come musica alle orecchie di Meloni, che basa la sua campagna sulla difesa degli interessi nazionali dell’Italia in Europa.

Comunque, se Panetta dovesse fare marcia indietro, probabilmente sarebbe il futuro presidente del Consiglio Non rinunceremo alla nomina a ministro dei tecnocrati. Secondo la stampa italiana, Meloni potrebbe decidere di scindere il ministero dell’Economia, cercando un’immagine di alto profilo del Tesoro, come garante dei conti pubblici, e nominando un politico per gli affari finanziari.

Il compito di Panetta o di qualsiasi altro tecnocrate non sarà facile: secondo gli analisti di Barclays, le misure finanziarie annunciate dalla coalizione di destra, composta dai fratelli Georgia Meloni in Italia, dalla Lega di Matteo Salvini e da Forza Italia di Silvio Berlusconi, sarebbero causare ulteriori disavanzi compresi tra 30mila e 70mila milioni di euro. Una cifra alta, tra l’1,5% e il 3,9% del Pil, che servirà soprattutto a tagliare le tasse alle famiglie e alle imprese.

CommentiIl WhatsAppFacebookFacebookTwitterTwitterLinkedInLinkedIn