Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Euro 2020/2021: la Spagna infuocata con il pallone

Agenzia di stampa Francia

È la squadra con il punteggio più alto, la squadra con il maggior possesso palla, la squadra con il maggior numero di passaggi e la squadra che attacca di più di tutti i quarti di finale.

Robert Peske

La Spagna è un lupo. Si è tolta il costume da Cappuccetto Rosso e ha mostrato i suoi denti in un Campionato Europeo che ha portato fuori alcune delle sue migliori favorite per vincere il titolo: Francia, Germania, Portogallo e Paesi Bassi. La Roja è passata dall’essere una squadra sconosciuta, giovane e affettuosa, ancora da fare e maturare,
Diventare un serio contendente per il trono dell’antico continente. Oltre ai risultati, che sono andati migliorando nel corso dei giorni, gli uomini di Luis Enrique hanno standardizzato un modello di gioco che consente loro di comandare quasi tutti i criteri offensivi: sono la squadra con più gol nel torneo (11), la più possessiva (68 %), e il maggior numero di passaggi (3304) e assist (11) degli otto giocatori dei quarti di finale, quello con il maggior numero di attacchi (272) e che ha concluso con una media di 17 volte a partita, è terzo dietro l’Italia (21.7) e Danimarca (19.2). La Roja è fuoco puro con una palla. Lo vuole e lo ha.

Dopo aver disegnato con Svezia e Polonia, sono scattati gli allarmi nelle zone intorno a La Roja, che è rimasta fedele al suo modello. Nulla di fondamentale è cambiato tra la sfida contro Svezia e Slovacchia, solo gli uomini di Luis Enrique avevano gli occhi puntati. Coloro che non erano ancora entrati si cristallizzarono nella vittoria sulle forze di Hamsik, che non sapevano da dove provenisse l’aria.
La squadra nazionale lo ha approvato come una “piccola mano” e si è fatto strada nei turni di qualificazione. Lo ha fatto per la parte più difficile del tabellone, ma l’identità degli avversari non ha cambiato di una virgola la sua idea di gioco: possedere la palla, andare veloci al recupero dopo una sconfitta, alzare il campo base sul campo avversario . Attacca e non crolla mai nelle avversità. È stato visto contro la Croazia, quando ha preso diversi colpi e lungi dall’annegare è uscito con il suo modello e la fede in quello che stava facendo.

READ  Toto Schillaci e il pericolo dell'amore estivo | Gli sport

In questo modo è balzato ai quarti di finale con 11 reti in quattro partite, un record che non resiste ai confronti. Seguono Italia e Danimarca con nove, Belgio con otto e Svizzera domani con sette. Un altro grande favorito come l’Inghilterra ha segnato a malapena quattro gol finora in questo torneo, due dei quali contro la Germania per liberarsi di tutti i pool accumulati negli anni.
E nessuno vuole il pallone come la Nazionale: possesso medio 68%.. Lo strumento di lavoro è cucito al piede. Nessuno degli altri sette quarti di finale ha raggiunto il 60%. Azora e danesi hanno una popolazione del 56%, mentre la Repubblica Ceca arriva a malapena al 46,3%. La Roja sa anche cosa fare con il pallone, meno in orizzontale e in verticale, con 68 tiri registrati in sei ore di calcio. Solo la Transilpina e la Danimarca tirano di più, rispettivamente con 87 e 77 tiri.

Solo cinque fermate da Simon

La Spagna difende il pallone, il modo migliore per proteggersi. Nelle sue quattro partite nell’Eurozona, la squadra ha effettuato 3.304 passaggi, di cui 2.945 completati, con un’efficienza dell’89%.
Nessuno si avvicina a La Roja in questo reparto. Il prossimo della lista è il Belgio con 2.485 nascite, 819 in meno dei ragazzi di Luis Enrique. Così, tra l’altro, è stato chiarito che Unai Simon è stato il portiere che ha avuto meno problemi con solo cinque parate, segno che ha migliorato solo di poco Donnarumma (4) e Schmeichel (4). Inoltre, la nazionale è la squadra che ha segnato più attacchi nel torneo con un totale di 272, davanti a Italia (243) e Danimarca (219).

Sono i numeri a definire un blocco realizzato a immagine e somiglianza di Luis Enrique, che prima dell’inizio del campionato continentale ha inserito i suoi uomini nella rosa dei migliori candidati. Lo ha mantenuto anche dopo i primi due pareggi. Quando gli è stato chiesto del suo stato mentale, ha detto: “Ho completa fiducia”. Ora è a due partite dalla finale di Wembley. Le statistiche del calcio e la sua squadra dipingono la sagoma di un lupo. Lui ha fame.